Sonata per pianoforte n. 11 (Beethoven)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sonata per pianoforte n. 11
Op22 pri mov.png
Primo movimento: Allegro con brio
Compositore Ludwig van Beethoven
Tonalità Si bemolle maggiore
Tipo di composizione Sonata
Numero d'opera Op. 22
Epoca di composizione 1799-Entro giugno 1800
Pubblicazione Bureau de musique, Lipsia1802
Dedica Johann Georg von Browne-Camus
Durata media 24 minuti
Organico

La sonata per pianoforte n. 11 di Ludwig van Beethoven (Op. 22) fu composta tra il 1799 e il 1800. Venne pubblicata nel 1802 dall'editore Hoffmeister di Lipsia con il titolo Grande Sonate pour Pianoforte.

Beethoven scrisse questa Sonata in un momento di fervida creatività: risalgono infatti a questo periodo le sonate per violino Op. 23 e Op. 24 (quest'ultima denominata "La primavera"), il Concerto per pianoforte in Do minore Op. 37, la Sonata per corno e pianoforte Op. 17, i sei Quartetti d'archi Op. 18, "Le Creature di Prometeo" (balletto in due atti e sedici quadri) Op. 43, oltre ad una grande quantità di lavori meno impegnativi, tra cui: variazioni per pianoforte WoO[1] 77; variazioni per pianoforte e violoncello WoO[1] 46; variazioni per violino, violoncello e pianoforte Op. 44; Rondò Op. 51 n. 2.

Secondo movimento: Adagio con molta espressione

Così come i trii Op. 9 e i sei Lieder Op. 48, questa sonata è dedicata al Conte Johann Georg von Browne (marito dell'omonima contessa, a cui Beethoven dedicò le 3 sonate dell'Op. 7).

A differenza delle precedenti Op. 7 e Op. 10, n. 3 - le quali mostrano una maggiore profondità espressiva, soprattutto nei tempi lenti - nella Sonata Op. 22 si rivela una valorizzazione di elementi melodici (o ritmici) di per sé insignificanti, tendenza che sarà assai sviluppata nelle opere successive. Non siamo ancora alla svolta dell'op. 31 (sonate per pianoforte n. 16, 17 e 18), ma l'evoluzione è chiara e le transizioni non sono più semplici "passaggi" tra un primo ed un secondo tema musicale, bensì parte integrante della logica strutturale.

Terzo movimento: Minuetto


Struttura[modifica | modifica sorgente]

Il compositore la definì "Große Solo Sonate" in una lettera inviata all'editore Hoffmeister nel gennaio 1801, ma con questo voleva probabilmente riferirsi al fatto che è composta in 4 movimenti, ossia:

  1. Allegro con brio
  2. Adagio con molta espressione (in Mi bemolle maggiore)
  3. Minuetto
  4. Rondò: Allegretto

Il carattere di quest'opera è brillante e ci dà un'idea delle numerose improvvisazioni in cui Beethoven spesso si cimentava con grandissimo successo nei primi anni di carriera. Tuttavia questa sonata segna il confine tra il classicismo caratterizzante le precedenti e la maturità con cui affronterà le successive (a partire proprio dall'Op. 26, al cui interno è presente una Marcia funebre).

Quarto movimento, Rondò: Allegretto

Analisi del Primo movimento[modifica | modifica sorgente]

Il primo movimento dell'undicesima sonata per pianoforte di Beethoven (op. 22) è un ”Allegro con brio” in tempo quattro quarti nella tonalità di base di si bemolle maggiore. La struttura è quella della forma-sonata[2]: Esposizione (due temi) – SviluppoRipresa (o Ricapitolazione) e Coda finale.

