Rita Di Giovacchino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Rita Di Giovacchino (Bergamo, 19 febbraio 1947Roma, 2 maggio 2021) è stata una giornalista italiana.

Si occupò di cronaca giudiziaria, prima all'ANSA poi per Il Messaggero. Tra le altre cose, seguì il caso Moro e le uccisioni di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Curò un blog sul sito de Il Fatto Quotidiano.

Rita Di Giovacchino è morta per complicazioni da Covid-19 il 2 maggio 2021 all'età di 74 anni all'Ospedale Spallanzani di Roma[1].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Scoop mortale, storia di un giornalista Kamikaze, Tullio Pironti, 1994
  • Il libro nero della Prima Repubblica, Fazi, 2005
  • Delitti privati, Fazi, 2007
  • Storie di alti prelati e gangster romani, Fazi, 2008
  • Stragi. Quello che Stato e mafia non possono confessare, Castelvecchi, 2015
  • Il libro nero della Repubblica: Criminalità e politica 1960-2018, Castelvecchi, 2019

Note[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN19959872 · ISNI (EN0000 0000 7249 9892 · SBN IT\ICCU\BVEV\027700 · LCCN (ENn95072472 · BNF (FRcb15023032m (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n95072472