Sinagoghe negli Stati Uniti d'America

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sinagoga Touro di Newport (1763)
Sinagoga vecchia di Charleston (1784-1938)
Sinagoga Kahal Kadosh Beth Elohim di Charleston (1841)
Sinagoga Lloyd Street di Baltimora (1845)
Sinagoga Ansche Chesed di New York (1849)
Sinagoga Gates of Heaven di Madison (1863)
Sinagoga Isaac M. Wise di Cincinnati (1866)
Sinagoga vecchia Emanu-El di New York (1868), scomparsa
Sinagoga centrale di New York
Sinagoga Chizuk Amuno di Baltimora
Sinagoga Mickve Israel di Savannah
Sinagoga Eldridge Street di New York
Sinagoga Gemiluth Chassed di Port Gibson (1892)
Sinagoga Shearith Israel di New York (1897)
Sinagoga Rodef Shalom di Pittsburgh (1907)
Sinagoga Sixth & I di Washington (1908)
Sinagoga Poile Zedek di New Brunswick (1924)
Sinagoga Emanu-El di New York (1930)
Sinagoga Beth Sholom di Elkins Park (1959)

Negli Stati Uniti d'America, esistono numerose sinagoghe a testimonianza di una presenza ebraica che risale al periodo coloniale, fin dal XVII secolo.

Storia della sinagoga negli Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

Le condizioni di libertà religiosa garantite a tutte le fedi fin dalle origini della presenza coloniale permisero fin dal XVII secolo non solo la formazione di comunità ebraiche ma la costruzione di edifici sinagogali. Alla vigilia della guerra di indipendenza americana sei piccole sinagoghe - a New York, Philadelphia, Richmond, Charleston, Newport e Savannah - soddisfavano alle necessità dei circa 2.000 ebrei stabilitisi nelle colonie. Di queste è sopravvissuta solo la sinagoga Touro di Newport, che costruita nel 1763, è la più antica sinagoga ancora esistente nel territorio degli Stati Uniti.[1]

Il periodo tra la guerra di indipendenza americana (1775-83) e la conclusione della Guerra Civile (1861-65) segna l'acquisizione della piena libertà di culto per gli ebrei americani. Sorgono le prime sinagoghe monumentali, in stile neoclassico e poi anche neogotico e neoromanico, a New York, Baltimora, Madison.

Conclusasi nel 1865 la Guerra Civile, il nuovo Stato in rapida espansione economica attrasse un numero sempre crescente di immigrati ebrei dall'Europa. Si costituirono comunità con migliaia di membri che richiesero la costruzione di edifici sempre più grandi. La costruzione della Sinagoga Isaac M. Wise di Cincinnati nel 1866 segna l'orgogliosa irruzione dell'ebraismo riformato americano e dello stile neo-moresco. Con l'arrivo costante dei nuovi immigrati, l'architettura delle sinagoghe americane riflette quella che contemporaneamente si andava sviluppando in Europa nel periodo dell'Emancipazione, ma con una tendenza sempre più accentuata all'eclettismo.

Dal primo Novecento l'arte americana delle sinagoghe si sviluppa secondo linee sempre più autonome e distaccate dai modelli europei. L'art nouveau fonde in una visione eclettica gli elementi tradizionali di matrice europea producendo un nuovo stile decorativo.[2]

Col secondo dopoguerra la sinagoga americana è alla ricerca di nuove forme architettoniche, affidandosi ai suoi architetti migliori come Frank Lloyd Wright per la Sinagoga Beth Sholom di Elkins Park e Minoru Yamasaki per la Sinagoga Beth-El di Bloomfield.

Tipologia della sinagoga americana: sinagoghe attive, dismesse, scomparse[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso della loro storia gli ebrei americani hanno affrontato difficoltà, discriminazioni e pregiudizi, ma non hanno mai fatto esperienza, come in Europa, di persecuzioni, espulsioni, o requisizioni di sinagoghe. La grande mobilità della società americana ha imposto tuttavia la necessità che per così dire le sinagoghe "seguissero" sul territorio gli spostamenti e le variazioni demografiche delle comunità ebraiche. Di conseguenza è molto frequente il caso dell'abbandono di edifici sinagogali, anche monumentali, per edificare nuove sinagoghe nei nuovi luoghi di residenza della comunità.

Il fenomeno, sempre presente, si è accentuato soprattutto nel secondo dopoguerra con il trasferimento della maggior parte della popolazione urbana dai centri storici (dove sorgevano la maggior parte delle sinagoghe ottocentesche e del primo novecento) ai nuovi sobborghi residenziali. Molti edifici sinagogali sono stati così abbandonati, venduti, e demoliti per far spazio a nuove costruzioni. L'integrazione delle comunità ebraiche nel tessuto sociale e religioso degli Stati Uniti ha prodotto un fenomeno molto raro in Europa: accade qui con frequenza che sinagoghe siano vendute ad altre comunità religiose (non solo cristiane) per le loro esigenze di culto, così come accade il fenomeno opposto di edifici nati originariamente come chiese o altri luoghi di culto e quindi acquistati e riadattati come sinagoghe.[3]

Per porre un freno alla perdita di un patrimonio architettonico unico, molte sinagoghe sono oggi designate come monumento nazionale (attraverso il National Historic Landmark Program, creato nel 1935), o inserite nel più vasto elenco degli edifici di interesse storico nazionale (il National Register of Historic Places, creato dal 1966).[4] Alcune importanti sinagoghe, non più attive per il culto, sono state restaurate e trasformate in musei o centri culturali. Grazie a queste iniziative e ad una maggiore sensibilizzazione dell'opinione pubblica rispetto alla conservazione della memoria storica, la tendenza alla perdita del patrimonio culturale e architettonico rappresentato dalle tante sinagoghe sembra essersi oggi fermata o almeno sensibilmente rallentata.

Elenco delle principali sinagoghe degli Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

L'elenco (parziale) include in ordine cronologico le principali sinagoghe degli Stati Uniti, con particolare attenzione a quelle riconosciute come monumento nazionali (National Historical Landmark [NHL])[5] o inserite nel registro degli edifici di interesse storico nazionale (National Register of Historic Places [NRHP]).[6] Nell'elenco sono comprese non solo sinagoghe ancora attive ma anche quelle alienate, abbandonate o demolite, delle quali si abbia traccia o notizia, con l'indicazione del loro stato attuale.

Periodo coloniale (XVIII sec.)[modifica | modifica wikitesto]

Dalla Dichiarazione di Indipendenza alla fine della Guerra Civile (1776-1865)[modifica | modifica wikitesto]

Dalla Guerra Civile a fine Ottocento (1865-1899)[modifica | modifica wikitesto]

Il primo Novecento (1900-1918)[modifica | modifica wikitesto]

Tra la prima e la seconda guerra mondiale (1918-1945)[modifica | modifica wikitesto]

Il secondo dopoguerra (1945-1999)[modifica | modifica wikitesto]

Il XXI secolo (2000-)[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Kerry M. Olitzky. The American Synagogue: A Historical Dictionary and Sourcebook. Westport, CN: Greenwood Press, 1996, pp.2-3.
  2. ^ Kerry M. Olitzky. The American Synagogue: A Historical Dictionary and Sourcebook. Westport, CN: Greenwood Press, 1996
  3. ^ Marc Lee Raphael. The Synagogue in America: A Short History. New York, NY: New York University Press, 2011.
  4. ^ Richard S. Armstrong, The preservation of Churches, Synagogues and Other Religious Structures, Washington, DC: National Trust for Historic Preservation in the United States 1978.
  5. ^ National Historic Landmark Program
  6. ^ National Register of Historical Places
  7. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae Henry & Daniel Stolzman. Synagogue Architecture in America: Faith, Spirit & Identity. Mulgrave, Vic.: Images; Woodbridge: ACC Distribution, 2004
  8. ^ Synagogues360 (Newport)
  9. ^ Synagogues360 (Charleston)
  10. ^ Synagogues360 (Cincinnati)
  11. ^ Synagogues360 (Savannah)
  12. ^ Synagogues360 (Trinidad)
  13. ^ Synagogues360 (Burlington)
  14. ^ Synagogues360 (New York)
  15. ^ Synagogues360 (San Diego)
  16. ^ Synagogues360 (Port Gibson)
  17. ^ Synagogues360 (Brenham)
  18. ^ Synagogues360 (Boise)
  19. ^ Synagogues360 (Brookhaven)
  20. ^ Synagogues360 (Corsicana)
  21. ^ Synagogues360 (Butte)
  22. ^ Synagogues360 (Lake Charles)
  23. ^ Synagogues360 (San Francisco)
  24. ^ Synagogues360 (Boise)
  25. ^ Synagogues360 (Lexington)
  26. ^ Synagogues360 (Natchez)
  27. ^ Synagogues360 (New York)
  28. ^ Synagogues360 (Greenville)
  29. ^ Synagogues360 (Washington)
  30. ^ Synagogues360 (New Orleans)
  31. ^ Synagogues360 (Boise)
  32. ^ Synagogues360 (Tucson)
  33. ^ Synagogues360 (Oakland)
  34. ^ Synagogues360 (Los Angeles)
  35. ^ Synagogues360 (Fleischmanns)
  36. ^ Synagogues360 (Abilene)
  37. ^ Synagogues360 (Beaumont)
  38. ^ Synagogues360 (Chicago)
  39. ^ Synagogues360 (Victoria)
  40. ^ Synagogues360 (New Brunswick)
  41. ^ Synagogues360 (Lincoln)
  42. ^ Synagogues360 (New Orleans)
  43. ^ Synagogues360 (Cleveland)
  44. ^ Synagogues360 (San Antonio)
  45. ^ Synagogues360 (New Orleans)
  46. ^ Synagogues360 (Portland)
  47. ^ Synagogues360 (Los Angeles)
  48. ^ Synagogues360 (New York)
  49. ^ Synagogues360 (Baytown)
  50. ^ Synagogues360 (Galveston)
  51. ^ Synagogues360 (Grand Forks)
  52. ^ Synagogues360 (Billings)
  53. ^ Synagogues360 (Abilene)
  54. ^ Synagogues360 (McGehee)
  55. ^ Synagogues360 (Cleveland Heights)
  56. ^ Synagogues360 (Elkins Park)
  57. ^ Synagogues360 (Glencoe)
  58. ^ Synagogues360 (Spokane)
  59. ^ Synagogues360 (Rochester)
  60. ^ Synagogues360 (Takoma)
  61. ^ Synagogues360 (Bloomfield)
  62. ^ Synagogues360 (Los Angeles)
  63. ^ Synagogues360 (Sierra Vista)
  64. ^ Synagogues360 (Omaha)
  65. ^ Synagogues360 (Bellevue)
  66. ^ Synagogues360 (Carlsbad)
  67. ^ Synagogues360 (San Diego)
  68. ^ Synagogues360 (Las Cruces)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marc Lee Raphael. The Synagogue in America: A Short History. New York, NY: New York University Press, 2011.
  • Henry & Daniel Stolzman. Synagogue Architecture in America: Faith, Spirit & Identity. Mulgrave, Vic.: Images; Woodbridge: ACC Distribution, 2004.
  • Kerry M. Olitzky. The American Synagogue: A Historical Dictionary and Sourcebook. Westport, CN: Greenwood Press, 1996.
  • Oscar Israelowitz. Synagogues of the United States: A Photographic and Architectural Survey. Brooklyn, NY: Israelowitz Pub., 1992.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]