Tropheus annectens

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Tropheus annectens
Immagine di Tropheus annectens mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Osteichthyes
Classe Actinopterygii
Sottoclasse Neopterygii
Infraclasse Teleostei
Superordine Acanthopterygii
Ordine Perciformes
Sottordine Labroidei
Famiglia Cichlidae
Sottofamiglia Pseudocrenilabrinae
Genere Tropheus
Specie T. annectens
Nomenclatura binomiale
Tropheus annectens
Boulenger, 1900

Tropheus annectens Boulenger, 1900 è un pesce d'acqua dolce appartenente alla famiglia Cichlidae, endemico del lago africano Tanganica.[2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La lunghezza massima registrata è di 8 cm[2].

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

È un ciclide incubatore orale[2].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Popola una piccola porzione delle sponde orientali del Tanganica (su quelle occidentali la distribuzione è limitatissima), vivendo, anche in gruppi composti da centinaia di esemplari, su fondi rocciosi a profondità generalmente non superiori ai 7 m. Sono note due varietà geografiche, la “Kongole”per la sponda congolese del lago e la “Bulu Point”, individuata in Tanzania nell'omonima località.

Allevamento in acquario[modifica | modifica wikitesto]

Vista la taglia, 14 cm, andrebbe allevato in vasche spaziose, con un arredamento di rocce e in gruppi numerosi, composti da almeno 8-10 esemplari.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Bigirimana, C., 2006, Tropheus annectens, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2018.2, IUCN, 2018.
  2. ^ a b c (EN) Tropheus annectens, su FishBase. URL consultato il 23/02/2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • P. Brichard: “Book of Chiclid and All the Other Fishes of Lake Tanganyka” (1989) – T.F.H., Neptune City, NY
  • A. Konings: “Tanganyka Chiclids in their Natural Habitat” (1998) – Cichlid Press, Marsiglia
  • A. Konings: “Back to Nature. Guida ai Ciclidi del Tanganica” (1996) – Aquarium Oggi Edizioni, Bologna
  • A. Konings, H. W. Dieckoff: “Tanganyka Segrets” (1992) – Cichlid Press, Marsiglia
  • W. Staeck, H. Linke: “Ciclidi dell'Africa orientale“ (1994) – Tetra-Verlag, Merle, Germania

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]