Esposizione: Primo tema[modifica | modifica sorgente]

Il Primo tema (esposto nella tonalità di base: si bemolle maggiore) ha una struttura alquanto complessa. In esso si possono individuare le seguenti parti. Un inciso iniziale esposto alla tonica (si bemolle maggiore) consistente in un semplice motto formato da una terza ascendente e una terza discendente[3] [batt. 1 – 2]:

Beethoven Sonata piano no11 mov1 01.JPG

Dopo la ripetizione dell'inciso una serie di arpeggi ascendenti impostati sempre sulla tonalità di base sposta la linea melodica all'ottava superiore [batt. 3 - 4]:

Beethoven Sonata piano no11 mov1 02.JPG

Si arriva così alla quinta battuta dove appare una linea melodica (forse più orchestrale che pianistica) che manifesta senz'altro un punto d'arrivo per questo primo slancio iniziale[4] [batt. 5 – 7]:

Beethoven Sonata piano no11 mov1 03.JPG

A questa breve melodia segue la risposta posizionata un'ottava sotto a cui fa seguito una codetta che modula alla dominante (fa) [batt. 7 - 12] :

Beethoven Sonata piano no11 mov1 04.JPG

A questo punto il tema principale è esposto. I vari elementi di questo tema di per sé non sono molto significativi. Ma l'interesse sta unicamente in ciò che il compositore saprà fare con questo materiale musicale.[3] La “neutralità” del tema principale è inoltre indispensabile per valorizzare altri elementi melodici come le transizioni o le aree di sviluppo, tendenza ormai chiara nello sviluppo della sonata beethoveniana.[4]

Esposizione: Secondo tema[modifica | modifica sorgente]

L'area del Secondo tema appare ugualmente complessa; in effetti siamo in presenza più che di una unica idea secondaria, di un gruppo tematico formato da più temi e ponti modulanti. A misura 12 inizia la transizione al secondo tema: non si può non notare come questa linea melodica sia simile a quella delle misure 3 – 4. Questa transizione ci porta ad una prima linea melodica (più o meno evidente) esposta alla sopratonica (do maggiore – in realtà questa tonalità è vista come la dominante della dominante) che avrà un'impronta decisiva sul resto del movimento[5] [batt. 17 -21]:

Beethoven Sonata piano no11 mov1 05.JPG

Subito dopo (a misura 23) Beethoven ci presenta un nuovo elemento che per alcuni è la vera seconda idea, mentre per altri è ancora parte del ponte modulante che porterà alla seconda idea più avanti.[5] La tonalità di questa idea è la dominante (fa): un eventuale elemento a favore di questa linea melodica se considerata come vera idea secondaria [batt. 23 – 24]:

Beethoven Sonata piano no11 mov1 06.JPG

Questa linea melodica viene ripetuta integralmente. Segue una codetta e quindi appare quella che secondo altri commentatori è la vera idea secondaria (anche questa esposta nella tonalità della dominante). È da notare che un elemento che collega questo tema al primo tema sono le sequenze di terze discendenti[6] [batt. 31 – 37]:

Beethoven Sonata piano no11 mov1 07.JPG

In realtà queste due idee secondarie avranno un'importanza minima nello sviluppo successivo del movimento. L'elemento fondamentale nello svolgimento del primo tempo è indubbiamente la prima transizione (misure 17 – 21) la cui potenza germinatrice sarà alla base soprattutto delle due code.[7]
La codetta a questo tema (misure 38 – 44) e una breve transizione (misure 45 – 47) conduce alla coda dell'Esposizione. Ed è qui che la linea melodica delle misure 17 - 21 viene sviluppata adeguatamente per giungere al finale di questa parte con due ulteriori idee (temi della coda dell'Esposizione): la prima idea è un naturale proseguimento del materiale musicale precedente [batt. 57 – 59]:

Beethoven Sonata piano no11 mov1 08.JPG

Il secondo tema della coda è invece più significativo. È una semplice scala di ottave vuote all'unisono in fortissimo, prima in salita e poi in discesa. Questo tema rappresenta indubbiamente, meglio di tutte le altre idee fin qui esposte, il carattere di questo primo tempo.[3] Ma ha anche un'importanza fondamentale per il successivo Sviluppo: infatti è da questo tema che Beethoven spettacolarmente inizia lo sviluppo del movimento.

