Sergente maggiore Hartman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sergente maggiore Hartman
Full Metal Jacket.jpg
Hartman durante il suo discorso iniziale
Nome orig.Gunnery Sergeant Hartman
Lingua orig.Inglese
Autori
1ª app.17 giugno 1987
1ª app. inFull Metal Jacket
Interpretato daR. Lee Ermey
Voce italianaEros Pagni
SpecieUmano
SessoMaschio
EtniaCaucasica
ProfessioneMilitare
AffiliazioneUnited States Marine Corps

Il sergente maggiore Hartman (Gunnery Sergeant Hartman) è un personaggio del film Full Metal Jacket, ispirato al personaggio del sergente maggiore Gerheim che compare nel romanzo Nato per uccidere, su cui il film è basato. È interpretato da R. Lee Ermey.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Romanzo[modifica | modifica wikitesto]

Il personaggio compare nella prima parte del romanzo Nato per uccidere, ovvero Lo spirito della baionetta, in cui il suo nome è Gerheim. Nel libro vi è la cronaca del periodo di addestramento di un reparto di formazione dei marines, dove il sergente istruttore "spezza" il carattere dei suoi uomini, al dichiarato intento di farne dei "brutali killer". Alla fine il soldato Pyle arriva al collasso nervoso, e con un fucile prima uccide il sergente e successivamente sé stesso.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Nella trasposizione cinematografica, il personaggio viene chiamato Hartman, ed è il severissimo sergente istruttore del Corpo dei marines: il suo compito è quello di addestrare i nuovi soldati appena giunti in caserma. Con i suoi allievi mostra un'estrema durezza, nel tentativo di inculcar loro la ferrea rigidità dei corpi militari, apostrofandoli con minacce e insulti umilianti, affibbiando soprannomi degradanti (come "Biancaneve" ad un soldato afroamericano, "Cowboy" ad un soldato texano o "Palla di Lardo" ad un soldato in sovrappeso) e pretendendo un maniacale rispetto della disciplina. Si esprime in modo intimidatorio urlando contro le reclute perfino in circostanze banali e le sottopone ad estenuanti sessioni di allenamento, durante le quali pungola gli uomini più affaticati (tra questi vi è sempre Palla di Lardo) con epiteti spregevoli.

Il suo allievo preferito pare essere Joker, che riceve appunto minori manifestazioni di disprezzo. Questi aveva infatti messo in discussione le posizioni religiose del sergente mostrando un inaspettato coraggio, del quale l'istruttore era rimasto colpito, definendo il soldato "ignorante e senza Dio, ma con fegato". Muore alla fine della prima parte del film ucciso da Palla di Lardo, colpito al cuore da una pallottola blindata (in inglese full metal jacket).

Caratterizzazione[modifica | modifica wikitesto]

R. Lee Ermey inizialmente fu chiamato solo in veste di consulente tecnico per il film Full Metal Jacket visto il suo passato militare,[1] ma successivamente cercò di convincere il regista ad assegnargli il ruolo di Hartman inviandogli un video in cui improvvisava degli insulti verso un gruppo di marines, per dimostrare la sua abilità nell'interpretare il personaggio.[2] Kubrick gli diede quindi la parte, affermando che «era un genio per quella parte».[3] Il regista acconsentì che Ermey si scrivesse i propri dialoghi da solo, e successivamente lo definì «un eccellente interprete», che necessitava solo di due o tre indicazioni per girare una scena.[4] Nel copione vennero inserite anche 250 pagine di invettive di Ermey,[5] e si stima che si scrisse da solo il 50% dei suoi dialoghi, in particolare gli insulti.[6] Per assicurarsi che le reazioni dei soldati alle sue sfuriate fossero il più autentiche possibile, Ermey e gli altri attori non provavano insieme.[7]

Accoglienza ed eredità[modifica | modifica wikitesto]

Il personaggio è stato accolto positivamente dalla critica cinematografica, che ne ha lodato l'interpretazione di Ermey.[8][9] Tra questi, Vincent Canby del New York Times lo ha definito «la sorpresa più sbalorditiva del film», mentre il critico del Chicago Sun-Times Roger Ebert l'ha giudicata come la performance migliore del film insieme a quella di Palla di lardo, affermando che il film stesso «non si riprende più dopo che hanno abbandonato la scena».[10] Jim Hall nel 2010 ha scritto che «è difficile immaginare che il film funzioni in maniera efficace senza di lui».[11]

Per la sua interpretazione del personaggio Ermey ricevette il Boston Society of Film Critics Award per il miglior attore non protagonista e venne candidato al Golden Globe come Miglior attore non protagonista. Il ruolo gli ha creato tanto successo che in seguito lo ha parodiato in altre occasioni, come nell'episodio pilota di Space: Above And Beyond o nel film Sospesi nel tempo.[12][13]

Il personaggio è diventato un archetipo del sergente istruttore in diverse commedie[13] ed è stato inserito da Filmsite della AMC nella lista dei migliori personaggi cinematografici di tutti i tempi.[14]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Archivio Kubrick
  2. ^ Vincent Lobrutto, op. cit., p. 462
  3. ^ Lloyd Rose, Stanley Kubrick, At a Distance, in The Washington Post, 28 giugno 1987. URL consultato l'11 ottobre 2007.
  4. ^ Archivio Kubrick: Parole - Interviste - Stanley Kubrick, da lontano
  5. ^ Vincent Lobrutto, op. cit., pp. 462-463
  6. ^ Tim Cahill, The Rolling Stone Interview, in Rolling Stone, 1987. URL consultato l'11 ottobre 2007.
  7. ^ Vincent Lobrutto, op. cit., p. 468
  8. ^ Richard Corliss, Cinema: Welcome To Viet Nam, the Movie: II Full Metal Jacket, in Time, 29 giugno 1987. URL consultato il 20 ottobre 2011.
  9. ^ Full Metal Jacket, in Variety, 31 dicembre 1986. URL consultato il 7 luglio 2011 (archiviato dall'url originale il 9 luglio 2011).
  10. ^ Roger Ebert, Full Metal Jacket, in rogerebert.com, rogerebert.com, 26 giugno 1987. URL consultato il 19 ottobre 2017.
  11. ^ Jim Hall, Fast & Furious 5, in Film4. URL consultato il 20 ottobre 2011.
  12. ^ Dennis Fischer, Science Fiction Film Directors, 1895–1998, McFarland, 2011, p. 365. ISBN 9780786485055
  13. ^ a b (EN) Evan Valletta , The legend of R Lee Ermey, 'Full Metal Jacket' drill sergeant, SBS, 15 dicembre 2017
  14. ^ (EN) Greatest Movie Characters - H, in Filmsite

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Vincent LoBrutto, Stanley Kubrick, Donald I. Fine Books, 1997.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]