Tecnica (azienda)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tecnica
Logo
Stato Italia Italia
Tipo Società per azioni
Fondazione 1960 a Montebelluna (TV)
Sede principale Giavera del Montello (TV)
Settore Sport, Abbigliamento tecnico, attrezzature invernali
Slogan «Designed to Perform»
Sito web www.tecnica.it

Tecnica è un'azienda italiana, capogruppo dell’omonimo Tecnica Group S.p.A., fra i principali produttori mondiali nel settore dell'abbigliamento sportivo fin dalla fine degli anni novanta del XX secolo[1] nei prodotti dedicati agli sport invernali.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Viene fondata a Montebelluna nel 1960 producendo inizialmente scarpe da lavoro.

Nel 1970 avviene il lancio del Moon Boot. Negli anni settanta Tecnica lancia il primo scarpone di plastica bi-iniettato, il Tecnus.[2]

Il gruppo industriale[modifica | modifica wikitesto]

Logo del gruppo industriale

A "Tecnica Group S.p.A", azienda capogruppo, fanno riferimento i marchi Nordica (abbigliamento e attrezzature legate allo sci), Blizzard (sci), Dolomite (abbigliamento invernale, sportivo e da tempo libero, abbigliamento tecnico, calzature e attrezzature sciistiche ), Lowa (abbigliamento invernale sportivo e per tempo libero), Rollerblade (pattini in linea), Think pink (abbigliamento sportivo), Nitro (snowboard), T-Shoes (calzature). Dal 2002 è il primo produttore mondiale di scarponi da sci; il gruppo è terzo produttore mondiale di prodotti sportivi invernali e il primo produttore europeo di calzature per sport e tempo libero all'aperto. Il 42% della produzione è coperto da attrezzature per lo sci alpino, il 34% da calzature e abbigliamento per il tempo libero all'aperto, il 15% dall'abbigliamento e calzature invernali e il 10% da pattini.

Il primo mercato per il gruppo industriale è la Germania dove il gruppo italiano esporta e vende il 20% dei propri prodotti, seguito dal 14% degli Stati Uniti d'America e il 13% dell'Italia. In Europa il gruppo vende il 75% dei propri prodotti, l'11% è esportato nel resto del mondo di cui il 6% in Asia.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Frédéric Tain, Sport: Un marché en or, distribution et industrie du sport et des loisirs, analyse, statistiques, tendances, Carnot éditions, p. 103, ISBN 2-912362-24-5.
  2. ^ storia del gruppo. URL consultato l'8 gennaio 2013.
  3. ^ Dati produzione e mercato. URL consultato l'8 gennaio 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]