Beethoven Sonata piano no11 mov1 09.JPG

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

Nello Sviluppo come già accennato l'importanza delle varie idee è relativa. A Beethoven interessa invece sviluppare nuovi mondi sonori dentro i quali le idee presentate si possono integrare in mille modi diversi con infinite sfumature. [7]
Lo Sviluppo inizia ripetendo all'incontrario le ultime 7 misure dell'Esposizione (confrontare l'esempio precedente) creando una specie di simmetria a specchio collegando saldamente l'Esposizione allo Sviluppo. L'ambiente tonale è quello della dominante (fa) [batt.70 -76]:

Beethoven Sonata piano no11 mov1 10.JPG

A questo punto, proseguendo nella struttura a specchio, entra il primo tema della coda (confrontare le battute 57-59) nella tonalità (convenzionale per quei tempi) della dominante del relativo minore: re (essendo la nota re dominante della nota sol, dove sol minore è la tonalità relativa minore di si bemolle maggiore – tonalità d'impianto del movimento)[3] [batt. 77 – 79]:

Beethoven Sonata piano no11 mov1 11.JPG

Alla fine si deve arrivare comunque alla tonalità di base (si bemolle); ed ecco allora che Beethoven nelle successive 10 misure (da battuta 83 a battuta 92), utilizzando la battuta iniziale del secondo tema della coda, sale con il basso, per intervalli di quarta, dal re-sol al sol-do. Il do finale essendo percepito come dominante di fa minore prepara il ritorno del si bemolle (tonalità d'impianto).[3]

Beethoven Sonata piano no11 mov1 12.JPG

Ora dei semplici arpeggi di quartine della mano destra sono appoggiati dalle semiminime del basso che scende per gradi congiunti dal si bemolle fino al mi bemolle (battute 93 – 106)[3] [batt. 94 – 95]:

Beethoven Sonata piano no11 mov1 13.JPG

Mentre la mano destra prosegue con gli arpeggi, la mano sinistra propone in “pianissimo” il secondo tema della coda dell'Esposizione sul mi bemolle grave (misura 107), sul do grave (misura 111) e sul fa grave (misura 115). L'ambiente armonico si stabilizza sulla nona minore di dominante (fa nona minore: fa – la – do – mi b – sol b). Questo accordo lievemente più dissonante di quello di settima di dominante è usato spesso da Beethoven per preparare il ritorno di un tema fondamentale.[8]

Beethoven Sonata piano no11 mov1 14.JPG

Ripresa[modifica | modifica sorgente]

Il finale dello Sviluppo dal fortissimo al pianissimo e contemporaneamente la discesa verso i registri più bassi della tastiera crea una tensione di straordinaria forza emotiva, ed è proprio in questo momento che si evidenzia la necessità, nella Ripresa con un tema a carattere neutro che evidenzi (ma nello stesso tempo equilibri) questa misteriosa atmosfera.[8]
Nella Ripresa si ha la ripetizione (sia melodicamente che armonicamente) di tutta la prima parte dell'Esposizione (il tema base compresa la sua codetta). A misura 140 una rapida successione (quasi uno “stretto”) dell'inciso iniziale del tema base prepara il ritorno della prima transizione alla quale fa seguito la prima idea secondaria (misura 155) e la seconda idea secondaria, entrambe alla tonica come previsto dalla forma-sonata:

Beethoven Sonata piano no11 mov1 15.JPG

Conclude la Coda con le varie idee (primo e secondo tema della coda) esposte alla tonica senza un ulteriore e significativo sviluppo.[7]

Schema riassuntivo[modifica | modifica sorgente]

Parte Sezione Sottosezione Tema Grado Tonalità Battute:da-a
Esposizione Tema principale Tema A I (tonica) Si b magg. 1-8
Codetta I (tonica) → V (dominante) Si b magg. → Fa magg. 9-12
Secondo gruppo tematico Transizione B II (sopratonica) Do magg. 12-22
Primo tema secondario C V (dominante) Fa magg. 23-31
Secondo tema secondario D V (dominante) Fa magg. 31-37
Codetta 38-44
Coda dell'Esposizione Transizione B 45-57
Primo tema della Coda E V (dominante) Fa magg. 57-62
Secondo tema della Coda F V (dominante) Fa magg. 63-66
Chiusa finale A V (dominante) Fa magg. 67-69
Sviluppo Prima sezione A V (dominante) Fa magg. 70-72
Seconda sezione F V (dominante) Fa magg. 73-76
Terza sezione E III (mediante) Re magg. 77-83
Quarta sezione F III (mediante) → VI (sopradom.) → II (sopratonica) Re → Sol → Do 83-94
Quinta sezione → IV (sottodom.) → Mi b magg. 94-106
Sesta sezione E IV (sottodom.) → II (sopratonica) → V (dominante) Mi b magg. → Do → Fa 107-128
Ripresa Tema principale Tema A I (tonica) Si b magg. 130-140
Codetta A I (tonica) Si b magg. 140-142
Secondo gruppo tematico Transizione B V (dominante) Fa magg. 143-154
Primo tema secondario C I (tonica) Si b magg. 155-163
Secondo tema secondario D I (tonica) Si b magg. 163-169
Codetta 170-179
Coda finale Transizione B 180-189
Primo tema della Coda E I (tonica) Si b magg. 189-194
Secondo tema della Coda F I (tonica)) Si b magg. 195-199
Chiusa finale A I (tonica) → 7a di V (settima di dominante) → I (tonica) Si b magg. → Fa magg. 7a → Si b magg. 199-201

Analisi del Secondo movimento[modifica | modifica sorgente]

Il secondo movimento è un ”Adagio con molta espressione” in tempo nove ottavi nella tonalità di base di mi bemolle maggiore (sottodominante della tonalità principale del primo movimento – in questo modo la tonalità del primo movimento diventa la dominante del secondo). La struttura è quella della forma-sonata (Esposizione di due temi, Sviluppo e Ripresa) ma filtrata attraverso la natura lirica del tempo lento: la presentazione del primo tema viene completamente conclusa prima di presentare il secondo tema.[8]

Esposizione[modifica | modifica sorgente]

La linea melodica del primo tema si svolge ampiamente con largo respiro e senza ritorni tematici [batt. 1 - 3].[9]

Beethoven Sonata piano no11 mov2 01.JPG

Questo lungo tema si chiude con una classica cadenza dominante-tonica (si bemolle – mi bemolle). Una stanghetta a metà battuta 12 insieme alla cadenza perfetta impone che il solista riprenda a suonare dopo una doverosa pausa.[8] Segue un ponte di collegamento al secondo tema (misure 13 – 19). Se il carattere del primo tema era molto cantabile, il secondo tema ha una fisionomia più pianistica. La base ritmica è la stessa (terzine di crome) ma il carattere è decisamente più beethoveniano[9]. La tonalità (come vuole la “forma-sonata”) è nella dominante. [batt. 19 - 22]

Beethoven Sonata piano no11 mov2 02.JPG

La codetta del secondo tema si riallaccia direttamente alla chiusura dell'Esposizione.

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

Lo Sviluppo riprende il primo tema nella tonalità (convenzionale) della dominante del relativo minore (sol).[8] L'accompagnamento è realizzato, come nell'Esposizione, da terzine ribattute sul sol che alla terza ripetizione dell'inciso iniziale del tema (“primo inciso del tema”) risolvono in continui e dinamici accordi di settima di dominante [batt. 32 - 35].[9]

Beethoven Sonata piano no11 mov2 03.JPG

Quindi sul secondo inciso del primo tema una progressione di quarte (sol – do – fa – si bemolle – mi bemolle) conduce con coerenza logica e grande efficacia l'armonia sul la bemolle minore (sottodominante della tonica mi) [batt. 35 - 40].[8]

Beethoven Sonata piano no11 mov2 04.JPG

Dalla sottodominante si passa alla tonica minore (mi bemolle minore) e quindi al modo maggiore con la ripresa del tema fondamentale.[8] Compito che verrà svolto dalla coda dello sviluppo (misure 40 – 47).

Ripresa[modifica | modifica sorgente]

La Ripresa procede simmetricamente rispetto all'Esposizione. Le due uniche differenze sono: (1) il secondo tema che viene presentato alla tonica ossia in mi bemolle maggiore (variante prevista dalla “forma-sonata”) e (2) l'accordo finale si chiude sulla tonica (mi bemolle maggiore), mentre nell'Esposizione l'accordo di chiusura era sulla dominante (si bemolle maggiore).

