Twist and Shout

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Twist and Shout
Artista The Isley Brothers
Tipo album Singolo
Pubblicazione 16 giugno 1962
Durata 2 min : 27 s min
Album di provenienza Twist and Shout (A-side)
Dischi 1
Genere Rock and roll
Etichetta Wand 653
Produttore Luc Stijns
Registrazione New York - 1962
Formati 7"
The Isley Brothers - cronologia
Singolo precedente
(1962)
Singolo successivo
(1962)

Twist and Shout è una canzone interpretata dal gruppo americano dei The Isley Brothers, scritta da altri autori (Phil Medley e Bert Russell), e successivamente portata al successo dai Beatles.

Origine e storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1961 Phil Spector era già attivo come produttore per conto della Atlantic Records, quando decise di lanciare un gruppo vocale, i Top Notes. La canzone scelta risultò Twist and Shout. Questo fatto avvenne prima del perfezionamento della tecnica elaborata da Spector e definita "Wall of Sound". Il compositore Berns non sembrò entusiasta della registrazione svolta sotto la direzione di Spector e così, quando gli Isley Brothers decisero di reincidere la canzone, lui si offrì di produrla per dimostrare a Spector quale fosse il sound più adatto per il brano. Il singolo raggiunse il diciassettesimo posto delle classifiche statunitensi.

I Beatles incisero la canzone nel loro primo album Please Please Me uscito nel 1963 in Gran Bretagna. Dei quattordici pezzi che compongono l'album, dieci furono registrati solamente in dieci ore, e Twist and Shout fu l'ultima canzone della serie. Lennon, esausto per la stanchezza causata dalla lunga seduta di registrazione e infastidito da un mal di gola, realizzò comunque una prestazione vocale memorabile, anche se George Martin affermò: «Avrei gradito una seconda registrazione...ma John aveva perso la voce».[1]

Bruce Springsteen ne ha fatto un cavallo di battaglia fin dal lontano 1973; è stata utilizzata più di 300 volte (i Beatles sono fermi a 226) per chiudere i concerti con versioni scatenate che durano anche più di dieci minuti, mettendo a dura prova la resistenza dei fans più incalliti.[2]

Musica e arrangiamento[modifica | modifica wikitesto]

Divenne una canzone molto apprezzata dai tifosi calcistici, grazie al peculiare crescendo corale in sei battute, che rese, peraltro, la canzone un cavallo di battaglia dei Beatles durante le loro esibizioni dal vivo (spesso veniva inserita nella scaletta come la canzone di apertura dei concerti) ideale per creare una atmosfera elettrizzante. È da menzionare il caratteristico riff di chitarra.

Classifica[modifica | modifica wikitesto]

Il singolo negli Stati Uniti toccò la prima posizione della classifica di vendite nell'aprile del 1964 vendendo oltre un milione di copie, entrando entro i primi dieci posti un po' in tutto il mondo. In Gran Bretagna uscì un EP, estratto dall'album, che raggiunse la vetta della classifica.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Cover[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mark Lewisohn, The Complete Beatles Recording Sessions
  2. ^ Twist and Shout by The Top Notes Song Statistics | setlist.fm
  3. ^ Watch brilliant, if a little bizarre, video of Coventry fans singing Twist and Shout at the Emirates Stadium - Mirror Online

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • "I favolosi Beatles" di Roy Carr e Tony Tyler ed. Euroclub, 1979;

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Alan W. Pollack, Notes on "Twist and Shout" in Notes on ... Series, Rijksuniversiteit Groningen.
Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock