Simona Atzori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Simona Atzori (Milano, 18 giugno 1974) è una pittrice, ballerina e scrittrice italiana.[1][2][3][4]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Milanese, figlia di genitori sardi, pur essendo priva di braccia dalla nascita ha intrapreso le attività di pittrice e di ballerina classica. Nel 2001 si è laureata in "arti visuali" alla University of Western Ontario a London (Canada). Nel 2006 ha danzato alla cerimonia di apertura delle paralimpiadi 2006 di Torino.[5][6] Il 17 febbraio 2012 si è esibita nella coreografia di apertura della quarta serata del Festival di Sanremo 2012,[7] con il violinista David Garrett, [8] e curata da Daniel Ezralow.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Cosa ti manca per essere felice?, Mondadori
  • Dopo di te, Mondadori, 2014
  • La strada nuova: Diventare protagonisti della propria vita, Giunti, 2018

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Simona Atzori: «Come sarebbe la mia vita con le braccia?», su Donna Moderna, 22 marzo 2018. URL consultato il 16 settembre 2019.
  2. ^ Simona Atzori Archivi, su Giornale della Danza. URL consultato il 16 settembre 2019.
  3. ^ Disabili: Simona Atzori, oggi bisogna celebrare la persona - Terra & Gusto, su ANSA.it, 3 dicembre 2018. URL consultato il 16 settembre 2019.
  4. ^ comune.torino.it.
  5. ^ Simona danza alla cerimonia di apertura delle PARALIMPIADI DI TORINO 2006, su simonarte.net. URL consultato il 10 maggio 2020.
  6. ^ "Così come sei". La ballerina e pittrice Simona Atzori all'Università del Dialogo del Sermig, su superabile.it. URL consultato il 10 maggio 2020.
  7. ^ Sanremo, Simona Atzori apre la quarta serata, su video.repubblica.it. URL consultato il 10 maggio 2020.
  8. ^ Festival Sanremo 2012: la quarta serata inizia con David Garrett e Simona Atzori, su sanremonews.it. URL consultato il 10 maggio 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN313304638 · Europeana agent/base/159114 · WorldCat Identities (ENviaf-313304638