Strada del jazz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Bologna la Strada del Jazz.

La Strada del Jazz è un progetto ideato nel 2011 da Paolo Alberti e Gilberto Mora, e realizzato in collaborazione con il Comune di Bologna e il Quadrilatero.

Per molto tempo via Caprarie/Orefici è stata il crocevia del jazz internazionale a Bologna per la presenza al civico 3 del Disclub di Alberto Alberti. Dalla fine degli anni cinquanta fino a metà degli anni settanta Bologna è stata la meta ambitissima per i cultori della musica jazz. La città ha ospitato sedici edizioni di uno dei primi e forse più importanti Festival Jazz europei, organizzato da Alberto Alberti. Sui palcoscenici dei teatri cittadini e anche al Palazzo dello sport si sono esibiti i nomi più significativi dell’intera storia del jazz.

Una manifestazione unica in Italia, l'Hollywood Boulevard del Jazz bolognese[modifica | modifica wikitesto]

Tra i tanti festival italiani, La Strada del Jazz, ha una caratteristica unica, la posa delle stelle di marmo sulla centralissima Via Orefici/Caprarie dedicate ai grandi interpreti jazz che hanno suonato in città negli anni d’oro del Bologna Jazz Festival di Alberto Alberti. La Strada del Jazz è soprattutto un evento sociale e lo stare in strada, ad ascoltare la musica jazz, è un momento di libertà, un’occasione di incontro, di socializzazione, di partecipazione alla vita civile e culturale di Bologna, in cui grandi musicisti e piccole jazz band con il loro “swing” rendono possibile un grande connubio intergenerazionale e interculturale.

Alberto Alberti, una vita per il Jazz[modifica | modifica wikitesto]

Fin dagli anni cinquanta è l’uomo che ha portato il jazz in Italia, ideando ovunque concerti indimenticabili, dal Festival del Jazz di Bologna a Umbria Jazz. Alberto Alberti è stato il punto di riferimento per molti grandi artisti del panorama jazzistico americano di cui fu anche manager per l’Europa, come: Miles Davis, Dexter Gordon, Sarah Vaughan, Ella Fitzgerald, Cedar Walton, Chet Baker, Renè Thomas, Gato Barbieri, Kenny Clarke, Thelonious Monk, Charlie Mingus, Art Blakey, ecc. A lui è stata dedicata una targa in via Caprarie.

Le stelle e le targhe dedicate[modifica | modifica wikitesto]

Stella dedicata a Lucio Dalla nel 2012
Musicista Anno della dedica Posizione
Alberto Alberti 2011 Targa in via Caprarie
Chet Baker 2011 Stella in via Caprarie 3 c
Lucio Dalla 2012 Stella in via degli Orefici 21 a
Miles Davis 2012 Stella in via Caprarie 3 a/b
Ella Fitzgerald 2013 Stella in via degli Orefici 1
Henghel Gualdi 2013 Stella in via degli Orefici 1
Duke Ellington 2014 Stella in via Orefici 1 b
Thelonious Monk 2014 Stella in via Orefici 3 a
Marco Tamburini 2015 Stella all'incrocio fra Via degli Orefici e Via Calzolerie
Sarah Vaughan 2015 Stella via Orefici
Dizzie Gillespie 2015 Stella via Orefici
Cedar Walton 2016 Stella in via Orefici 3 a
Dexter Gordon 2016 Stella in via Orefici 3 a
Nardo Giardina 2016 Stella in via Orefici 23 b
Max Roach 2017 Stella in via Orefici
Marco di Marco 2018 Stella Via Orefici
Charles Mingus 2018 Stella Via Orefici
Gerry Mulligan 2019 Stella Via Orefici

Premio Strada del Jazz[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2011 viene attribuito il "Premio Strada del Jazz" a personalità bolognesi e non, legate al mondo culturale e musicale, come testimonial della posa delle stelle.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Maria Grazia Perugini, Keep calm e passeggia per Bologna, Roma, Newton Compton, 2015
  • Ivano Adversi, Buonanotte suonatori. Luoghi e protagonisti del jazz a Bologna, Argelato, Minerva, 2009
  • Giampiero Cane, Bologna Jazz, Bologna, Ogni uomo è tutti gli uomini, 2007
  • Nardo Giardina, Bologna, la città del jazz, Bologna, CLUEB, 2002

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]