Salsa di mirtilli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Salsa di mirtilli
Cranberry Sauce (3617909597).jpg
Origini
Altri nomisalsa di mirtilli rossi; in inglese: cranberry sauce
Luogo d'origineStati Uniti Stati Uniti
DiffusioneStati Uniti d'America, Canada, Regno Unito
Dettagli
Categoriacondimento
Ingredienti principali
  • mirtilli
  • acqua
  • zucchero

La salsa di mirtilli o salsa di mirtilli rossi (cranberry sauce) è un condimento dolce a base di mirtilli rossi originario degli Stati Uniti d'America, spesso usato per condire il tacchino durante la cena del ringraziamento.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La ricetta della salsa di mirtilli venne descritta da Amelia Simmons nel suo American Cookery (1796), primo libro di cucina conosciuto scritto da uno statunitense.

Sebbene i pellegrini americani fossero probabilmente a conoscenza del fatto che i mirtilli selvatici crescono nei dintorni della baia del Massachusetts, non vi è alcuna fonte che attesta la presenza della salsa di mirtilli fra le pietanze presenti durante il primo pasto del Ringraziamento (nonostante gli storici abbiano fatto delle speculazioni, gli unici cibi che furono probabilmente serviti in tale evento furono del cosiddetto "mais indiano" e vari tipi di selvaggina, fra cui tacchini, e uccelli acquatici). I pellegrini iniziarono a cucinare uccelli ripieni durante l'Ottocento, ma non è chiaro se li farcissero con i mirtilli rossi. Stando a un Thanksgiving Primer della Plimoth Plantation, ciò è probabile, ma i frutti non venivano trasformati in una composta dal momento che lo zucchero era raro.[1][2]

La salsa di mirtilli in barattolo fu venduta per la prima volta ad Hanson, nel Massachusetts, nel 1912.[3] Nel 1941 venne immessa nel mercato la prima cranberry sauce prodotta in serie.[4]

Oltre che negli USA, l'usanza di insaporire il tacchino con la composta di mirtilli durante la cena del Ringraziamento è diffusa anche in Canada. Inoltre, nel Canada e nel Regno Unito, la salsa di mirtilli viene servita durante la cena di Natale.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Smithsonian Magazine, su smithsonianmag.com. URL consultato il 31 dicembre 2021 (archiviato dall'url originale il 23 luglio 2015).
  2. ^ (EN) Beyond Cranberry Sauce, su washingtonpost.com. URL consultato il 31 dicembre 2021.
  3. ^ (EN) History of Cranberries, su cranberries.org. URL consultato il 31 dicembre 2021.
  4. ^ (EN) This Man Made the First Canned Cranberry Sauce, su smithsonianmag.com. URL consultato il 31 dicembre 2021.
  5. ^ (EN) Melanie Wallendorf, Eric Arnould, "We Gather Together": Consumption Rituals of Thanksgiving Day, in Journal of Consumer Research, 1991.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]