Viktor Gaddefors

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Viktor Gaddefors
Nome Carl Viktor Gaddefors
Nazionalità Svezia Svezia
Altezza 201 cm
Peso 91 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Guardia / ala piccola
Squadra No flag.svg Free agent
Carriera
Giovanili
Uppsala Basket
2010-2011 Virtus Bologna
Squadre di club
2008-2010 Uppsala Basket 33 (116)
2010-2014 Virtus Bologna 63 (381)
2011-2012 Scandone 32 (200)
2014-2015 Pall. Mantovana 25 (330)
2015-2017 Juvecaserta 47 (221)
Nazionale
2008 Svezia Svezia U-16
2009-2010 Svezia Svezia U-18
2011-2012 Svezia Svezia U-20
2013- Svezia Svezia
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 30 giugno 2017

Carl Viktor Gaddefors (Östersund, 8 ottobre 1992) è un cestista svedese.

Ha un fratello maggiore, Anton, anch'egli cestista.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Viktor Gaddefors gioca le sue prime due stagioni da cestista in prima squadra (2008-09 e 2009-10) con l'Uppsala, in Svezia.

Nell'estate 2010 firma per la Virtus Bologna[1], ma durante il primo anno colleziona poche presenze in Serie A giocando prevalentemente nella squadra giovanile Under-19.

Per la stagione 2011-2012 viene girato in prestito alla Sidigas Avellino[2], sempre in Serie A, dove trova maggiore spazio giocando titolare in tutte le 32 partite in cui è stato schierato. In 27,4 minuti di utilizzo ha realizzato 6,3 punti di media.

Un anno più tardi rientra a Bologna, rimanendovi per un biennio. Con un minutaggio leggermente inferiore a quello che aveva ad Avellino, mette a segno rispettivamente 5,6 e 6,8 punti di media nei due anni di permanenza.

Nell'agosto 2014, approfittando di un ritardo del club nel pagamento dello stipendio, ottiene lo svincolo unilaterale da parte della FIBA, trovandosi così libero di firmare per la Pallacanestro Mantovana in Serie A2 Gold[3].

Torna nella massima serie nel 2015[4] disputando due stagioni con Caserta.

Dopo un esperienza in Svezia con Uppsala il giocatore, nell'estate 2017, firma un contratto con la squadra polacca del Krosno[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]