Teresa di Brunswick-Wolfenbüttel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Teresa Natalia di Brunswick-Wolfenbüttel

Teresa Natalia di Brunswick-Wolfenbüttel (Wolfenbüttel, 4 giugno 1728Bad Gandersheim, 26 giugno 1778) fu una nobildonna tedesca, membro della Casata dei Welfen e principessa-badessa della libera abbazia imperiale secolare di Gandersheim.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Teresa Natalia era la sesta figlia del duca Ferdinando Alberto II di Brunswick-Bevern (1680 - 1735) e della moglie Antonietta Amalia (1696 - 1762), una delle figlie del duca Luigi Rodolfo di Brunswick-Lüneburg e della principessa Cristina Luisa di Oettingen-Oettingen. Teresa Natalia era una prima cugina dell'arciduchessa Maria Teresa d'Austria, regina d'Ungheria e di Boemia; inoltre era cognata del re Federico II di Prussia.

I tentativi di sposare la principessa Teresa Natalia con un arciduca d'Austria o un principe francese fallirono di fronte al suo rifiuto di convertirsi al cattolicesimo. Nel 1747 entrò nella collegiata femminile dell'abbazia di Herford; in quel periodo venne deciso che essa sarebbe succeduta ad Elisabetta di Sassonia-Meiningen (1681 - 1766) come badessa di Gandersheim. Nel novembre 1750 venne nominata canonichessa a Gandersheim. Elisabetta morì la vigilia di Natale del 1766, dopo 53 anni di servizio, e, come promesso, Teresa Natalia venne eletta come sua successora. Venne intronizzata il 3 dicembre 1767.

Durante il periodo del suo incarico, Teresa Natalia risiedeva spesso alla corte del fratello maggiore Carlo I, a Brunswick.

Morì a Gandersheim il 26 giugno 1778 e venne sepolta nella cappella ducale sotto la cattedrale di Brunswick. Il titolo di badessa passò a sua nipote Augusta Dorotea di Brunswick-Wolfenbüttel (1749 - 1810), che sarebbe stata l'ultima principessa-badessa di Gandersheim.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Martin Hoernes, Hedwig Röckelein, "Gandersheim und Essen. Vergleichende Untersuchungen zu sächsischen Frauenstiften", nella serie Essener Forschungen zum Frauenstift, vol. 4, Essen, 2006
  • C. Römer, Braunschweig-Bevern, Ein Fürstenhaus als europäische Dynastie 1667–1884, Brunswick, 1997
  • Kurt Kronenberg, Äbtissinnen des Reichstiftes Gandersheim, 1981
  • Hans Goetting, Germania Sacra, New series, vol. 7, "Die Bistümer der Kirchenprovinz Mainz, Das Bistum Hildesheim", parte 1: "Das reichsunmittelbare Stift Gandersheim", Max-Planck-Institute for History, Berlino e New York, 1973

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN3661864 · GND (DE133419878 · CERL cnp01127186