Spedizione di Algeri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Spedizione di Algeri (1541))
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri eventi bellici riguardanti la stessa città, vedi Battaglia di Algeri.
Spedizione di Algeri (1541)
Assedio di Algeri del 1541. Incisione del 1555.
Assedio di Algeri del 1541. Incisione del 1555.
Data ottobre-novembre 1541
Luogo Algeri, Algeria
Esito Decisiva vittoria ottomana
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
80 galee
500 caracche.[1]
12 000 marinai.[1]
24 000 soldati.[1]
800 soldati
5 000 mori.[1][2]
Perdite
300 ufficiali.[1]
17 000 uomini.[1]
17 galee
130 carracche.[1]
leggere
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La spedizione di Algeri del 1541 avvenne quando Carlo V tentò di guidare una flotta contro la roccaforte dell'Impero ottomano ad Algeri nell'attuale Algeria. Soprattutto a causa del maltempo, la spedizione fu un fallimento disastroso.

Scenario[modifica | modifica wikitesto]

Algeri era sotto il controllo dell'imperatore ottomano Solimano il Magnifico a seguito della conquista di Algeri del 1529 da parte di Aredino Barbarossa. Barbarossa aveva lasciato Algeri nel 1535 per essere nominato Alto Ammiraglio dell'Impero Ottomano a Costantinopoli, e venne sostituito come governatore da Hassan Agha, un eunuco e rinnegato di Sardegna.[1] Sui mari, Hassan aveva avuto al suo servizio i famosi comandanti ottomani Dragut, Salih Reis e Sinan.[1]

Carlo V fece notevoli preparativi per la spedizione, e voleva ottenere una vendetta per il recente Assedio di Buda (1541),[3], ma la sua flotta fu gravemente danneggiata da una tempesta, costringendolo ad abbandonare l'impresa.[4][5]

Spedizione[modifica | modifica wikitesto]

Carlo V intraprese la campagna molto tardi nella stagione, il 28 settembre 1541, a causa di problemi in Germania e nelle Fiandre.[1][6] La flotta venne riunita nella baia di Palma di Maiorca.[1] Era composta da più di 500 navi e 24 000 uomini.[1]

Dopo aver sopportato un clima difficile, la flotta giunse davanti ad Algeri il 19 ottobre.[7] I più grandi comandanti accompagnarono Carlo V in questa spedizione, tra cui Hernán Cortés, il conquistatore del Messico, anche se non fu mai invitato al Consiglio di Guerra.[6]

Le truppe vennero sbarcate il 23 ottobre, e Carlo stabilì il suo quartier generale su un promontorio circondato dalle truppe tedesche.[6] Le truppe spagnole, tedesche e italiane, accompagnate da 150 cavalieri di Malta, cominciarono lo sbarco respingendo l'opposizione algerina, circondando ben presto la città, fatta eccezione per la parte settentrionale.[1]

Il destino della città sembrava essere segnato, ma il giorno successivo il tempo peggiorò enormemente, con forti piogge. Molte galee persero le loro ancore e 15 vennero spinte verso terra e andarono distrutte. Altre 33 caracche affondarono, mentre molte altre andarono disperse.[8] Mentre altre truppe stavano tentando di sbarcare, gli algerini iniziarono a fare delle sortite, massacrando i nuovi arrivati. Carlo V fu circondato, e venne salvato solo dalla resistenza del Cavalieri di Malta.[9]

Andrea Doria cercò di trovare un riparo per la flotta a Capo Matifu, a 8 chilometri ad est di Algeri. Obbligò Carlo V ad abbandonare la sua posizione e ad unirsi a lui a Matifu, cosa che Carlo fece con grande difficoltà.[10] Da lì, ancora oppresso dal maltempo, le truppe restanti navigarono verso Bougie, ancora un porto spagnolo a quel tempo. Carlo poté ripartire soltanto il 23 novembre.[11] Finalmente giunse a Cartagena, nel sud-est della Spagna, il 3 dicembre.[12]

Le perdite furono terribili, con 17 galee e 130 caracche perse, e un numero incalcolabile di marinai e soldati morti.[13]

Conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

Il disastro indebolì notevolmente gli spagnoli, e Hassan Agha colse l'occasione per attaccare Mers-el-Kebir, il porto della base spagnola di Orano, nel luglio del 1542.[14]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m The Story of the Barbary Corsairs by Stanley Lane-Poole p. 114 e segg. [1]
  2. ^ Handbook for travellers in Algeria and Tunis, Algiers, Oran, Constantine ... by John Murray (Firm),Sir Robert Lambert Playfair p.38
  3. ^ Garnier, p. 201
  4. ^ European warfare, 1494-1660 by Jeremy Black p.177
  5. ^ E.J. Brill's first encyclopaedia of Islam, 1913-1936 by Martijn Theodoor Houtsma p. 258 [2]
  6. ^ a b c Garnier, p.202
  7. ^ Garnier, p. 203
  8. ^ Garnier, p. 204 e segg.
  9. ^ Garnier, p. 204
  10. ^ Garnier, p. 205
  11. ^ Garnier, p. 207
  12. ^ Garnier, p. 206
  13. ^ Garnier, p. 208
  14. ^ A history of the Maghrib in the Islamic period by Jamil M. Abun-Nasr p. 155 ff

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]