Thomas McGuire

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Thomas Buchanan McGuire junior
Thomas McGuire
Thomas McGuire
1º agosto 1920 - 7 gennaio 1945
Nato a Ridgewood
Morto a Negros
Cause della morte KIA
Dati militari
Paese servito Stati Uniti Stati Uniti
Forza armata United States Army Air Forces
Specialità pilota di caccia
Anni di servizio 1941 - 1945
Grado US-O4 insignia.svg Maggiore
Guerre seconda guerra mondiale
Decorazioni Medal of Honor
Distinguished Service Cross
Distinguished Flying Cross
Silver Star
Air Medal
Purple Heart
Note All'interno della voce

[senza fonte]

voci di militari presenti su Wikipedia

Thomas McGuire (Ridgewood, 1 agosto 1920Negros, 7 gennaio 1945) è stato un militare e aviatore statunitense che prestò servizio nella United States Army Air Forces come ufficiale aviatore durante la seconda guerra mondiale.

Fu il secondo asso statunitense con 38 aerei abbattuti[1] dietro all'asso degli assi Richard Bong.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato nello Stato del New Jersey, si trasferì con sua madre nello Stato della Florida a Sebring dove frequentò la Sebring High School[2] terminandola nel 1938. Studiò poi alla Georgia Institute of Technology.

Il suo primo compito in guerra fu la perlustrazione aerea delle Isole Aleutine e di parte dell'Alaska alla guida di un Bell P-39 Airacobra, venne inizialmente assegnato al 54th Fighter Group. Nel dicembre del 1942 tornò negli USA e sposò Marilynn Giesler. Dal febbraio del 1943 iniziò il suo addestramento nell'Orange County Airport, stato della California, si stava organizzando un gruppo con i soli Lockheed P-38 Lightning il cui comando venne affidato a George Kenney e lui ne fece parte.

Nel marzo del 1943 giunse in Australia. Durante una missione subì diverse ferite e venne ricoverato per sei settimane nell'ospedale militare prima di congiunsersi con la sua unità. Morì durante uno scontro aereo il 7 gennaio 1945.

Per le sue prestazioni in guerra venne introdotto dell'Aviation Hall of Fame di New Jersey, del The Georgia Aviation Hall of Fame, e del The National Aviation Hall of Fame.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ John C. Fredriksen, American military leaders: from colonial times to the present, Volume 2, p. 62, ABC-CLIO, 1999. ISBN 9781576070017.
  2. ^ B. Chance Saltzman, Thomas R. Searle, Introduction to the United States Air Force , pag 46, DIANE Publishing. ISBN 9781428926219.

Controllo di autorità VIAF: 73185641