Sturnia malabarica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Sturnia malabarica
Chestnut-tailed starling - কাঠ শালিক.jpg
Esemplari di Sturnia malabarica malabarica nel Parco Nazionale di Satchari (Bangladesh).
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Ordine Passeriformes
Famiglia Sturnidae
Genere Sturnia
Specie S. malabarica
Sottospecie
  • S. malabarica malabarica
  • S. malabarica nemoricola''
Nomenclatura binomiale
Sturnia malabarica
Gmelin, 1789
Sinonimi

Sturnus malabaricus

Nomi comuni

Storno codacastana Gmelin, 1789

Areale
Chestnut-tailed Starling Range.jpg

Lo storno codacastana (Sturnia malabarica Gmelin, 1789) è un uccello appartenente all'ordine dei passeriformi, della famiglia degli storni.

Tassonomia e distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La specie, appartenente al genere Sturnia, ha due sottospecie:

Entrambe le sottospecie si trovano anche nelle aree dell'India meriodionale e in alcune zone del Pakistan.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Gli esemplari adulti hanno una lunghezza di circa 20 cm. Le penne superiori sono grigie e le remiganti sono nerastre, mentre il colore del resto del piumaggio dipende dalla sottospecie di appartenenza. Nella sottospecie nominale il piumaggio inferiore, compreso il sottocoda, è rossastro, mentre nella sottospecie nemoricola le parti inferiori sono rossastre tendenti al bianco. Entrambe le sottospecie hanno la testa grigio chiaro con striature biancastre (specialmente nella regione della corona e del colletto) e presentano iridi bianche e becco giallo con la base blu pallido. I due sessi hanno caratteristiche simili, ma i giovani hanno l piumaggio inferiore biancastro e punte castane sulle penne della coda.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Sturnia malabarica, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2020.2, IUCN, 2020. URL consultato il 3 gennaio 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli