Scottish National Liberation Army

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Scottish National Liberation Army
Esercito di Liberazione Nazionale Scozzese
Attivacirca 1970
NazioneScozia Scozia
Contestoindipendenza della Scozia
Ideologianazionalismo
Componenti
FondatoriAdam Busby
Attività

Lo Scottish National Liberation Army (Esercito di Liberazione Nazionale scozzese in inglese) o SNLA è (o era) un piccolo gruppo militante che si propone l'indipendenza della Scozia e dichiarato illegale dal governo del Regno Unito[1].

Si crede che sia stato fondato da Adam Busby, un soldato nativo di Paisley, all'indomani del referendum di devoluzione del 1979 che, a detta dell'organizzazione, era stato manipolato[2]. Alcuni credono che in realtà l'SNLA fosse una organizzazione creata per screditare il movimento indipendentista scozzese[3][4].

Organizzazioni associate[modifica | modifica wikitesto]

Lo Scottish Separatist Group (SSG), fondato nel 1995 da ex militanti dell'SNLA, è ritenuto l'ala politica dell'SNLA. Entrambi mirano a invertire il flusso migratorio di inglesi in Scozia e a ristabilire il gaelico quale lingua nazionale del paese[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b SNLA minaccia di avvelenare le forniture d'acqua di Mark Macaskill e Jason Allardyce, The Sunday Times Scotland, 10 settembre 2006
  2. ^ 'The 1979 Referendums' BBC News Website
  3. ^ 'Sad individuals' behind toxic mail BBC News Website, 2 March 2002
  4. ^ Government SNP files sealed for 50 years, in Sunday Herald, 21 August, 2005.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]