Silvia Federici

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Silvia Federici

Silvia Federici (Parma, 1942) è una scrittrice italiana naturalizzata statunitense.

Lavora nel campo del femminismo e degli studi di genere

Partendo dall'idea che l'essere umano, attraverso le sue attività, è l'unico generatore di valore, Federici focalizza i suoi studi sul lavoro riproduttivo; creando e curando gli esseri umani, di fatto creando e ricreando la società umana (unica base e fonte di generazione di ricchezza) le donne realizzato, senza alcuna retribuzione, la fonte attraverso cui la ricchezza viene generata. Federici conclude che la maternità, le attività di cura della prole e il lavoro domestico, attività storicamente non retribuite e imposte socialmente come dovere di genere, ha costituito e costituisce, insieme all'utilizzo come manodopera e il successivo genocidio dei nativi americani (si calcola che tra il XV e il XIX secolo morirono a causa della colonizzazione tra 50 e 115 milioni di persone) e alla schiavitù - deportazione violenta di massa di lavoratori con sottrazione di vita e attività a titolo gratuito (si calcola che la tratta degli schiavi di origine africana realizzata degli europei verso le Americhe tra il XVI e il XIX secolo abbia coinvolto 12 milioni di persone) la base, ancora oggi, su cui l'Occidente ha costruito l'accumulazione del sovra-plus di ricchezza.

Negli anni Settanta è stata una delle promotrici delle campagne che cominciarono a chiedere un salario per il lavoro domestico, lavoro realizzato dalle donne senza alcuna retribuzione. Negli anni ottanta ha lavorato per diversi anni come insegnante in Nigeria. Entrambe le traiettorie convergono in due delle sue opere più note: Calibano e la strega: donne, corpo e accumulazione originaria (2004)[1] y Revolución en punto cero: trabajo doméstico, reproducción y luchas feministas (2013). I suoi studi si collocano dentro la tradizione marxista. Nell'attualità è professore emerito all'università Hofstra di New York.[2][3][4]

Traiettoria[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuta in Italia emigra negli Stati Uniti nel 1967 per studiare filosofia presso la Università di Buffalo.

Nel 1972 Federici partecipa alla fondazione del Collettivo femminista internazionale, un'organizzazione che ha lanciato la campagna internazionale Wages For Housework (WFH) per ottenere un salario per il lavoro domestico. Con altri membri dell'organizzazione come Mariarosa Dalla Costa e Selma James, e con autori femministi come Maria Mies e Vandana Shiva, Federici ha contribuito a sviluppare il concetto di "riproduzione" come chiave nelle relazioni di classe, sfruttamento e dominio in contesti locali e globali, così come al centro in rapporti d'autonomia e di forme di vita in comune.

Negli anni Ottanta ha tenuto corsi presso l'Università Port Harcourt in Nigeria e successivamente è diventato professore di Filosofia Politica e di Studi Internazionali presso il New College of Hofstra University, dove è insegnante emerita. Negli anni Ottanta ha fondato il Comitato per la libertà accademica in Africa, un'organizzazione dedicata a sostenere le lotte degli studenti e degli insegnanti in Africa contro gli adattamenti strutturali delle economie africane e dei sistemi educativi. È anche membro dell'associazione Midnight Notes Collective .

Dal 1987 al 2005 insegna studi internazionali, studi femminili e filosofia politica presso l'Hofstra College di New York, pubblicando numerose opere in questo campo, tra cui l'acclamato "Calibano e la strega: la donna, il corpo e l'accumulazione originale " tradotto in numerose lingue. Il libro narra il rapporto tra i processi delle streghe europee del XVI e XVII secolo e l'aumento del capitalismo, evidenziando la continua relazione tra oppressione e accumulazione nello sviluppo capitalistico.

Pensiero[modifica | modifica wikitesto]

Nelle sue opere, Federici analizza il capitalismo, la politica salariale e il lavoro riproduttivo da una prospettiva di genere[5] e sostiene che il corpo delle donne è l'ultima frontiera del capitalismo.[6]

Federici denuncia inoltre l'intervento delle Nazioni Unite nell'agenda e nelle politiche femministe con l'obiettivo di utilizzare il femminismo per promuovere il neoliberismo e per contrastare il potenziale sovversivo del movimento femminista in termini, ad esempio, di combattimento della divisione sessuale del lavoro e contro tutti i meccanismi di sfruttamento.

Calibano e la strega[modifica | modifica wikitesto]

Federici pubblicò nel 2004 Calibano e la strega. Le donne, il corpo e l'accumulazione originaria dove sviluppa le teorie di Leopoldina Fortunati. Federici si oppone alla teoria dell'accumulazione primitiva di Karl Marx. Per Marx, l'accumulazione primitiva era il precursore del capitalismo, per Federici l'accumulazione primitiva è una caratteristica fondante e fondamentale del capitalismo poiché il capitalismo, per sopravvivere, richiede una costante infusione di capitale espropriato. Nelle sue recenti presentazioni pubbliche Federici, che potrebbe essere descritta come una storica-marxista-femminista del lavoro, ha sostenuto la necessità di riconoscere il lavoro domestico, il lavoro sessuale e la lotta per la dimensione comunitaria.[1]

Nel capitalismo c'è un'organizzazione del lavoro che ha due aspetti: gli uomini e ora anche alcune donne realizzano la produzione di beni; le donne svolgono la produzione della forza lavoro per il mercato. La discriminazione deriva dal fatto che questo lavoro è prezioso. Il lavoratore maschile ha qualche potere sociale, per quanto limitato, perché guadagna uno stipendio e il suo lavoro è riconosciuto. Ma la realtà è che, se guardiamo il capitalismo attraverso la dimensione lavorativa, che include il lavoro salariato e il lavoro non salariato, vedremo come il rapporto è molto più complesso di quanto possa sembrare se si considera solo il lavoro salariato, visto che il lavoro salariato comprende anche meccanismi di esclusione; comprende, come dice Marx, meccanismi per estrarre il lavoro non salariato. Marx avrebbe dimenticato il lavoro riproduttivo (la riproduzione di esseri umani), fattore essenziale e necessario per il capitalismo e per qualunque altra società organizzata.[7] Federici relaziona questa espropriazione al lavoro riproduttivo e non retribuito realizzato dalle donne con la riproduzione, chiave per l'emergere di un'economia capitalista basata sul lavoro salariato. A questo proposito descrive la lotta storica per la proprietà comunitaria e la lotta storica per il comunismo. Invece di vedere il capitalismo come un trionfo liberatorio contro il feudalesimo, Federici interpreta l'ascesa del capitalismo come un movimento reazionario per eliminare lo spazio comunitario e il contratto basico tradizionale.[1]

L'autrice colloca l'istituzionalizzazione dello stupro, così come i processi, le torture e la repressione degli eretici nonché la caccia alle streghe, al centro di una sottomissione metodica delle donne e l'appropriazione della sua forza lavoro. Ciò è legato all'esproprio coloniale e fornisce un quadro per comprendere l'agire della Banca Mondiale e del fondo monetario internazionale e di altre istituzioni che promuovono attivamente e partecipano ad un nuovo ciclo di accumulazione primitiva, per cui tutti i beni comuni come l'acqua, i semi e anche il nostro codice genetico sono stati privatizzati in ciò che equivale a un nuovo ciclo di appropriazione di beni di base relativi alla sopravvivenza.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Libri come autrice[modifica | modifica wikitesto]

Libri come editrice[modifica | modifica wikitesto]

  • (1995) (ed.) Enduring Western Civilization: The Construction of the Concept of Western Civilization and Its "Others". Westport, CT, and London: Praeger.
  • (2000) (ed.) A Thousand Flowers: Structural Adjustment and the Struggle for Education in Africa. Africa World Press.
  • (2000) (eds.) African Visions: Literary Images, Political Change, and Social Struggle in Contemporary Africa. Westport, CT, and London: Praeger.

Articoli di libero accesso[modifica | modifica wikitesto]

Conferenze - archivi audio[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Silvia Federici: “La desvalorización está en el núcleo de la violencia”, La tinta - latinta.com.ar, 4 agosto 2017. URL consultato il 9 agosto 2017.
  2. ^ Calibán y la bruja. Mujeres, cuerpo y acumulación originaria. Traficantes de sueños
  3. ^ Silvia Federici biography at Interactivist Archiviato il 28 settembre 2007 in Internet Archive.
  4. ^ Silvia Federici: “La violencia es una constante en la vida de la mujer bajo el capitalismo”, Públcio (España), 5/9/2017
  5. ^ Requena Aguilar, "Si tratta di un'illusione che lavoro salariato è la chiave per liberare le donne ", in eldiario.es, 24 maggio 2014. URL consultato il 12 ottobre 2016.
  6. ^ Rubio Murillo=, "il corpo femminile è l'ultima frontiera del capitalismo", in eldiario.es. URL consultato il 12 di ottobre 2016.
  7. ^ Federici-the-chain-of-mount-inizia-in-the-cucina-in-the-lavandino-in-our-corpi / Intervista con Silvia Federici: "la catena di montaggio inizia in cucina, in bagno, in nei nostri corpi ", AraInfo, 12/11/2012[collegamento interrotto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN59298964 · ISNI (EN0000 0000 2161 3288 · LCCN (ENn80119094 · GND (DE1025174429 · BNF (FRcb144120301 (data)