Schiaccianoci e il re dei topi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Schiaccianoci e il re dei topi
Titolo originale Nußknacker und Mausekönig
Autore Ernst Theodor Amadeus Hoffmann
1ª ed. originale 1816
Genere racconto
Sottogenere fiabesco
Lingua originale tedesco
Protagonisti Schiaccianoci, Maria, il dottor Drosselmeier.
Coprotagonisti Fritz, papà e mamma Stahlbaum, Luise.
Antagonisti Il re dei topi

Schiaccianoci e il re dei topi (Nußknacker und Mausekönig) è un racconto di Ernst Theodor Amadeus Hoffmann pubblicato nel 1816. Successivamente entrò a far parte della raccolta I Confratelli di Serapione (4 volumi usciti tra il 1819 e il 1821).

Alexandre Dumas padre realizzò una sua versione del racconto e da questa il coreografo Marius Petipa trasse ispirazione per il balletto Lo Schiaccianoci, musicato da Pëtr Il'ič Čajkovskij[1].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il racconto è suddiviso in quattordici brevi capitoli.

La vigilia di Natale. La sera del 24 di dicembre i due figli piccoli del dottor Stahlbaum, Fritz e Maria, sono in attesa dei regali di Natale. Nel frattempo chiacchierano del loro padrino, il dottor Drosselmeier, e cercano di indovinare cosa porterà in dono questa volta.

I regali. I bambini ricevono da mamma e papà molti doni: bambole, soldatini, dolci, libri e un cavallino di legno. Il padrino ha regalato loro un castello meccanico, con figure che si muovono al suo interno come fossero vive.

Il piccolo protetto. Tra i doni c'è anche Schiaccianoci, un pupazzo di legno raffigurante un soldato che rompe le noci tra le mascelle quando si fa leva sul suo mantello. Il padrino lo affida a Maria perché ne abbia cura.

Miracoli. Durante la notte, in camera di Maria, appare il re dei topi, che ha sette teste e sette corone. Egli guida un esercito di roditori ma Schiaccianoci, divenuto generale dei soldatini, lo affronta in battaglia.

La battaglia. Ai soldatini si aggiungono altri pupazzi, ma l'esercito dei topi è troppo forte; Schiaccianoci ordina perciò la ritirata. Maria si toglie la scarpa sinistra e la lancia contro il re dei topi, poi cade a terra svenuta.

La malattia. Il giorno dopo Maria si risveglia nel suo letto con una ferita al gomito, che si è procurata urtando il vetro dello scaffale dei giocattoli. Il padrino, intanto, ha riparato Schiaccianoci, che Fritz aveva rotto la sera prima.

La fiaba della noce dura. Il padrino inizia a raccontare la fiaba della principessa Pirlipat e di Frau Mauserinks.

Continua la fiaba della noce dura. Frau Mauserinks, volendosi vendicare del re e della regina, trasforma Pirlipat in uno schiaccianoci. L'orologiaio Drosselmeier (antenato del padrino) e il suo amico astronomo si mettono alla ricerca della noce Cratatuc e del giovane che riuscirà a romperla disfacendo così il maleficio di Frau Mauserinks.

Conclusione della fiaba della noce dura. Il nipote dell'orologiaio Drosselmeier rompe la noce Cratatuc ponendo così fine all'incantesimo; ma involontariamente calpesta e uccide Frau Mauserinks, che prima di morire trasforma il nipote in Schiaccianoci. Suo figlio, il topo dalle sette teste, compirà poi la sua vendetta.

Zio e nipote. Dopo aver ascoltato la fiaba, Maria capisce che il padrino è l'orologiaio Drosselmeier e Schiaccianoci il nipote trasformato.

La vittoria. Una notte il re dei topi ritorna nella camera di Maria e la costringe a consegnargli i suoi dolci e i suoi giocattoli. Fritz intanto si procura una nuova spada da un colonnello dei soldatini in pensione e con quella Schiaccianoci uccide il re dei topi. Maria riceve in dono le sette corone.

Il regno delle bambole. Maria segue Schiaccianoci nel regno delle bambole, un paese fatto di dolci e giocattoli.

La capitale. Maria visita Castel Confetto e Castel Marzapane, dove conosce le sorelle di Schiaccianoci. Scopre quindi di assomigliare moltissimo alla principessa Pirlipat.

Conclusione. Maria racconta del suo viaggio ai famigliari, ma questi non le credono. Un giorno il dottor Drosselmeier presenta agli Stahlbaum suo nipote, un giovanotto abilissimo nel rompere le noci coi denti. Quando il nipote e Maria restano soli, lui le rivela di esser stato un tempo lo Schiaccianoci e chiede a Maria di sposarlo. Maria accetta e diventa la regina del regno delle bambole.

Edizioni italiane[modifica | modifica wikitesto]

  • E.T.A. Hoffmann, Schiaccianoci e il re dei topi, illustrazioni di Piero Bernardini, traduzione di Mario Benzi, Corticelli, Milano, 1940.
  • E.T.A. Hoffmann, I Fedeli di San Serapione, introduzione di Bonaventura Tecchi, traduzione di Rosina Spaini, Gherardo Casini Editore, Roma, 1957.
  • E.T.A. Hoffmann, Romanzi e racconti, volume II (I Confratelli di San Serapione), introduzione e nota bio-bibliografica di Claudio Magris, traduzioni di Carlo Pinelli, Alberto Spaini, Giorgio Vigolo, Einaudi, Torino, 1969.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mario Pasi, La grande sfida del sentimento, in Lo Schiaccianoci, supplemento al n. 12/2000 di Amadeus, De Agostini - Rizzoli periodici, dicembre 2000.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN184583663 · LCCN: (ENno2010116327 · GND: (DE4447867-7
Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura