Sa'd I al-'Abd Allah al-Salim Al Sabah

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Saʿd I al-ʿAbd Allāh Al Sālim Al Ṣabāḥ
MP IAYK.jpg
Emiro del Kuwait
In carica 15 gennaio - 24 gennaio 2006
Predecessore Jaber III Al-Ahmad Al-Jaber Al-Sabah
Successore Ṣabāḥ Al Aḥmad al-Jāber Al Ṣabāḥ



Nascita Madinat al-Kuwait, 1930
Morte Madinat al-Kuwait, 13 gennaio 2008
Casa reale Al Sabah
Padre ʿAbd Allāh Al Sālim Al Ṣabāḥ

Saʿd I Al ʿAbd Allāh Al Sālim Al Ṣabāḥ (193013 maggio 2008) è stato un emiro kuwaitiano dal 15 gennaio al 24 gennaio 2006.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

I primi anni[modifica | modifica sorgente]

Saʿd apparteneva al ramo degli Al Sālim della famiglia Al Ṣabāḥ ed era il figlio maggiore di ʿAbd Allāh Al Sālim Al Ṣabāḥ, che resse il Kuwait dal 1950 al 1965.

Prima della sua ascesa al trono, Saʿd prestò servizio come presidente dei dipartimenti di polizia e servizio pubblico dal 1961 al 1962, per poi diventare ministro dell'Interno dal 1962 al 1978 e ministro della Difesa dal 1964 al 1978. Il 31 gennaio 1978 ottenne il titolo di principe ereditario. Dal febbraio 1978 al luglio del 2003 fu anche Primo ministro del Kuwait, sino a quando il ruolo non venne affidato a Ṣabāḥ Al Aḥmad al-Jāber Al Ṣabāḥ. Egli mantenne anche l'incarico di Governatore Militare del Kuwait durante il periodo della Guerra del Golfo (1991-1992).

La prima Guerra del Golfo[modifica | modifica sorgente]

Saʿd giocò un ruolo fondamentale nel contribuire alla liberazione del Kuwait dal regime di Saddam Hussein che lo minacciava. Egli rifiutò qualsiasi compromesso con i ministri iracheni e col presidente dell'OLP, Yasser Arafat.

Ebbe inoltre un ruolo di rilievo anche nel trasportare lo Shaykh Jāber in salvo fuori dal Kuwait verso l'Arabia Saudita quando l'esercito iracheno invase il paese. Mentre si trovava in esilio durante la Prima Guerra del Golfo (1990-1991), egli tenne molti discorsi pubblici diventati famosi, come quello in cui definì il Quisling kuweitiano ʿAlāʾ Ḥusayn ʿAlī (Primo ministro fantoccio di Saddam Husayn), chiamato beffardamente Aladino, tanto da far ironizzare la stampa che si chiedeva dove mai quel novello protagonista del racconto Aladino e la lampada meravigliosa fosse mai finito per magia.

Emiro del Kuwait[modifica | modifica sorgente]

Saʿd aveva sofferto da sempre di problemi al colon, fatto che portava molti a credere che egli avrebbe rifiutato l'ascesa al trono. Una sua ferma dichiarazione del novembre del 2005 smentì queste voci e Saʿd salì sul trono del Kuwait il giorno della morte stessa del suo predecessore, Jāber. Saʿd fu però costretto a partecipare ai funerali di Jāber in carrozzina da invalidi e questo generò subito numerosi interrogativi circa la sua idoneità a governare. Molti membri del parlamento nazionale gli chiesero dunque formalmente l'abdicazione, che egli accettò il 23 gennaio 2006, dopo solo dieci giorni di regno effettivi. Anche se egli non aveva ancora prescelto il suo successore, era evidente che tale posizione sarebbe stata assunta dal cugino di secondo grado di Saʿd, Sabah Al Ahmad al-Jaber Al Sabah.[1]

Lo Shaykh Saʿd morì il 13 maggio 2008 all'età di 78 anni a causa di un collasso cardiaco avvenuto nel suo palazzo di Madinat al-Kuwait.[2]

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze del Kuwait[modifica | modifica sorgente]

Gran Maestro dell'Ordine del Kuwait - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine del Kuwait
Gran Maestro dell'Ordine di Mubarak il Grande - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di Mubarak il Grande
immagine del nastrino non ancora presente Gran Maestro dell'Ordine della Difesa Nazionale
immagine del nastrino non ancora presente Gran Maestro dell'Ordine di Distinzione Militare
Gran Maestro dell'Ordine della Liberazione - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine della Liberazione

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere Commendatore dell'Ordine dei Santi Michele e Giorgio (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Commendatore dell'Ordine dei Santi Michele e Giorgio (Regno Unito)
— 1979

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ PM set to become new Kuwait emir; CNN, 24 January 2006
  2. ^ "Former emir dies in Kuwait City"; BBC News Online, 13 May 2008

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Emiro del Kuwait Successore Flag of Kuwait.svg
Jaber III Al Ahmad al-Jaber Al Sabah 15 gennaio - 24 gennaio 2006 Sabah IV Al-Ahmad Al-Jaber Al-Sabah
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie