Silvio Brusaferro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Silvio Brusaferro

Presidente dell'Istituto Superiore di Sanità
In carica
Inizio mandato 29 luglio 2019
Predecessore Walter Ricciardi

Silvio Brusaferro (Udine, 8 aprile 1960) è un medico e accademico italiano, dal 17 marzo 2021 portavoce del Comitato Tecnico Scientifico[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Come medico e docente universitario, svolge la sua attività professionale, didattica e scientifica nell'ambito dell'igiene e della medicina di sanità pubblica.

Ricopre la carica coordinatore dei programmi regionali del Friuli-Venezia Giulia per la gestione e il contenimento del rischio clinico correlato all'assistenza. Tra il 2010 e il 2013 è stato membro del Consiglio superiore di sanità, sezione Salute Pubblica.

Ha ricoperto la carica di direttore medico dell'ospedale di Gemona del Friuli tra il 1990 e il 1993 e successivamente dell'Ospedale Universitario di Udine tra il 2002 e il 2006. A seguito della fusione avvenuta nel 2006 tra l'Ospedale Universitario e l'ospedale S. Maria della Misericordia di Udine è divenuto direttore della Struttura Operativa Complessa di Accreditamento, gestione del rischio clinico e valutazione delle performance sanitarie della nascente Azienda Ospedaliero-Universitaria di Udine.

Professore ordinario di Igiene e Medicina Preventiva dal 2006, è direttore del Dipartimento di Area Medica dell'Università degli Studi di Udine dal 2017.

È stato co-fondatore e coordinatore dal 2011 dell'European Network to Promote Infection Prevention for Patient Safety (EUNETIPS), coordinamento europeo che si occupa di monitorare l'attuazione delle misure di controllo delle infezioni, con particolare attenzione agli ambiti correlati all'assistenza. È membro del Global Infection Prevention and Control Network, Infection Prevention and Control Global Unit dell'Organizzazione mondiale della sanità.

Il 7 gennaio 2019 la ministra Giulia Grillo lo ha nominato commissario straordinario dell'Istituto superiore di sanità dopo le dimissioni anticipate del presidente Walter Ricciardi[2]. Dal 29 luglio 2019 è Presidente dell'Istituto superiore di sanità[3][4][5], mentre dal febbraio 2020 è membro di diritto del Comitato tecnico scientifico,[6] organo di cui si avvalgono il Capo del Dipartimento della protezione civile e il Governo per l'adozione delle misure necessarie a fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comitato tecnico scientifico, su salute.gov.it, Ministero della Salute. URL consultato il 20 marzo 2021.
  2. ^ Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro nominato commissario, su Salute.gov. URL consultato l'11 gennaio 2019.
  3. ^ Curriculum Brusaferro, su iss.it.
  4. ^ Nuovo vertice Iss, Brusaferro presidente e Piccioli direttore, su ansa.it.
  5. ^ D.P.C.M. 29 luglio 2019. (PDF), su iss-amministrazionetrasparente.azurewebsites.net.
  6. ^ Decreto del Capo Dipartimento n. 371 del 5 febbraio 2020, su protezionecivile.gov.it.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Commissario straordinario dell'Istituto superiore di sanità Successore Esculaap4.svg
Gualtiero Ricciardi 2019 -
Controllo di autoritàORCID (EN0000-0003-1018-7094 · WorldCat Identities (ENnp-brusaferro,%20silvio/