Terra inumana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Terra inumana
Titolo originale This Mad World
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 1930
Durata 70 min (1.660 metri - 8 rulli)
Colore B/N
Audio Mono (Western Electric Sound System)
Rapporto 1,20 : 1
Genere drammatico, sentimentale, guerra
Regia William C. de Mille
Soggetto dal lavoro teatrale Terre inhumaine (1922) di François de Curel
Sceneggiatura Clara Beranger e Arthur Caesar
Madeleine Ruthven (didascalie)
Casa di produzione Metro-Goldwyn-Mayer (MGM)
Fotografia J. Peverell Marley (con il nome Peveerell Marley) e Harold Rosson (con il nome Hal Rosson)
Montaggio Anne Bauchens
Scenografia Cedric Gibbons
Costumi Adrian
Interpreti e personaggi

Terra inumana[1] (This Mad World) è un film del 1930 diretto da William C. de Mille.

Il lavoro teatrale Terre inhumaine di François de Curel (Parigi,13 dicembre 1922)[2] da cui è tratta la sceneggiatura del film, era già stato portato sullo schermo nel 1928 dal film turco Ankara postasi di Muhsin Ertugrul.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Paul, spia francese, attraversa le linee nemiche in Alsazia-Lorena per compiere una missione ma anche per avere la possibilità di rivedere la madre. Viene però riconosciuto da Victoria, sposata al generale tedesco che ha preso possesso della casa di sua madre. La donna, benché Paul sia responsabile della morte di suo nipote, dapprima non lo tradisce. Più tardi, presa da rimorso, lo denuncia, facendolo arrestare, ma poi, pentita per aver tradito l'amante, si suicida. La madre di Paul, decisa a portare lei a termine la missione del figlio, finge di non conoscere Paul che viene fucilato dai tedeschi.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu prodotto dalla Metro-Goldwyn-Mayer (MGM)

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il copyright del film, richiesto dalla Metro-Goldwyn-Mayer Distributing Corp., fu registrato il 21 aprile 1930 con il numero LP1235[2].

Distribuito dalla Metro-Goldwyn-Mayer (MGM), il film uscì nelle sale cinematografiche USA il 12 aprile 1930.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Italia taglia
  2. ^ a b AFI

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) John Douglas Eames, The MGM Story Octopus Book Limited, Londra 1975 ISBN 0-904230-14-7
  • Paolo Cherchi Usai e Lorenzo Codelli (a cura di), L'eredità DeMille, Edizioni Biblioteca dell'Immagine, Pordenone 1991

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema