Tórtola de Henares

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tórtola de Henares
comune
Tórtola de Henares – Stemma Tórtola de Henares – Bandiera
Tórtola de Henares – Veduta
Localizzazione
StatoSpagna Spagna
Comunità autonomaBandera Castilla-La Mancha.svg Castiglia-La Mancia
ProvinciaFlag Guadalajara Province.svg Guadalajara
Amministrazione
AlcaldeMartín Vicente Vicente dal 2011
Territorio
Coordinate40°42′23.4″N 3°07′26.76″W / 40.7065°N 3.1241°W40.7065; -3.1241 (Tórtola de Henares)Coordinate: 40°42′23.4″N 3°07′26.76″W / 40.7065°N 3.1241°W40.7065; -3.1241 (Tórtola de Henares)
Altitudine746 m s.l.m.
Superficie26,88 km²
Abitanti1 012 (1º gennaio 2018)
Densità37,65 ab./km²
Comuni confinantiCiruelas, Fontanar, Guadalajara, Yunquera de Henares
Altre informazioni
Linguespagnolo
Cod. postale19198
Prefisso(+34)...
Fuso orarioUTC+1
Codice INE19286
TargaGU
Patronosanta Caterina d'Alessandria
Cartografia
Mappa di localizzazione: Spagna
Tórtola de Henares
Tórtola de Henares
Sito istituzionale

Tórtola de Henares è un comune spagnolo di 1.012[1] abitanti (1º gennaio 2018) situato nella comunità autonoma di Castiglia-La Mancia.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il nome Tórtola, viene dal toponimo Torela o Tortolla. In alcune mappe del XII secolo il paese appare con tale nome, che significa "piccola torre", forse a causa del fatto che non vi resideva nessun nobile che poteva distinguersi in quanto ai servigi prestati alla corona di Spagna. Si è ipotizzato che a Tórtola esistesse una bertesca islamica, facente parte della linea di vigilanza dell'Henares.[2]

L'Henares è il fiume che scorre nel territorio del paese. Il nome deriva dalla parola castigliana henar, che significa campo di fieno. Il nome è dovuto alle coltivazioni di fieno che anticamente venivano praticate nel bacino.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Facciata della chiesa di Tórtola de Henares

Non si conoscono le origini del paese, ma le prime vestigia scoperte nella zona circostante, vicino al fiume Henares, sono di epoca preistorica. In prossimità della chiesa parrocchiale sono state trovate monete e resti di utensili romani.[3]

A metà dell'XI secolo, il territorio era legato alla taifa di Toledo.[2]

Nei secoli XV e XVI appartenne alla casa reale degli Asburgo. Il re Filippo IV di Spagna vendette Tórtola de Henares al duca di Pastrana per 6.000 ducati per lega e 15.000 maravedí per paesano (in quegli anni ce n'erano 187).[4]

Tórtola de Henares appartenne posteriormente al comune di Guadalajara, sotto il cui possesso rimase fino al XVII secolo. Dalla seconda metà del secolo il paese fu dominio di don Gaspar de la Cerda Sandoval Silva y Mendoza, fratello del duca dell'Infantado e Pastrana, don Gregorio María.[5]

Fino agli anni quaranta del XX secolo la maggior parte delle terre agricole erano di proprietà della famiglia Moya.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Parete laterale della chiesa di Tórtola de Henares
Municipio di Tórtola de Henares

L'edificio più importante del paese è la chiesa di Nostra Signora dell'Assunzione, del XVIII secolo, in stile neo-rinascimentale. Situata nel punto più alto del centro abitato, presenta un atrio porticato costituito da archi semicircolari in mattone. All'interno, un muro appoggiato su un arco suddivide l'unica navata dal presbiterio. L'illuminazione è garantita da finestre poste nella parte superiore dei muri. Degne di nota sono le due statue di Santa Caterina d'Alessandria e del Cristo dei Rimedi, che vengono portate in processione durante le feste del paese. La chiesa fu in gran parte distrutta durante la guerra civile. Durante l'ultimo restauro, del 2008, fu sostituita la copertura in legno che era ormai divenuta pericolante. All'esterno, sul retro, è presente un piccolo terreno probabilmente occupato in epoca medievale dal cimitero. Sotto la chiesa esistono dei cunicoli risalenti al periodo della guerra civile.

L'edificio più antico del paese è l'eremo, risalente al XIV secolo e situato fuori dal centro abitato, al nord del paese.

Un altro edificio degno di nota è la casa Moya (in stile Neomudéjar), del XIX secolo, fatta costruire dalla famiglia che ha avuto l'egemonia a livello economico fino alla metà del secolo scorso.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Il paese ha più che raddoppiato la sua popolazione nel giro di vent'anni, passando dai 401 abitanti del 1991 agli 896 del 2010. Dopo di che, la crescita è diminuita bruscamente e la popolazione si è stabilizzata attorno alle 1000 unità.[6]

dal 1842 al 2000

dal 2001 al 2018

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Festa della Vergine del Pendio

I momenti importanti dell'anno sono essenzialmente tre: le cosiddette feste di maggio (il 1º giorno del mese si festeggia la Vergine del Pendio e il 3º giorno il Cristo dei Rimedi); le feste estive dell'ultima settimana di agosto; la festa di santa Caterina d'Alessandria, patrona del paese, il 25 novembre.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Instituto Nacional de Estadística - Popolazione, su ine.es. URL consultato il 20 marzo 2019.
  2. ^ a b El camino del Cid - Tórtola de Henares, su caminodelcid.org. URL consultato il 20 giugno 2015.
  3. ^ Asociación Cultural Torela, su tortoladehenares.org. URL consultato il 12 gennaio 2013.
  4. ^ Sito istituzionale del comune di Tórtola de Henares, su tortoladehenares.es. URL consultato il 12 gennaio 2013.
  5. ^ Guida dei paesi, su guiapueblos.es. URL consultato il 12 gennaio 2013.
  6. ^ INE - popolazione de facto, su ine.es. URL consultato il 21 maggio 2015.
  7. ^ Tórtola de Henares (José Serrano Belinchón), su guplazamayor.blogspot.com. URL consultato il 16 giugno 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN316735427
Spagna Portale Spagna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Spagna