Taxi di notte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Taxi di notte
Titolo originaleTaxi di notte
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia, Francia
Anno1950
Durata88 min
Dati tecniciB/N
rapporto: 1,37 : 1
Generecommedia
RegiaCarmine Gallone
SoggettoBruno D'Agostini
SceneggiaturaAldo De Benedetti
ProduttoreCarmine Gallone
Casa di produzioneSocietà Italiana Cines
FotografiaAldo Giordani
MontaggioNiccolò Lazzari
MusicheDan Caslar, Kaslar Donato
ScenografiaVittorio Valentini Arredatore: Elso Valentini
Interpreti e personaggi

Taxi di notte è un film del 1950, diretto da Carmine Gallone.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il protagonista, Nello Spadoni (Beniamino Gigli) è un cantante che ogni giorno si guadagna da vivere come taxista. 

Tutto comincia quando una sera, al termine di una festa in suo onore, prende servizio durante il turno di notte: inizia così un susseguirsi ingarbugliato di vicende e personaggi che porteranno il protagonista ad indagare su una serie di misteri, a suono di equivoci, gorgheggi e contrattempi. 

La prima cliente a salire sul taxi è una ragazza in lacrime, che presumibilmente si sta recando dal fidanzato. 

A seguire una studentessa ed un giornalista. Quest'ultimi, dopo lungo disputare decidono di dividersi la vettura, ma sul sedile posteriore troveranno un bimbo. 

Nello, supponendo che quest'ultimo sia stato volontariamente abbandonato dalla ragazza in lacrime, se ne mette alla ricerca. 

Nel frattempo arriva sera ed il bimbo trascorre la notte a casa del protagonista. La mattina seguente si scopre che la ragazza, figlia di un ricco industriale, è costretta a sposare un conte insulso, mentre al contrario è innamorata di un ragioniere impiegato di suo padre. Nello, recatosi a casa dell'industriale per chiarire sul mistero del bimbo abbandonato, vi troverà per caso l'impresario americano che  aveva erroneamente maltrattato la sera precedente. 

Alla fine si scopre che il bimbo non appartiene in verità a Luisa, la figlia dell'industriale, ma grazie all'intervento di Nello verrà adottato proprio dalla studentessa e dal giornalista che nel frattempo sono diventati futuri sposi. 

Nel finale anche Luisa riuscirà, grazie a questa circostanza fortuita , a sposare il suo ragioniere[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Taxi di notte - Film - Cinema e Film - Il Sole 24 ORE, su cinema.ilsole24ore.com. URL consultato il 12 novembre 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema