Teatro delle Logge (Montecosaro)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Teatro delle Logge
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàMontecosaro
IndirizzoPiazza Trieste, 11 - 62010 Montecosaro
Dati tecnici
TipoPianta a ferro di cavallo con tre ordini di palchi
Fossaassente
Capienza98 posti posti
Realizzazione
CostruzioneXIX secolo
Inaugurazione1808
ArchitettoPietro Augustoni
Sito ufficiale

Il Teatro delle Logge è uno dei teatri del comune di Montecosaro (MC)

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di uno dei tanti tipici teatri locali che sorsero nel periodo tra la fine del XVIII e del XIX secolo. Questo di Montecosaro viene commissionato nel 1803 a Pietro Augustoni, che già da qualche anno stava lavorando all'ammodernamento del Palazzo Cesarini (anche detto Palazzo Ducale o Palazzo Pubblico) e alla costruzione della Torre Civica. I lavori dell'Augustoni cancellano del tutto quel che era il teatro antecedente con i dipinti del 1753 del maceratese Giuseppe Mattei, ma anche l'integralità dell'opera dell'architetto non durò molto in quanto, considerata complicata e dispendiosa, venne in parte stravolta nel 1806 dal capomastro del comune. Venne terminato dopo due anni.

Sembra a causa delle spinte dell'alta torre civica, per alcuni decenni il teatro assieme al palazzo dovette subire dei lavori di mantenimento anche per mano, nel 1862, dell'architetto Ireneo Aleandri. Fu così che nel 1875 il teatro ebbe uno stravolgimento per mano dell'ingegnere Ferdinando Laureati. Infine negli anni trenta del secolo scorso l'architetto Eno Pelletti ricostruì alcuni palchetti e fu l'artefice delle decorazioni degli stucchi come si ammirano oggi. Purtroppo sono andati perduti del tutto gli abbellimenti che fece attorno al 1810 Speridiano Mattei (figlio del defunto Giuseppe, l'autore degli affreschi già citati).

Oggi il teatro con i suoi tre ordini di palchi, privo di piccionaia e una piccola platea senza fossa può ospitare 98 persone e da dopo il restauro del 2003 ha una sua stagione teatrale.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]