Vespertilio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Vespertilio
Vespertilio murinus 2.jpg
Vespertilio murinus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Laurasiatheria
Ordine Chiroptera
Sottordine Microchiroptera
Famiglia Vespertilionidae
Sottofamiglia Vespertilioninae
Tribù Vespertilionini
Genere Vespertilio
Linnaeus, 1758
Sinonimi

Aristippe, Marsipolaemus, Meteorus, Vesperugo, Vesperus

Specie

Vedi testo

Vespertilio (Linnaeus, 1758) è un genere di pipistrelli della famiglia dei Vespertilionidi comunemente noti come serotini bicolore.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Al genere Vespertilio appartengono pipistrelli di piccole dimensioni, con lunghezza della testa e del corpo tra 54 e 80 mm, la lunghezza dell'avambraccio tra 41 e 55 mm, la lunghezza della coda tra 34 e 54 mm e un peso fino a 20 g.[1]

Caratteristiche craniche e dentarie[modifica | modifica wikitesto]

Il cranio è corto e largo con un profilo dorsale diritto, senza cresta sagittale. Il rostro è massiccio e appiattito e con una profonda concavità su ogni lato tra le narici e la fossa lacrimale. I denti sono simili a quelli del genere Eptesicus. Gli incisivi superiori sono trifidi mentre l'ultimo molare non è particolarmente ridotto.

Sono caratterizzati dalla seguente formula dentaria:

3 1 1 2 2 1 1 3
3 2 1 3 3 1 2 3
Totale: 32
1.Incisivi; 2.Canini; 3.Premolari; 4.Molari;

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

La pelliccia è lunga e densa. Il colore delle parti dorsali è generalmente brizzolato, dovuto principalmente alla punta dei peli argentata, mentre le parti ventrali sono biancastre o color crema. Le orecchie sono corte, larghe e triangolari con il bordo posteriore che si estende alla base, attraverso l'antitrago fin quasi all'angolo posteriore della bocca. Il trago è piccolo, corto, con l'estremità arrotondata e piegata in avanti. Le ali sono strette ed attaccate posteriormente alla base delle dita dei piedi. La coda è lunga e si estende di circa 2–5 mm oltre l'ampio uropatagio. Il calcar è lungo e fornito di un lobo terminale. Le femmine hanno sia uno che due paia di mammelle. Il pene è lungo e nero, mentre l'osso penico è corto e fornito all'estremità di una lunga estensione cartilaginea.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il genere è diffuso nell'Ecozona paleartica, dalla Francia orientale fino al Giappone.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Il genere comprende 2 specie.[2]

Vespertilio murinus
Vespertilio sinensis

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Novak, 1999.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Vespertilio, in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ronald M. Novak, Walker's Mammals of the World, 6th edition, Johns Hopkins University Press, 1999. ISBN 978-0-8018-5789-8

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi