Settimio Piacentini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Settimio Piacentini
Settimio Piacentini.gif
Settimio Piacentini

Senatore del Regno d'Italia
Legislature XXVI legislatura del Regno d'Italia

Dati generali
Professione militare
Settimio Piacentini
6 gennaio 1859 – 2 novembre 1921
Nato aTarano
Morto aSan Polo Sabino
Dati militari
Paese servitoItalia Italia
Forza armataFlag of Italy (1860).svg Regio esercito
Anni di servizio1879-1920
GradoGenerale di corpo d'armata
GuerrePrima guerra mondiale
BattaglieSettima battaglia dell'Isonzo
Ottava battaglia dell'Isonzo
Nona battaglia dell'Isonzo
Decorazionivedi qui
voci di militari presenti su Wikipedia

Settimio Piacentini (Tarano, 6 gennaio 1859San Polo Sabino, 2 novembre 1921) è stato un generale italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque nel 1859 a Tarano nella Legazione dell'Umbria, allora nello Stato pontificio. Compì i suoi studi presso l'Accademia militare di Torino e nel 1878 entrò nel corpo del Genio. Il 23 dicembre 1909 fu promosso maggior generale e messo a capo della Brigata Calabria. Fu successivamente Aiutante di campo generale di SM il Re Vittorio Emanuele dal maggio 1911 al 6 settembre 1913. Con il Regio Decreto del 28 febbraio 1916 venne posto a capo del corpo di spedizione italiano in Albania, rilevando il generale Emilio Bertotti[1]. Nonostante la nuova nomina venne presto richiamato in Patria e nominato generale del V Corpo d'Armata e successivamente del II Corpo d'Armata che guidò contro gli Austroungarici durante la settima, ottava e nona battaglia dell'Isonzo. In occasione del respingimento di un'offensiva austriaca sul Monte Grappa si guadagnò la Medaglia d'argento al Valor Militare. Dopo la fine della grande guerra guidò le truppe italiane stanziate in Albania. Per la sua condotta tenuta durante la guerra di Valona venne decorato con l'onorificenza di Cavaliere di gran croce dell'Ordine militare di Savoia. Venne nominato senatore del Regno l'8 giugno 1921. Morì a causa di un malore accusato nel corso di una manifestazione da lui stesso organizzata nel suo villaggio natale in occasione del passaggio della salma del Milite Ignoto[2].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze italiane[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine dei santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine dei santi Maurizio e Lazzaro
Grande ufficiale dell'Ordine dei santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Grande ufficiale dell'Ordine dei santi Maurizio e Lazzaro
— 1º giugno 1918
Commendatore dell'Ordine dei santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine dei santi Maurizio e Lazzaro
— 9 giugno 1912
Ufficiale dell'Ordine dei santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine dei santi Maurizio e Lazzaro
— 13 gennaio 1910
Cavaliere dell'Ordine dei santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dei santi Maurizio e Lazzaro
— 24 gennaio 1901
Cavaliere di gran croce dell'Ordine militare di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine militare di Savoia
— 24 luglio 1920[3]
Grande ufficiale dell'Ordine militare di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria Grande ufficiale dell'Ordine militare di Savoia
— 28 dicembre 1916[3]
Cavaliere di gran croce dell'Ordine della corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine della corona d'Italia
— 26 ottobre 1920
Grande ufficiale dell'Ordine della corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Grande ufficiale dell'Ordine della corona d'Italia
— 19 giugno 1913
Commendatore dell'Ordine della corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine della corona d'Italia
— 3 giugno 1909
Ufficiale dell'Ordine della corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine della corona d'Italia
— 27 dicembre 1906
Cavaliere dell'Ordine della corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della corona d'Italia
— 31 maggio 1894
Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor militare

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore dell'Ordine imperiale di Francesco Giuseppe (Austria) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine imperiale di Francesco Giuseppe (Austria)
Grande ufficiale dell'Ordine di Leopoldo (Belgio) - nastrino per uniforme ordinaria Grande ufficiale dell'Ordine di Leopoldo (Belgio)
Cavaliere dell'Ordine della legion d'onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della legion d'onore (Francia)
Decorato dell'Ordine dell'aquila rossa (Germania) - nastrino per uniforme ordinaria Decorato dell'Ordine dell'aquila rossa (Germania)
Cavaliere di gran croce dell'Ordine di san Michele e san Giorgio (Inghilterra) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine di san Michele e san Giorgio (Inghilterra)
Cavaliere di gran croce dell'Ordine di san Stanislao (Russia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine di san Stanislao (Russia)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Senato italiano: scheda senatore.