Sergej Petrovič Trubeckoj

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sergej Petrovič Trubeckoj

Sergej Petrovič Trubeckoj (in russo: Сергей Петрович Трубецкой?; Nižnij Novgorod, 1790Mosca, 25 giugno 1860) è stato un militare russo, eroe della Campagna di Russia e decabrista.

Complotto decabrista[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la guerra, Troubetzkoï diventa massone. Nel 1816 e nel 1819 fonda due gruppi precursori del complotto decabrista. La finalità di questi due gruppi, composti in gran parte da massoni, era il miglioramento progressivo dell'Impero russo. Ma le rivendicazioni dei decabristi (abolizione della servitù, costituzione, ecc.) non figurano ancora tra i suoi progetti . Nel 1819 va all'estero per delle cure mediche e al suo ritorno nel 1821 scopre che il suo gruppo si è dissolto.

Contrariamente ad altri decabristi, come Kondrati Ryleïev e Pavel Ivanovitch Pestel, che volevano una rivoluzione, l'esecuzione dell'imperatore e la creazione di una repubblica, Troubetzkoï preferiva una monarchia costituzionale. E' presentato come uno dei capi dell'insurrezione decabrista, ma finalmente rifiuta di recarsi sulla piazza del senato di San Pietroburgo, subodorando il fallimento della rivolta. E' arrestato in casa dell'ambasciatore d'Austria, Lebzeltern.


Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]