Sergio Ermotti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Sergio P. Ermotti (2012).

Sergio Pietro Ermotti (Lugano, 11 maggio 1960) è un banchiere e manager svizzero, dall'aprile 2023 Chief Executive Officer del gruppo UBS.

In precedenza, ha lavorato per UniCredit Group, ricoprendo il ruolo di responsabile della divisione Markets & Investment Banking dal dicembre 2005 e, dal 2007 al 2010, di Group Deputy Chief Executive Officer (CEO) responsabile del Corporate & Investment Banking e del private banking. Dal 1987 al 2003, ha lavorato presso Merrill Lynch & Co. ricoprendo diversi ruoli, tra cui quello, come membro dell'Executive Management Committee per il Global Markets & Investment Banking dal 2001, di co-responsabile del settore mercati azionari globali.

Ermotti ha assunto la carica di Group CEO di UBS dopo il "trader scandal" del 2011, implementando rigorose politiche aziendali in materia di standard nella gestione dei rischi. Al contempo, ha avviato un'importante ristrutturazione della banca, ridefinendo la strategia e ponendo al centro la gestione patrimoniale e il business svizzero, accanto all'asset management e ad un'attività di investment banking più mirata e leggera dal punto di vista del capitale. Guidando l'azienda per quasi un decennio, Ermotti è stato il più longevo CEO di UBS. Nel febbraio 2020, UBS ha annunciato che Ralph Hamers, allora CEO di ING Groep, sarebbe succeduto a Sergio Ermotti come CEO del Gruppo a partire dal 1º novembre 2020.

È stato ipotizzato un suo passaggio alla politica svizzera dopo la carriera bancaria. Ermotti ha smentito le voci in merito a una sua partecipazione alle competizioni politiche per il Consiglio federale dichiarando di "non essere un politico". Oltre all'inglese, Ermotti parla correntemente l'italiano, il tedesco e il francese.

Dal 5 aprile 2023 è di nuovo amministratore delegato di UBS[1][2].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato l'11 maggio 1960 a Lugano, Svizzera, Sergio Pietro Ermotti all'età di 15 anni lascia la scuola per perseguire la sua aspirazione a lavorare nel mondo del calcio.[2] Più tardi deciderà di svolgere un apprendistato presso la Cornèr Banca di Lugano. Affascinato dal settore dalla negoziazione titoli e valute estere ha poi iniziato un programma di formazione nel dipartimento titoli della stessa banca. Ha conseguito l'attestato federale di esperto bancario e, più tardi nella sua carriera bancaria, ha conseguito l'Advanced Management Program dell'Università di Oxford.[3][4][5]

Carriera professionale[modifica | modifica wikitesto]

Citigroup[modifica | modifica wikitesto]

Terminato l'apprendistato alla Cornèr Banca, nel 1986, Ermotti inizia la sua carriera nel trading presso la Citibank di Zurigo, dove ricoprirà in seguito il ruolo di Resident Vice President.[6]

Merrill Lynch[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1987, Ermotti passa a Merrill Lynch dove ricoprirà diverse posizioni, inizialmente nei derivati azionari e nei mercati dei capitali, contribuendo all'espansione dell'attività di mercato dei capitali della banca in Svizzera. Nel 1993, viene promosso alla posizione di Managing Director e si trasferisce presso la sede di Londra come responsabile dell'unità dei derivati azionari per la regione Europa, Medio Oriente e Africa (EMEA). Tre anni dopo, nel 1996, Ermotti si trasferisce a New York, inizialmente come dirigente del trading dei derivati globali e poi come co-responsabile del settore mercati azionari globali e membro dell'Executive Management Committee for Global Markets & Investment.[7][8]

Unicredit[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005, Ermotti lascia Merrill Lynch per unirsi a UniCredit, presso la sede di Milano, ricoprendo la carica di responsabile della divisione Markets & Investment Banking.[8] Due anni dopo viene nominato Deputy CEO del Gruppo e responsabile de settori corporate investment bank e private banking, carica che ricoprirà fino al 2010.[9]

UBS[modifica | modifica wikitesto]

Nell'aprile del 2011 Ermotti è nominato Presidente del Consiglio d'Amministrazione di UBS e CEO della divisione EMEA ed entra a far parte del Group Executive Board nell'aprile 2011.[10][11] È stato nominato CEO del Gruppo ad interim nel settembre 2011 e in via definitiva nel novembre 2011. In risposta al "trader scandal" di UBS del 2011, Ermotti ha inviato una nota interna in cui affermava: "Voglio chiarire che l'interesse personale di nessuno, né l'ammontare dei ricavi, valgono più della reputazione della banca".[12]

Ermotti è stato membro del Consiglio di Amministrazione della Borsa di Londra tra il settembre 2008 e il luglio 2013. Nel 2012 ha affidato a un collega di Merrill Lynch, Andrea Orcel, la guida del ramo investment banking di UBS, assistendolo infine nella gestione dello scandalo Libor del 2013, in un'importante ristrutturazione aziendale e in una forte espansione delle attività di fusione e acquisizione (M&A). Quando UBS AG è stata trasformata in una holding nel 2014, Ermotti è stato eletto Group CEO di UBS Group AG.[6][13]

Nel 2015, il quotidiano svizzero Schweiz am Sonntag lo ha nominato come il manager di maggior successo di una società quotata nello Swiss Market Index.[14] Il suo stipendio nell'anno fiscale 2017 è stato stimato in 14,9 milioni di dollari.[15][16]

Swiss Re[modifica | modifica wikitesto]

Nel marzo 2020 Swiss Re, una delle maggiori compagnie di riassicurazione al mondo, ha candidato Ermotti per l'elezione al Consiglio di Amministrazione di Swiss Re, annunciando nel 2021 la sua nomina come prossimo Presidente, succedendo a Walter Kielholz.[17]

Ermotti è anche un membro del Consiglio di Amministrazione di Ermenegildo Zegna N.V.

Altre attività[modifica | modifica wikitesto]

Mandati precedenti[modifica | modifica wikitesto]

Sergio Ermotti era direttore non esecutivo della London Stock Exchange Group dal 1 ottobre 2007 al 18 luglio 2013. Ha lavorato come direttore di Virt-X Limited e Virt-X Exchange Limited dal luglio 2002 ad aprile 2003. È stato anche membro del Consiglio di sorveglianza della Banca Pekao S.A. (precedentemente Banca Polska Kasa Opieki Spólka Akcyjna) dal 26 aprile 2010 al 23 febbraio 2011.[18]

Mandati attuali[modifica | modifica wikitesto]

Ermotti è presidente della Fondazione Ermotti, con sede a Lugano, dal 2011, anno di fondazione dell'omonima Fondazione,[19] del Consiglio di amministrazione di UBS Business Solutions AG, di UBS Optimus Foundation Board e della Camera di commercio svizzero - americana.[6]

Dal 2011, Ermotti è inoltre membro del consiglio della Fondazione Lugano per il Polo Culturale,[20] con sede a Lugano, della Global Apprenticeship Network, dell'Institut International d'Etudes Bancaires, del Consiglio della Saïd Business School Global Leadership dell'Università di Oxford,[6][21] del Financial Services Forum, del Consiglio di sorveglianza della Bayerische Hypo- und Vereinsbank AG dal 22 agosto 2006 e della Banca Austria Wohnbau Gewinnscheine.[6]

Retribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2014 gli sono stati riconosciuti compensi complessivi per 11,1 milioni di franchi svizzeri (circa 10 milioni di euro), e 10,7 milioni nel 2013.[22] Tuttavia, nel 2016 il suo stipendio è diminuito rispetto all'anno precedente: da 14,3 a 13,7 milioni di franchi.[23]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Ermotti è sposato e ha due figli. Tifa la squadra di calcio svizzera FC Lugano e la squadra di calcio italiana A.C. Milan.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 30 marzo 2023, https://www.laregione.ch/economia/economia/1656108/ubs-sergio-ermotti-torna-hammers. URL consultato il 30 marzo 2023.
  2. ^ a b (EN) Elisa Martinuzzi, How UBS Became Home to Half the World's Billionaires, su Bloomberg.com, 3 ottobre 2017. URL consultato il 6 aprile 2018.
  3. ^ Antonia Bordignon, Sergio Ermotti, Ceo di Ubs, un ticinese che ha fatto carriera nelle banche d'affari americane, su ilsole24ore.com, 15 novembre 2011. URL consultato il 24 novembre 2014.
  4. ^ (EN) Said Business School, su sbs.ox.ac.uk (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2009).
  5. ^ Sergio Ermotti confermato a capo di UBS, su ticinonews.ch. URL consultato il 18 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2016).
  6. ^ a b c d e CV Sergio P. Ermotti, su ubs.com, UBS AG. URL consultato il 27 luglio 2016.
  7. ^ "La grande sfida di Sergio Ermotti, da capro espiatorio di Unicredit a guida di Ubs", su repubblica.it, 26 settembre 2011. URL consultato l'8 settembre 2016.
  8. ^ a b "Sergio Ermotti (1960)", su www4.ti.ch, ti.ch. URL consultato il 18 gennaio 2016.
  9. ^ "Sergio Ermotti lascerà Unicredit", su ticinonews.ch, 27 ottobre 2010. URL consultato l'8 settembre 2016 (archiviato dall'url originale il 1º ottobre 2016).
  10. ^ Cambio al vertice di UBS - Da UniCredit arriva il luganese Sergio Ermotti, in CdT.ch, 27 febbraio 2012. URL consultato il 24 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 25 settembre 2015).
  11. ^ Martinenghi presidente di Darwin - Alla testa della compagnia di volo sostituisce il dimissionario Sergio Ermotti, in CdT.ch, 3 dicembre 2010. URL consultato il 24 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 25 settembre 2015).
  12. ^ Oswald Gruebel si dimette da Ceo di Ubs dopo la frode del trader da 2,3 mld $. Al suo posto Sergio Ermotti, in Il Sole-24 Ore, 24 settembre 2011. URL consultato il 24 novembre 2014.
  13. ^ Ubs cambia cavallo: Sergio Ermotti è il nuovo Ceo, rimpiazza Gruebel, in Il Sole-24 Ore, 15 novembre 2011. URL consultato il 24 novembre 2014.
  14. ^ Sergio Ermotti è il manager dell'anno, in ticinonews.ch, 27 dicembre 2015. URL consultato il 20 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 30 marzo 2016).
  15. ^ UBS: Ermotti ha guadagnato più di 14 milioni, in bluewin.ch, 18 marzo 2016. URL consultato il 30 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 2 giugno 2016).
  16. ^ Quanti anni servono per guadagnare come Ermotti?, in cdt.ch, 18 marzo 2016. URL consultato il 27 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 28 agosto 2016).
  17. ^ Sergio Ermotti nuovo presidente di Swiss Re, in Corriere del Ticino, 14 aprile 2021. URL consultato il 17 aprile 2021 (archiviato dall'url originale il 17 aprile 2021).
  18. ^ CV Sergio P. Ermotti. URL consultato il 6 giugno 2017.
  19. ^ Fondazione Ermotti Lugano, in moneyhouse.ch. URL consultato l'8 settembre 2016.
  20. ^ Fondazione Lugano per il Polo Culturale, in LAC Lugano Arte e Cultura. URL consultato il 6 giugno 2017.
  21. ^ Global Leadership Council, su sbs.ox.ac.uk, Saïd Business School. URL consultato il 21 agosto 2017 (archiviato dall'url originale il 26 febbraio 2018).
  22. ^ UBS, al ceo Sergio Ermotti compensi per 11 milioni di franchi, 13 marzo 2015. URL consultato il 24 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 25 settembre 2015).
  23. ^ Diminuisce lo stipendio di Sergio Ermotti, in ticinonews.ch, 10 marzo 2017. URL consultato il 21 agosto 2017 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN1617159234267203371151 · GND (DE1264809271 · WorldCat Identities (ENviaf-344155284802587060011