Tom Tattoo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Tommaso Buglioni, conosciuto con il nome d'arte Tom Tattoo (Ancona, 29 settembre 1961), è un artista italiano, specializzato nella tecnica del tatuaggio.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Tom Tattoo iniziò a lavorare nei primi anni ottanta. Entrato per la prima volta in uno studio di tatuaggi di Seattle nel 1982, ne rimase folgorato e lasciò gli studi di medicina per dedicarsi alla conoscenza dell'arte tatuatoria.

Tre anni dopo partecipa alla prima Tattoo Convention a Roma, dove entra in contatto con la maggior parte dei padri del tatuaggio moderno: Hanky Panky, Tony Looman, Dennis Cockell, Horiyoshi III, Don Ed Hardy, Leo Zulueta, Bill Salmon, Petelo Suluape e Gippi Rondinella[1].

Nel 1987 apre il primo studio (a poca distanza da quello in cui si trova oggi); nella prima metà degli anni novanta, con Gian Maurizio Fercioni, Eligio Fronteddu e Mimmo Spadaccini, è tra i fondatori della TIPA (Tatuatori Italiani Professionisti Associati), prima associazione di tatuatori italiani, e diventa poi vice presidente della ATIR (Associazione Tatuatori Italiani Riuniti).[2] Nel tempo avvia una serie di collaborazioni con personalità italiane e internazionali che lo portano ad intraprendere la sua carriera in Italia e all'estero.[3]

Stile[modifica | modifica wikitesto]

Dal punto di vista stilistico i lavori di Tom Tattoo sono caratterizzati da solidità, che si esprime in una linea forte e decisa ma capace di farsi morbida quando il soggetto lo richiede, da una grande sensibilità pittorica che si rivela nell'uso sapiente e vivace del colore, e infine dall'abilità compositiva. Queste doti e l'esperienza trentennale del tattoo artist gli permettono di farsi interprete di ogni stile e di ogni cultura[4].

Riconoscimenti come Tattoo Artist[modifica | modifica wikitesto]

  • 1991 - Tattoo Convention Helsinki, miglior tatuaggio bianco e nero, female
  • 1994 - Tattoo Convention Parigi, migliore schiena, black and white tattoo
  • 1995 - Tattoo Convention Parigi, migliore schiena, colours tattoo
  • 1995 - Tattoo Convention Roma, riconoscimento alla carriera
  • 1996 - Amsterdam Tattoo Museum Merit Award
  • 1996 - Tattoo Convention Modena, miglior colours tattoo female
  • 1996 - Tattoo Convention Castrop Rauxel (Germania), terzo classificato, colours tattoo, female
  • 1996 - Tattoo Convention Essen (Germania), migliore tatuaggio medio, colours man
  • 1997 - Tattoo Convention Berlino, miglior Flash
  • 2005 - New York Tattoo Convention, Best tattoo of the day
  • 2007 - New York Tattoo Convention, targa al merito per il contributo all'arte del tatuaggio[5]
  • 2009 - East Coast Tattoo Convention Silvi Marina, 1º posto per Female
  • 2010 - East Coast Tattoo Convention Silvi Marina, 2º posto per Best Colour

Opere pittoriche[modifica | modifica wikitesto]

Accanto al tatuaggio Tommaso Buglioni si dedica alla pittura e anche in questo caso sono gli Stati Uniti, e la cultura americana in particolare, a fornirgli ispirazione. Influenzato nei suoi primi lavori dalla cultura underground, dal fumetto californiano anni settanta e dal graffito East Coast, è la scoperta della Pop Art e dell'Action Painting a segnare una svolta nella sua carriera pittorica. Da un lato nascono le serie dedicate a personaggi per lui simbolici, soprattutto Garibaldi e Umbertì, clochard anconetano, protagonisti di una personale allestita nel 2004 negli spazi della Mole Vanvitelliana di Ancona. Parallelamente Buglioni dà vita a lavori "puri astratti" che si richiamano all'Informale e all'Action Painting, dove la potenza cromatica si esprime in flussi di colore abbandonando la forma.[6]

Esposizioni permanenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Santuario beate sante, Mombaroccio (PU)
  • Museo raccolta di arte grafica contemporanea, "Armando Ginesi", Palazzo Franchetti-Coppeti, Comune di Castebellino (AN)
  • Museo comunale del territorio, Dal biroccio alla moda, Filottrano (AN)
  • Pinacoteca Internazionale d'Arte Francescana Contemporanea “Nel Nome di Francesco”, Falconara Marittima (AN)

Esposizioni temporanee[modifica | modifica wikitesto]

