Vík í Mýrdal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vík í Mýrdal
località
Vík í Mýrdal – Veduta
Localizzazione
Stato Islanda Islanda
Regione Suðurland
Contea Vestur-Skaftafellssýsla
Comune Mýrdalur
Territorio
Coordinate 63°25′N 19°00′W / 63.416667°N 19°W63.416667; -19 (Vík í Mýrdal)Coordinate: 63°25′N 19°00′W / 63.416667°N 19°W63.416667; -19 (Vík í Mýrdal)
Abitanti
Altre informazioni
Fuso orario UTC+0
Cartografia
Mappa di localizzazione: Islanda
Vík í Mýrdal
Vík í Mýrdal

Vík í Mýrdal è una località islandese lungo la Hringvegur nella regione di Suðurland. Qui si trova una stazione di servizio ed un piccolo ristorante, abbastanza popolati data la distanza dagli altri centri della zona.

Vík si trova ai piedi del ghiacciaio Mýrdalsjökull, che copre la cima del vulcano Katla, il che la espone a rischi di inondazione nel caso di ripresa dell'attività eruttiva da parte del vulcano. Nei pressi di Vík si trovano importanti attrazioni turistiche, come Dyrhólaey e l'area ai piedi del monte Reynisfjall.

Reynishverfi[modifica | modifica wikitesto]

Reynisdrangar

Il gruppo di fattorie sotto l'estremità occidentale del Reynisfjall viene chiamato Reynishverfi[1]. La strada Reynishverfisvegur [215] va dalla Hringvegur fino alla spiaggia Reynisfjara a Garðar. Reynir è una fattoria che risale ai primi insediamento in Islanda, sulla quale vi furono rivendicazioni da parte di Reyni-Björn, proveniente da Valdres in Norvegia, i cui possedimenti si estendevano da Kerlingardaisá a Hafursá. La prima chiesa di Reynir secondo il registro ecclesiastico risale al 1200. Nel 1897 la chiesa fu spostata a sud. Guidando da Reynir verso il mare si vede il vecchio cimitero di Reynir sulla destra. Tra le persone che riposano qui c'è il medico e naturalista Sveinn Pálsson (1762-1840) da Suður Vík, famoso per i suoi studi sui ghiacciai islandesi.

Reynisfjara[modifica | modifica wikitesto]

La parte occidentale delle scogliere del Reynisfjall lungo la spiaggia di Reynisfjara ospita molti uccelli marini, in particolare pulcinelle di mare, che scavano nidi poco profondi nella spiaggia durante la stagione di nidificazione.

Reynisdrangar[modifica | modifica wikitesto]

A breve distanza dalla riva si trovano i faraglioni di Reynisdrangar[2]. Gli scogli di roccia basaltica rappresentano i resti di una costa una volta di più ampia, erosa nel tempo dall'Atlantico che è particolarmente aggressivo in quest'area. Secondo la leggenda, invece, due giganti avevano tentato di portare a riva una nave a tre alberi, ma l'alba li raggiunse prima che potessero mettersi al sicuro in montagna, trasformando entrambi i giganti e la nave in pietra. I faraglioni sono chiamati individualmente come Skessudrangur, Langhamar e Landdrangur.

Hálsanefshellir[modifica | modifica wikitesto]

Hálsanefshellir.
Reynisfjara.

All'angolo sud-ovest di Reynisfjall ci sono formazioni di colonne basaltiche che si estendono verso est lungo la costa, formando una grande caverna a volta chiamato Hálsanefshellir[3], uno dei monumenti naturali più famosi del paese.

Hellnaskagi[modifica | modifica wikitesto]

Hellnaskagi è il nome di un cordone in arenaria, coperto di vegetazione, ad ovest di Garðar[4]. Qui si trovano anche le rovine dalla fattoria Hellnar, abbandonata durante il primo decennio del XX secolo. Nella zona ci sono anche alcune grotte, alcune scavate dal mare, altre dall'uomo. La grotta più conosciuta è chiamata Baðstofuhellir e fu occupata dal reverendo Jón Steingrímsson durante il primo inverno del pastore a Mýrdalur nel 1755. Si rese famoso per il suo sermone che secondo la credenza fermò il flusso di lava dell'eruzione del Laki nel 1783. Altre grotte famose sono Heyhellir e Sönghellir. Grænkerluhellir si ritiene essere la casa del "popolo nascosto" o delle fate, mentre Hestatröð è la grotta più grande, con i suoi 18 m di lunghezza.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Islanda Portale Islanda: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Islanda