Salvo Basso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Salvo Basso (Giarre, 23 ottobre 1963Scordia, 26 aprile 2002) è stato un poeta italiano e studioso di lingua sicula.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Giarre ma visse a Scordia; si laureò in Storia e Filosofia all'Università degli Studi di Catania; in seguito si trasferì a Scordia, dove ricoprì anche le cariche istituzionali di assessore comunale e vicesindaco. La sua attività artistica fu sempre accompagnata da una intensa attività politica ed intellettuale; in particolare fu il promotore di una nuova politica culturale, che insistesse molto sul concetto di "città educativa", cioè una città in cui l'insieme delle politiche fosse rivolto all'educazione ed alla cultura. Inoltre si impegnò nella conservazione, valorizzazione e trasmissione della cultura delle tradizioni del catanese, promuovendo in tal senso sinergie con il mondo della scuola.

Fu prematuramente stroncato da un tumore il 26 aprile del 2002.

Premio Salvo Basso[modifica | modifica wikitesto]

In suo onore nel 2003 fu istituito dalla provincia di Catania un premio nazionale per la poesia in dialetto, giunto alla dodicesima edizione. Nell'Albo d'oro a tutt'oggi figurano:

  • 2003 Francesco Granatiero, Scuerzele (Cofine)
  • 2004 Remigio Bertolino, Ël vos (Interlinea)
  • 2005 Franco Loi, Aquabella (Interlinea)
  • 2006 Nino De Vita, Nnomura (Mesogea)
  • 2007 Giuseppe Rosato, La ‘ddore de la neve (Interlinea)
  • 2008 Ettore Baraldi, Da pere me’ (I libri del quartino)
  • 2009 Franca Grisoni, Poesie (Morcelliana) e Passiu (Edizioni l'Obliquo)
  • 2010 Renzo Favaron, In cualche preghiera (LietoColle)
  • 2011 Ida Vallerugo, Mistral (Il Ponte del Sale)
  • 2012 Marino Monti con Stason (Stagioni) (Pazzini)

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Quattru sbrizzi, poesie, Edizioni Nadir, 1997.
  • Qo, Edizioni dell'Obliquo.
  • Dui, Edizioni Prova d'autore, 1999,
  • Ccamaffari, Edizioni Prova d'autore, 2002 (postumo),
  • Egomeio - Salvopoesie 1979-81, Edizioni Prova d'autore, 2003 (postumo)
  • Fase lunare - Poesie 1985-1990 - Edizioni dell'Obliquo 2007 (postumo).

Stile[modifica | modifica wikitesto]

La sua poesia è caratterizzata da uno stile secco e penetrante, in cui l'uso del dialetto diventa un modo per scandagliare il grado zero del linguaggio, fatto di poche parole, ancorate spesso a momenti di vita quotidiana.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN315939001 · LCCN: (ENnb2003045010 · SBN: IT\ICCU\CFIV\179599 · BNF: (FRcb16962812g (data)