Schema riassuntivo[modifica | modifica sorgente]

Parte Sezione Tema Grado Tonalità Battute:da-a
Esposizione Primo tema G I (tonica) Mi b magg. 1-12
Ponte di collegamento 13-19
Secondo tema H V (dominante) Si b magg. 19-22
Coda V (dominante) Si b magg. 23-31
Sviluppo Prima sezione G III (mediante) Sol minore 32-35
Seconda sezione G III (mediante) → IV (sottodom.) Sol minore → La b minore 35-40
Coda IV (sottodom.) → I (tonica) La b minore → Mi b magg. 40-48
Ripresa Primo tema G I (tonica) Mi b magg. 48-58
Ponte di collegamento 58-66
Secondo tema H I (tonica) Mi b magg. 66-69
Coda V (dominante) → I (tonica) Si b magg. → Mi b magg. 69-78

Analisi del Terzo movimento[modifica | modifica sorgente]

Il terzo movimento è un classico minuetto. La struttura formale è la seguente: Minuetto (Esposizione – Sviluppo) – Trio (Esposizione – Sviluppo) – Ripresa del Minuetto senza replica. La tonalità di base è si bemolle maggiore. Il tempo è in tre quarti.

Minuetto: Esposizione[modifica | modifica sorgente]

Il tema del minuetto, fresco e grazioso[10], è esposto in 8 regolari (e usuali) battute. Nella parte centrale modula alla dominante (fa) e nel finale ritorna sulla tonica (si bemolle). [batt. 1-9]

Beethoven Sonata piano no11 mov3 01.JPG

Minuetto: Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

Lo Sviluppo è altrettanto regolare: 8 misure di sviluppo vero e proprio (battute 10 -18), 8 misure per il ritorno del tema (battute 18 – 26) e 6 misure di coda che riecheggiano il tema (battute 26 – 32) e che chiude lo sviluppo sulla tonica.[8] Tuttavia il dualismo di Beethoven si manifesta già in questo breve e semplice brano: in questa seconda parte il movimento si drammatizza comunicando un'emozione decisamente romantica.[10] Da un punto di vista armonico lo Sviluppo obbedisce a tutte le convenzioni armoniche dell'epoca: dalla dominate (re) della relativa minore (relativa minore di si bemolle = sol; dominante di sol = re) si passa alla relativa minore (sol minore) e dalla dominante (si bemolle) della sottodominante (sottodominante di si bemolle = mi; dominante di mi bemolle = si bemolle) si passa alla sopratonica (do) che con una semi-cadenza risolve sulla dominante (fa) che prepara il ritorno del tema principale alla tonica[8]. La tabella seguente riassume questi passaggi modulanti:

fase domanda A risposta A domanda B risposta B semicadenza tema
grado V del VI VI V del IV II V I
nota re sol sib do fa sib

Beethoven Sonata piano no11 mov3 02.JPG

Trio: Esposizione[modifica | modifica sorgente]

Il Trio accentua ancor più l'elemento drammatico introdotto dallo Sviluppo del Minuetto. Qui il carattere del Minuetto è vinto e quasi annullato.[10] La struttura di questo trio è formata da due frasi regolari di otto misure entrambe ripetute, mentre l'ambiente tonale è quello classico del modo relativo minore (sol minore). [bat. 33 - 36]

Beethoven Sonata piano no11 mov3 03.JPG

Lo Sviluppo del Trio chiude questa fase; quindi si ripete il Minuetto senza repliche.

Schema riassuntivo[modifica | modifica sorgente]

Parte Sezione Sottosezione Tema Grado Tonalità Battute:da-a
Minuetto Esposizione L I (tonica) Si b magg. 1-9
Sviluppo Prima sezione III (mediante) → V (dominante) Re magg. → Fa magg. 10-18
Seconda sezione L I (tonica) Si b magg. 18-26
Coda L I (tonica) Si b magg. 26-32
Trio Esposizione M VI (sopradom.) Sol minore 33-41
Sviluppo M VI (sopradom.) Sol minore 42-50

Analisi del Quarto movimento[modifica | modifica sorgente]

Il quarto movimento della sonata è un Rondò. Si tratta di un ”Allegretto” in tempo due quarti nella tonalità di base di si bemolle maggiore. La struttura è impostata su un tema esposto per cinque volte e quattro episodi intermedi.

Tema e primo episodio[modifica | modifica sorgente]

Il tema è esposto nelle prime 19 misure. L'esposizione si divide in due parti: la prima parte (da misura 1 a 9) è formata da una domanda, una risposta e da una codetta; la seconda parte ripete in modo quasi identico i primi due incisi, mentre la codetta si presenta più variata per chiudere definitivamente il tema.

Beethoven Sonata piano no11 mov4 01.JPG

Il primo episodio intermedio si sviluppa dalla misura 19 alla misura 41 e si divide in due parti: la prima (quasi un nuovo elemento tematico[11]) è più sincopata, mentre la seconda è più scorrevole specialmente nelle biscrome della mano destra.

Tema e secondo episodio[modifica | modifica sorgente]

Il ritorno del tema è preceduto da una lunga e ingegnosa preparazione (da misura 41 a misura 50): le note iniziali del tema vengono ripetute ad un ritmo gradualmente accelerato fino all'arrivo completo del tema. L'accelerazione viene realizzata aumentando il numero delle note nella stessa unità di tempo (un quarto): prima quattro note, poi sei, poi otto ed infine cinque note in mezzo quarto.[12] [batt. 47-50]

Beethoven Sonata piano no11 mov4 02.JPG

Questa seconda esposizione del tema è uguale alla prima. Anche il secondo episodio intermedio, che inizia a battuta 68, nella prima parte è abbastanza simile alla prima esposizione. La seconda parte (da battuta 81 a battuta 104) ripete ancora la prima parte ma in modo variato, quasi uno sviluppo. In effetti in Beethoven la forma-sonata è quasi sempre sottintesa e anche questo Rondò (come del resto il secondo movimento di questa sonata) in certi momenti “scivola” nella forma-sonata per poi riprendere velocemente la forma del Rondò[11] Per convincersene basta verificare la tonalità di questo “sviluppo”: è la dominante (fa) di si bemolle maggiore come vuole la regola:

Beethoven Sonata piano no11 mov4 03.JPG

Tema e terzo episodio[modifica | modifica sorgente]

Dopo alcune battute di preparazione (104 -112) ritorna il tema del Rondò alla mano sinistra e armonizzato per seste.[12] [batt. 113-116]

Beethoven Sonata piano no11 mov4 04.JPG

L'episodio intermedio corrispondente riprende sempre il tema iniziale (quello del primo episodio intermedio), ma qui viene ulteriormente variato con imitazioni in contrattempo.[13]

Tema - Quarto episodio e Tema finale[modifica | modifica sorgente]

La conclusione di questo Rondò è regolare. Un'ultima comparsa dei temi (sia quello del Rondò che degli episodi intermedi) riccamente elaborati[12] prepara la chiusura finale del movimento (e di tutta la sonata) sull'inciso del Rondò e una classica cadenza sulla tonica.

Schema riassuntivo[modifica | modifica sorgente]

Parte Sezione Sottosezione Tema Grado Tonalità Battute:da-a
Prima esposizione Tema del Rondò N I (tonica) Si b magg. 1-19
Episodio intermedio O I (tonica) Si b magg. 19-41
Seconda esposizione Tema del Rondò N I (tonica) Si b 41-68
Episodio intermedio Esposizione alla tonica O I (tonica) Si b magg. 68-81
Esposizione alla dominante O (variato) V (dominante) Fa 81-104
Terza esposizione Tema del Rondò N (variato) V (dominante) Fa 104-130
Episodio intermedio O (variato) I (tonica) Si b magg. 130-153
Quarta esposizione Tema del Rondò N (variato) 154-183
Episodio intermedio O (variato) V (dominante) Fa 184-195
Esposizione finale N 195-200

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Werke ohne Opuszahl, ossia "opere senza numero"
  2. ^ Nielsen 1961, op. cit., pag. 250
  3. ^ a b c d e f Rosen 2008, op. cit., pag. 165
  4. ^ a b Scuderi 1985, op. cit., pag. 95
  5. ^ a b Scuderi 1985, op. cit., pag. 96
  6. ^ Rosen 1982, op. cit., pag. 484
  7. ^ a b c Scuderi 1985, op. cit., pag. 97
  8. ^ a b c d e f g h i Rosen 2008, op. cit., pag. 166
  9. ^ a b c Scuderi 1985, op. cit., pag. 98
  10. ^ a b c Scuderi 1985, op. cit., pag. 99
  11. ^ a b Scuderi 1985, op. cit., pag. 100
  12. ^ a b c Rosen 2008, op. cit., pag. 167
  13. ^ Scuderi 1985, op. cit., pag. 101

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]


Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Audio[modifica | modifica sorgente]

Spartiti[modifica | modifica sorgente]


musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica