Roque Joaquín de Alcubierre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Roque Joaquín de Alcubierre (Saragozza, 16 agosto 1702Napoli, 14 marzo 1780) è stato un ingegnere e archeologo spagnolo, che si occupò delle esplorazioni archeologiche delle città di Pompeii, Herculaneum e Stabiae.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Roque Joaquín de Alcubierre nacque a Saragozza il 16 agosto 1702. Studiò nella sua città natale per poi entrare come volontario nel corpo degli ingegneri militari, svolgendo servizio a Gerona, Barcellona, Madrid ed altre città spagnole[1].

Mentre lavorava alla costruzione del nuovo palazzo del re di Napoli Carlo III a Portici, Alcubierre si imbatté in alcuni manufatti di epoca romana e, quindi, nel 1738[2] ottenne dal sovrano l'autorizzazione per poter effettuare degli scavi. In seguito alle operazioni di scavo riportò alla luce una statua di Ercole ed un antico teatro: si trattava delle rovine di Ercolano. In seguito vennero riportati alla luce più di duecento tra affreschi e statue che vennero conservate al museo nazionale di Napoli.

Nel 1748 iniziò una nuova campagna di scavi in una zona che secondo le prime intuizioni doveva essere Stabiae, ma che invece più tardi venne identificata come Pompei.[3] Nel 1749, insieme all'ingegnere svizzero Karl Jakob Weber, suo assistente, riportò alla luce la vera Stabiae[4] ed in seguito eseguì esplorazioni nella zona di Sorrento (ove recuperò i ruderi di Villa Pollio), Capri, Cuma e Pozzuoli. Morì a Napoli il 14 marzo 1780.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) Museos y Exposiciones - Roque Joaquín de Alcubierre, su zaragoza.es. URL consultato il 25 settembre 2016.
  2. ^ De Vos, p. 261.
  3. ^ Giovanni Longobardi, p.39.
  4. ^ Castellammare di Stabia nel periodo borbonico, su Gdangelo.it, Giuseppe D'Angelo. URL consultato il 25 settembre 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Arnold De Vos; Mariette De Vos, Pompei, Ercolano, Stabia, Roma, Editori Laterza, 1982. ISBN non esistente
  • Giovanni Longobardi, Pompei sostenibile, Roma, L'Erma di Bretschneider, 2002. ISBN 88-8265-189-4
Controllo di autoritàVIAF (EN77392555 · GND (DE129401803 · BNF (FRcb16236582z (data) · BNE (ESXX1268260 (data) · CERL cnp00600449 · WorldCat Identities (ENviaf-77392555