Scipione Agnelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Scipione Agnelli
vescovo della Chiesa cattolica
BishopCoA PioM.svg
 
Incarichi ricopertiVescovo di Casale Monferrato[1]
 
Nato1586 a Mantova
Consacrato vescovo18 febbraio 1624 dal cardinale Giulio Roma
Deceduto1º ottobre 1653 a Casale Monferrato
 

Scipione Agnelli (Mantova, 1586Casale Monferrato, 1º ottobre 1653) è stato un vescovo cattolico, letterato e giurista italiano.

Stemma degli Agnelli di Mantova

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlio del conte Lepido Agnelli, al servizio dei Gonzaga, e di Girolama Pavese.

Fu educato alla corte gonzaghesca di Mantova e di Casale e si laureò in teologia e in diritto canonico. Nel 1611 pronunciò l'orazione funebre per Eleonora de' Medici, consorte del duca Vincenzo I Gonzaga.

Il duca di Mantova e del Monferrato Ferdinando Gonzaga lo propose per ricoprire la carica di vescovo di Casale Monferrato; fu ordinato il 18 febbraio 1624.[2]

A causa della guerra di successione di Mantova e del Monferrato per lunghi anni gli fu impedito di svolgere a Casale la sua attività pastorale.[3]

Morì a Casale nel 1653.[4]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Vita della Beata Osanna [Andreasi], 1597 e 1607.
  • De ideis libri tres disceptationum, 1611.
  • Il Mariale, 1634.
  • Il Bonifacio, tragedia sacra, 1629.
  • Annali di Mantova fino al 1637, opera postuma pubblicata nel 1675[5] compiuta e curata dal nipote L. M. Agnelli e dedicata al duca Ferdinando Carlo di Gonzaga-Nevers.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN88965576 · ISNI (EN0000 0000 6299 7548 · SBN IT\ICCU\CFIV\098493 · LCCN (ENnr91023590 · BNF (FRcb10657970k (data) · BAV ADV10222096