Silvano Tagliagambe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Silvano Tagliagambe (Legnano, 9 luglio 1945) è un filosofo ed epistemologo italiano.

Cenni biografici[modifica | modifica wikitesto]

Silvano Tagliagambe nasce nel 1945 a Legnano e vive a Milano dove studia Filosofia alla Statale come allievo di Ludovico Geymonat con cui si laurea con la lode attraverso una tesi sull'interpretazione della meccanica quantistica di Hans Reichenbach. Prosegue i suoi studi specializzandosi in Fisica quantistica all'Università degli Studi Lomonosov di Mosca sotto la direzione di Ja.P. Terleckij e poi presso l'Accademia delle Scienze dell'URSS, Istituti di Filosofia e di Fisica dal 1971 al 1974 dove si specializza in Filosofia della fisica con la supervisione di V.A. Fock e M.E. Terleckij.

Sviluppa la sua attività scientifica e didattica attraverso un variegato percorso universitario che lo porta ad insegnare presso diversi atenei dal 1974 al 2008[1] e a collaborare con differenti centri di ricerca ed enti istituzionali come consulente scientifico.[2]

Pensiero[modifica | modifica wikitesto]

Il lavoro di ricerca di Tagliagambe si concentra inizialmente sul rapporto tra filosofia e fisica (soprattutto quantistica) nella cultura russa tra '800 e '900, in particolare sul concetto di realtà fisica (Bohr, Heisenberg, Born) e sui rapporti tra materialismo dialettico e sviluppi della fisica del '900.[3]

Dagli anni '90 si concentra sui temi del rapporto tra realtà osservata e sistema osservante, le interazioni reciproche e il ruolo del linguaggio, della comunicazione intersoggettiva, della mediazione linguistica e della semiotica nel pensiero scientifico.[4]. Elabora il ruolo e il significato di interfaccia, il rapporto tra intelligenza naturale e intelligenza artificiale, in particolare il ruolo progressivamente avuto dalle tecnologie di informazione e comunicazione.

Esplora i contributi sul profondo significato del concetto di "margine", sia esso su un essere vivente, un'interfaccia o il rapporto tra corpo e mente, nei sistemi sociali e nella comunicazione.[5]. Studia le forti interconnessioni tra artificiale e naturale, il profondo senso dell'interdisciplinarità, e il libro Il Sogno di Dostoevskij, attraverso una visitazione storica dal dibattito tra lo scrittore e lo scienziato Secënov, fino alle recenti scoperte della neurofisiologia, mette a fuoco il senso del rapporto tra le mente e il corpo e il significato e la funzione dell'inconscio.[6]

Ricostruisce e interpreta l'intenso scambio dialogico tra il premio Nobel della fisica Wolfgang Pauli e il fondatore della psicologia analitica Carl Gustav Jung, nel quale emerge il profondo rapporto tra filosofia, fisica e psicanalisi.[7][8]

L'analisi tra visibile e invisibile, il ruolo dell'arte e il senso epistemologico dello spazio intermedio e del confine vengono da lui sviluppati anche attraverso un'esegesi del pensiero di Florenskij[9][10]

Le ricadute del suo pensiero sulle scienze sociali ed economiche trovano approfondimenti nelle opere dedicate all'analisi dei sistemi organizzativi socio-economici[11].[12][13]).

L'attività presso la facoltà di Architettura lo porta a riflettere sulla'"epistemologia del progetto", sulla relazione tra possibilità e realtà, sul rapporto tra l'Io, lo spazio, il tempo, l'ambiente, tra urbs e civitas, sul concetto di paesaggio, sul ruolo delle città globali e sul nesso tra globale e locale ([14].[15]',[16].[17].

Gli sviluppi delle tecnologie digitali e poi della rete come fenomeno prima tecnologico poi culturale e sociale vengono elaborati e incorporati nel suo pensiero.[18],[19],[20]

La sua riflessione teorica è indirizzata anche ai temi dell'apprendimento e dell'organizzazione della conoscenza soprattutto alla luce delle reali esperienze della scuola, dei processi di modernizzazione e innovazione che la coinvolgono e delle nuove esigenze che essa deve affrontare[21],[22].[23],[24]

Nel 2012 ha diretto il rifacimento del manuale di filosofia di Ludovico Geymonat e pubblicato da Garzanti Scuola con il titolo La realtà e il pensiero. La ricerca filosofica e scientifica in collaborazione con Edoardo Boncinelli[25].

Collabora dal 2014 con il CNI per il premio Scintille dedicato all'innovazione (AD).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (Università di Pisa, Cagliari, Roma La Sapienza, Sassari: Facoltà di Architettura di Alghero)
  2. ^ (Vicepresidente CRS4(1994-2000) , Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca per la Riforma, CIES, FIESEC, Direttore scientifico del progetto “Scuola digitale” della Regione Sardegna).
  3. ^ Vedi L'interpretazione materialistica della meccanica quantistica. Fisica e filosofia in URSS. Vedi Scienza, filosofia, politica in Unione Sovietica.1924-1939. Vedi Materialismo e dialettica nella filosofia sovietica. Vedi Scienza e marxismo in Urss.
  4. ^ Vedi La mediazione linguistica. Il rapporto pensiero-linguaggio da Leibniz a Hegel
  5. ^ Vedi Epistemologia del confine
  6. ^ Vedi Il Sogno di Dostoevskij
  7. ^ (vedi Pauli e Jung. Un confronto su materia e psiche
  8. ^ Vedi recensione di Edoardo Boncinelli in Corriere della Sera lunedì 24 ottobre 2011 che cita “con quest'opera Tagliagambe va avanti sul progetto di esplorare una originalissima «epistemologia del confine»”.
  9. ^ Vedi Come leggere Florenskij
  10. ^ Vedi La tecnica e il corpo. Riflessioni su uno scritto di Pavel Florenskij
  11. ^ vedi Organizzazioni. Soggetti umani e sviluppo socio-economico
  12. ^ Vedi Individui e imprese: centralità delle relazioni
  13. ^ Vedi La politica che non c'è. Idee guida per un progetto tra razionalità e valori
  14. ^ Vedi L'albero flessibile. La cultura della progettualità
  15. ^ Vedi Le due vie della percezione e l'epistemologia del progetto'
  16. ^ Vedi La città possibile
  17. ^ Vedi People and Space. New Forms of interaction in City Project
  18. ^ Vedi: Epistemologia del cyberspazio
  19. ^ Vedi La comunicazione nell'era di Internet
  20. ^ Vedi Lo spazio intermedio, poi tradotto anche in spagnolo, che riprende, rielabora ed estende il concetto di confine.
  21. ^ Vedi La didattica e la rete
  22. ^ Vedi Più colta e meno Gentile
  23. ^ Vedi Saper fare la scuola: il triangolo che non c'è
  24. ^ Vedi Nuovi percorsi per l'obbligo formativo
  25. ^ Vedi * La realtà e il pensiero 1. La ricerca filosofica e scientifica Garzanti Scuola 2012 ISBN 978-88-6964-402-3 , * La realtà e il pensiero 2. La ricerca filosofica e scientifica Garzanti Scuola 2012 ISBN 978-88-6964-403-0, * La realtà e il pensiero 3. La ricerca filosofica e scientifica Garzanti scuola 2012 ISBN 978-88-6964-404-7

Opere[modifica | modifica wikitesto]

È autore di oltre 200 opere tra cui:

  • L'interpretazione materialistica della meccanica quantistica. Fisica e filosofia in URSS, Feltrinelli, Milano, 1972;
  • Scienza, filosofia, politica in Unione Sovietica. 1924-1939, Feltrinelli, Milano, 1978;
  • Materialismo e dialettica nella filosofia sovietica, Loescher, Torino, 1979;
  • Scienza e marxismo in Urss, Loescher, Torino, 1979;
  • La mediazione linguistica. Il rapporto pensiero-linguaggio da Leibniz a Hegel, Feltrinelli, Milano, 1980;
  • D.I. Mendeleev, Scritti sullo spiritismo. . Traduzione e studio storico-critico introduttivo (pp. I-XCVI) di S. Tagliagambe, Bollati-Boringhieri, Torino, 1992;
  • L'impresa tra ipotesi, miti e realtà (in collaborazione con G.Usai), ISEDI, Torino, 1994;
  • Epistemologia del confine, Il Saggiatore, Milano, 1997;
  • La politica che non c'è. Idee guida per un progetto tra razionalità e valori, Demos, Cagliari, 1997;
  • Il sequestro dell'identità, CUEC, Cagliari, 1997;
  • La città possibile, (in collaborazione con G. Maciocco), Dedalo, Bari, 1997;
  • Epistemologia del cyberspazio, Demos, Cagliari, 1997;
  • L'albero flessibile. La cultura della progettualità, Masson, Milano, 1997;
  • Il profilo del tempo, ‘Nuova civiltà delle Macchine', Anno XVII, 1999, n. 1(a cura di),
  • Organizzazioni. Soggetti umani e sviluppo socio-economico, (in collaborazione con G.Usai), Giuffré, Milano, 1999
  • La didattica e la rete, Pitagora Editrice, Bologna, 2000
  • La comunicazione nell'era di Internet, (in collaborazione con C. Crespellani Porcella e G. Usai, Collana Fondazione IBM – Etas Libri, Milano, 2000 (a cura di)
  • Il destino del marxismo in Russia: dall'idolatria al rifiuto, (in collaborazione con V. Mironov), Luiss Edizioni, Collana di studi metodologici, Roma, 2001;
  • La vittoria di Babele. Dalla filosofia naturale alla separazione dei linguaggi, ‘ Civiltà delle macchine', anno XVIII, n. 4, 2000, (a cura di)
  • Il sogno di Dostoevskij. Come la mente emerge dal cervello, Raffaello Cortina Editore, Milano, 2002;
  • Filosofia della scienza (in collaborazione con G. Boniolo, M.L. Dalla Chiara, G. Giorello, C. Sinigaglia), Cortina, Milano, 2002; (a cura di)
  • Nuovi percorsi per l'obbligo formativo, Edizioni PLUS. Università di Pisa, Pisa, 2003;
  • Il pensiero unitario di Ludovico Geymonat, in collaborazione cn AA.VV. Edizioni Nuova Cultura, Teramo, 2004;
  • Le due vie della percezione e l'epistemologia del progetto, Franco Angeli, Milano, 2005;
  • Più colta e meno gentile. Una scuola di massa e di qualità, Armando, Roma, 2006;
  • Come leggere Florenskij, Bompiani, Milano, 2006;
  • La tecnica e il corpo. Riflessioni su uno scritto di Pavel Florenskij, (in collaborazione con B. Antomarini) Franco Angeli, Milano, 2007; (a cura di),
  • Individui e imprese: centralità delle relazioni, (in collaborazione con G. Usai) Giuffrè, Milano, 2008;
  • Saper fare la scuola: il triangolo che non c'è, (in collaborazione con V.Campione) Einaudi, Torino, 2008;
  • Lo spazio intermedio, Università Bocconi Editore, Milano, 2008;
  • Storia della filosofia, vol. XIII, Filosofi italiani del Novecento, (in collaborazione con D.Antiseri) Bompiani, Milano, 2008;
  • Storia della filosofia, vol. XIV, Filosofi italiani del Novecento, (in collaborazione con D.Antiseri) Bompiani, Milano, 2008;
  • “People and Space. New Forms of interaction in City Project”, (in collaborazione con G.Maciocco) Springer-Verlag Berlin, Heidelberg, New York, 2009;
  • El espacio intermedio. Red, individuo y comunidad, Fragua Editorial, Madrid, 2009;
  • Pauli e Jung. Un confronto su materia e psiche,(in collaborazione con A. Malinconico) Raffaello Cortina, Milano, 2011;
  • La libertà, le lettere, il potere, (in collaborazione con D.Antiseri e P.Maninchedda) Rubbettino, Soveria Mannelli, 2011;
  • La realtà e il pensiero 1. La ricerca filosofica e scientifica Garzanti Scuola 2012 ISBN 978-88-6964-402-3
  • La realtà e il pensiero 2. La ricerca filosofica e scientifica Garzanti Scuola 2012 ISBN 978-88-6964-403-0
  • La realtà e il pensiero 3. La ricerca filosofica e scientifica Garzanti scuola 2012 ISBN 978-88-6964-404-7
Controllo di autoritàVIAF (EN277914199 · ISNI (EN0000 0003 8482 5407 · SBN IT\ICCU\CFIV\114761 · LCCN (ENn78067976 · GND (DE132165724 · BNF (FRcb12019198n (data) · WorldCat Identities (ENn78-067976