  • 1994 - San Diego, personale presso il Town & Country Hotel
  • 1994 – Montreal, Queen Elizabeth Center
  • 1994 - Bologna, Link - Dal muro alla pelle
  • 1995Riccione, personale al LOCAMOTIVA
  • 1996Miami, ART'N VIDEO
  • 1997 – Miami, ART'N VIDEO
  • 1997 – Ginevra, EUROP ART
  • 1997Pordenone, fiera d'arte
  • 1997 - Sanremo (Palawella), personale al Festival di San Remo
  • 1998Auckland, personale al Caffè Verona
  • 1999Ancona, Giocancona, personale
  • 2000Detroit, Doubletree Hotel, personale
  • 2000 - New York, personale al Roseland Ballroom
  • 2000 - Ancona, Mole Vanvitelliana, Giocancona, personale
  • 2001 - Ancona, Mole Vanvitelliana, Giocancona, personale
  • 2001 - New York, Artexpo NYC, Javits Convention Center
  • 2001 - Padova, Fiera d'Arte
  • 2002 - Riccione, personale al Lounge
  • 2002 - Bari, personale alla Fiera d'Arte
  • 2002 - New York, personale al Roseland Ballroom
  • 2002 - New York,Italian Food Week
  • 2002 - Padova, Arte Fiera
  • 2003 - Ancona, Mole Vanvitelliana personale nell'ambito della esposizione Viaggi nella terra di mezzo
  • 2003 - Bari, Fiera di levante "EXPO ARTE BARI"
  • 2003 - Padova, ARTEXPO
  • 2004 - Lugano, MERCART
  • 2004 - Ancona, Mole Vanvitelliana, Umbertì, l'Ultimo Re di Ancona, personale
  • 2008 - Milano, Orea Malià, 20 volte Tom, Tommaso Buglioni al 100x10
  • 2010 - Ancona, Associazione Culturale Tom Tattoo, New York City Angels, la Pop Art di Tommaso Buglioni
  • 2011 - Riccione, Art Noir Cafè, "Lost in Waves", personale
  • 2012 - Ancona Sguardi sonori, Gino on my mind, collettiva, con Lucia Galati The other side, installazione

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Segno di Caino, Gippi Rondinella, Alterocca Editore, 1985
  2. ^ Flesh Canvas, n. 10, 1994; Skin Deep, n. 4, 1994
  3. ^ Tattoo, Special Edition Twentieth Anniversary, Jenuary, 2007; Tattoo Revue, September 2006; Tattoo, April 1996; Flesh Canvas, n. 10, 1994; Skin Deep, n. 4, 1994
  4. ^ Tattoo Revue, Agosto, 1995; Flesh Canvas, n. 10, 1994
  5. ^ http://www.nyctattooconvention.com/awards
  6. ^ Colour Tattoo, Maggio, 2005; Tattoo Dimension, Aprile, 2006

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Skin Shows III – The Art of tattoo, Chris Wroblewsky, Virgin Publishing, 1993
  • Masters of Tattoo, Gregor von Glinski, Edition Stemmle, 1998
  • Il Segno di Caino, Gippi Rondinella, Alterocca Editore, 1985
  • Tatuaggi, la scrittura del corpo, Luisa Fercioni Gnecchi, Mursia, 1994
  • Tattoo, Tecniche Strumenti Artisti, Luisa Gnecchi Ruscone, Mursia, 1996
  • Europ'Art Geneve, Catalogo della fiera internazionale d'arte, E Art Salon SA, 1997
  • Top ARTS 1999, Catalogo nazionale dell'arte contemporanea, RM Edizioni
  • Rover the Top, Guida al meglio d'Italia, 1999, 2000, L'Editrice dell'Automobile
  • The Top Choice, Guida al meglio d'Italia, 2002 Edizione CEAL
  • Filottrano Arte 2000, Armando Ginesi, 2003
  • In nome di Francesco, Giancarlo Mandolini, 2005
  • Il segno del coraggio, a cura di Maurizio Fiorini

Riviste italiane

  • La Gazzetta, aprile, 1988
  • Bikers Life, maggio, 1992, Edizione italiana
  • Tattoo Revue, luglio, 1993
  • Tattoo Life, settembre, 1994, Edizione Italiana
  • Tattoo Revue, agosto, 1995
  • Tattoo Revue, aprile, 1996
  • Idea Tattoo, agosto, 1998
  • Idea Tattoo, agosto, 1999
  • Idea Tattoo, ottobre, 1999
  • Idea Tattoo, maggio, 2000
  • Colour Tattoo, maggio, 2005
  • Colour Tattoo, gennaio, 2006
  • Tattoo Dimension, aprile, 2006
  • Tattoo Dimension, luglio, 2006
  • Men's Health, settembre, 2007

Riviste internazionali

  • Flesh Canvas, n. 10, 1993, fondatore della Italian Tattooist Association
  • Progress Magazine, Giugno, 1993
  • Skin Deep, n. 4, 1994
  • Tattoo Revue, Settembre, 1996
  • Tattoo, Aprile, 1996
  • The Grind, Giugno, 1996
  • Tattoo, Edizione Speciale Twentieth Anniversary, Gennaio, 2007

Copertine

  • SkinDeep, n. 3, 1993
  • Tattoo Revue, Speciale tatuatori italiani, Gennaio, 1995,
  • Tattoo Dimension, ottobre, 2006

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]