Ultimo amore (film 1947)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ultimo amore
Paese di produzione Italia
Anno 1947
Durata 90 min
Dati tecnici B/N
Genere drammatico
Regia Luigi Chiarini
Soggetto Ettore Maria Margadonna
Sceneggiatura Giuseppe De Santis, Rodolfo Gentile, Cesare Vico Lodovici, Ettore Maria Margadonna, Brunello Rondi, Mario Serandrei
Produttore Pan Film
Distribuzione (Italia) E.N.I.C.
Fotografia Otello Martelli
Montaggio Mario Serandrei
Musiche Alessandro Cicognini, Felice Montagnini
Scenografia Antonio Valente
Costumi Gino Carlo Sensani
Interpreti e personaggi

Ultimo amore è un film del 1947 diretto da Luigi Chiarini.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel momento più brutto della guerra, tre amici aviatori ottengono una breve licenza che vanno a trascorrere a Roma. Nell'albergo dove alloggiano fanno la conoscenza di Maria, una giovane canzonettista, con la quale trascorrono qualche ora. Rimasto solo con la donna, uno dei tre, il capitano Rastelli, tenta di usarle violenza ma l'arrivo del cappellano militare glielo impedisce. Gli ufficiali rientrano all'aeroporto dove ricevono l'ordine di tenersi pronti per la notte, ma Rastelli trova il modo di uscire e rivedere Maria che non solo lo perdona, ma gli dice di amarlo ed insiste nel voler andare con lui. È tardi ormai: le truppe tedesche circondano l'aeroporto. Rastelli viene ferito e riesce per miracolo a salire sul proprio apparecchio che, attaccato dai caccia tedeschi, arriva a destinazione con a bordo i due amici di Rastelli morti e lui stesso in fin di vita. Più tardi in un cimitero militare, durante il funerale celebrato dal cappellano, Maria arriva e si mescola alla famiglia, animata da un sentimento che le vicende della vita hanno reso puro.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

  • Il film fu girato in parte nei teatri del centro Sperimentale di cinematografia.
  • Il cast e la troupe sono pieni di nomi nuovi che diverranno famosi in futuro: nel cast Vira Silenti, Aroldo Tieri e Giacomo Rondinella, nella troupe Brunello Rondi, tra gli sceneggiatori e aiuto regista e Umberto Rondi, organizzatore generale.
  • Le musiche originali sono di Alessandro Cicognini. La canzone Boogie Woogie della pioggia è di Felice Montagnini.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

  • "Un altro film sulla guerra e sul dopoguerra, quindi vecchio nel soggetto e piuttosto inorganico e discontinuo nella realizzazione. Notevolmente pesante pur nella sua brevità, Ultimo amore non prende come avrebbe dovuto l'animo e l'attenzione dello spettatore, salvo nelle scene, assai ben fatte, dell'ultimo volo dei protagonisti. È un film che doveva commuovere e invece lascia sempre freddi. Di miglior effetto sono risultate le scene di minor impegno emotivo." (L'Operatore, 'Intermezzo' n.8, 30 aprile 1947)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema