Symesite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Symesite
Classificazione Strunz (ed. 10) 3.DC.60
Formula chimica Pb10(SO4)O7Cl4·(H2O)
Proprietà cristallografiche
Gruppo cristallino trimetrico
Sistema cristallino triclino
Classe di simmetria pinacoidale
Parametri di cella a=19,727(2), b=8,796(1), c=13,631(2), α=82,21(1)°, β=78,08(1)°, γ=100,04(1)°, V=2242,4(5), Z=4[1]
Gruppo puntuale 1
Gruppo spaziale B1
Proprietà fisiche
Densità   g/cm³
Durezza (Mohs) 4
Sfaldatura perfetta
Frattura  
Colore rosa
Lucentezza vetrosa
Opacità traslucida
Striscio bianco
Diffusione  
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce – Minerale

La symesite è un minerale scoperto nella cava di Merehead nel Somerset in Inghilterra. Il nome è stato attribuito in onore del professore Robert Symes del dipartimento di mineralogia del Museo di storia naturale di Londra.

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

La symesite si presenta in piccoli cristalli o in aggregati policristallini concresciuti con la mendipite.

Origine e giacitura[modifica | modifica wikitesto]

La symesite dell'olotipo e degli altri ossicloruri di piombo della cava di Merehead si è formata con l'interazione fra la galena primaria con brine metallifere a bassa temperatura lungo le fratture della massa originaria di Mn-Fe-Pb-Cu. La symesite è associata con cerussite, idrocerussite, paralaurionite, blixite, chloroxiphite, pirolusite, coronadite, ematite, parkinsonite e mereheadite.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Mark D. Welch, Cooper Mark A., Hawthorne Frank C., Criddle Alan J., Symesite, Pb10 (SO4) O7 Cl4 (H2O), a new PbO-related sheet mineral: Description and crystal structure (PDF), in American Mineralogist, vol. 85, 2000, pp. 1526-1533. URL consultato il 9 agosto 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Mineralogia Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia