Secondo natura. La bisessualità nel mondo antico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Secondo natura. La bisessualità nel mondo antico
AutoreEva Cantarella
1ª ed. originale1988
Generesaggio
Sottogeneresociologia, sessuologia
Lingua originale italiano

Secondo natura. La bisessualità nel mondo antico è un saggio di sessuologia e sociologia della studiosa Eva Cantarella, pubblicato da Editori Riuniti nel 1988.

In questo volume la giurista Eva Cantarella affronta il tema dell'omosessualità o, più correttamente, della bisessualità nel mondo greco e in quello romano chiedendosi se tali comportamenti fossero allora ritenuti "secondo natura" o "contro natura". Alla risposta, già espressa nel titolo, l'autrice giunge dopo aver analizzato i testi giuridici relativi, le testimonianze poetiche, gli atteggiamenti tradizionali, i documenti storici, le riflessioni filosofiche e le attestazioni mediche. Tuttavia, anche se la cultura "bisessuale" appare evidente sia fra i greci come tra i romani, al di là delle sostanziali differenze tra le due società, essa va comunque riferita quasi esclusivamente alla sfera maschile; l'omosessualità femminile infatti, salvo casi eccezionali, era vista in termini negativi e spregiativi.

Indice[modifica | modifica wikitesto]

Premessa
Parte prima
La Grecia
Le origini, il medioevo ellenico e l'età arcaica
Il problema delle origini e l'omosessualità iniziatica; I poemi omerici; L'età della lirica: Solone, Alceo, Anacreonte, Teognide, Ibico e Pindaro
L'età classica
Il galateo dell'amore. Come conquistare un ragazzo: le regole sociali del corteggiamento; Come amare un ragazzo: le manifestazioni erotiche nel rapporto pederastico; Le leggi sulla pederastia. Due momenti, due città: Atene e Berea; L'età per amare e quella per essere amati; L'infrazione delle regole sull'età: il costume e la legge; La prostituzione maschile: l'orazione di Eschine Contro Timarco
Omosessualità ed eterosessualità a confronto nella filosofia e nella letteratura
Socrate; Platone; Senofonte; Aristotele; Plutarco; L'Antologia Palatina, Achille e lo pseudo Luciano
Le donne e l'omosessualità
L'amore fra donne; Le donne di fronte all'omosessualità maschile; L'omosessualità femminile vista dagli uomini
Parte seconda
Roma
L'età arcaica e la repubblica
Le caratteristiche indigene dell'omosessualità romana; Gli amori leciti: sottomettere il proprio schiavo, pagare un prostituto; Gli amori proibiti: sottomettere un romano; La lex Scatinia; L'editto de adtemptata pudicitia
La tarda repubblica e il principato
I poeti: Catullo, Ovidio, Properzio, Lucrezio, Virgilio, Orazio, Ovidio; La lex Iulia de adulteriis coercendis; Tradizione e novità: i Carmina Priapea, i graffiti, la satira
L'impero
Il costume; Le donne e l'omosessualità; Il diritto: Costanzo e Costante, Valentiniano, Arcadio e Teodosio il Grande, il Codex Theodosianus e il Corpus Iuris Civilis di Giustiniano
Le metamorfosi dell'etica sessuale antica
Le metamorfosi interne al paganesimo; La tradizione giudaico-cristiana
Conclusioni

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • (ES) Según natura. La bisexualidad en el mundo antiguo, traduzione spagnola di María del Mar Llinares García, Madrid, Akal Ediciones, 1991, ISBN 978-84-7600-994-9.
  • (FR) Selon la nature, l'usage et la loi. La bisexualité dans le monde antique, traduzione francese di Marie-Domitille Porcheron, Parigi, Editions la découverte, 1991, ISBN 978-2-7071-2001-4.
  • Secondo natura. La bisessualità nel mondo antico, 3ª ed., Milano, Rizzoli, 1995, ISBN 978-88-17-11654-1, 4ª ed. 2001, 5ª ed. e successive 2006, 2007, 2008.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]