Serious Moonlight

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Serious Moonlight
Serious moonlight.jpg
Timothy Hutton e Meg Ryan in una scena del film
Titolo originaleSerious Moonlight
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2009
Durata84 min.
Generecommedia, sentimentale
RegiaCheryl Hines
SceneggiaturaAdrienne Shelly
Distribuzione in italianoBIM Distribuzione
FotografiaNancy Schreiber
MontaggioSteven Rasch
MusicheAndrew Hollander
CostumiAriyela Wald-Cohain
TruccoMichelle DeMilt, Paula Jane Hamilton, Lesley Poling, Vicki Vacca
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Serious Moonlight è un film del 2009 diretto da Cheryl Hines con Meg Ryan e Timothy Hutton.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Quando la brillante avvocatessa Louise arriva nella sua casa di campagna e trova petali di rosa sparsi sul pavimento, immagina che il marito Ian le stia serbando una sorpresa amorosa: tale accoglienza è in realtà riservata a Sara, l'amante di Ian, con la quale l'uomo intende trasferirsi a Parigi. Louise trova Ian in camera che le sta scrivendo una lettera di addio e non accetta di essere scaricata e trovarsi sola alla sua età, così sequestra il marito e lo lega ad una sedia .

Louise si sbarazza di Sara, venuta a prendere Ian per portarlo dai suoi genitori prima della partenza, e le fa credere che lei abbia accettato il tradimento che scopre essere in atto da molto tempo. Dopodiché Louise cerca in tutti i modi di far innamorare nuovamente Ian di lei, ma il marito continua a ripeterle ostinatamente che il loro matrimonio è ormai privo di entusiasmo e la accusa di essere la responsabile di quella situazione.

Mentre Louise è uscita per andare al supermercato, Ian riesce a chiamare un ragazzo, Todd, per farsi liberare: il tizio però si rifiuta di aiutarlo e immobilizza anche Louise una volta rientrata. Todd approfitta della situazione per svaligiare la casa e invitare i suoi amici, organizzando un party selvaggio mentre Ian e Louise si sostengono a vicenda e si scambiano affettuose moine.

La mattina successiva si presenta in casa Sara, infuriata con Ian perché non si è presentato in aeroporto, e trova Todd e la sua banda che sequestrano anche lei. In bagno si scatena una discussione violenta tra Louise e Sara per il cuore di Ian: i tre riescono comunque a liberarsi e chiamano la polizia, ma Todd se ne è andato e la vicenda si risolve con un nulla di fatto. A questo punto Ian comunica a Sara di aver scoperto che non può fare a meno di Louise e che vuole stare con lei.

Dopo un anno, Ian e Louise sembrano aver finalmente trovato la felicità con la nascita di una bambina. Un pomeriggio, mentre sono fuori per il pranzo, Louise saluta senza accorgersene Todd e a Ian viene l'atroce sospetto che la moglie abbia architettato tutto come mossa disperata per farlo innamorare ancora di lei.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato girato a Los Angeles e si basa su uno script della defunta sceneggiatrice Adrienne Shelly[1].

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Carrie Rickey del Philadelphia Inquirer scrive che il film appare come una pièce teatrale per via dello spazio confinato, dei pochi personaggi e dei monologhi presenti, risultando più stridente che divertente[2].

Joe Neumaier del New York Daily News, valutandolo 1 stella, ha stroncato la performance di Meg Ryan, risultata ancora più antipatica rispetto al suo film precedente The Women, e salvato quella di Timothy Hutton, riuscito a mantenere la propria dignità nelle stravaganti situazioni in cui si è ritrovato[3].

La valutazione media degli utenti del sito Internet IMDb è 5.3, mentre su Rotten Tomatoes è 4.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema