Riserva naturale di Scandola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Riserva naturale di Scandola
0 Scandola Osani JPG01.jpg
Tipo di areaRiserva naturale
Codice WDPA7168
Class. internaz.Categoria IUCN IV: area di conservazione di habitat/specie
StatoFrancia Francia
RegioneCorsica
DipartimentoCorsica settentrionale
Corsica del Sud
ComuniCalenzana, Galeria, Ota, Osani, Partinello, Piana, Serriera
Superficie a terra919 ha
Superficie a mare650 ha
Provvedimenti istitutivi1975
GestoreOffice de l'Environnement de la Corse
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Francia
Riserva naturale di Scandola
Riserva naturale di Scandola

Coordinate: 42°21′24.98″N 8°34′00.01″E / 42.35694°N 8.56667°E42.35694; 8.56667

UNESCO white logo.svg Bene protetto dall'UNESCO
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Golfo di Porto, Capo Girolata, Riserva naturale di Scandola e Calanchi di Piana in Corsica
(EN) Gulf of Porto: Calanche of Piana, Gulf of Girolata, Scandola Reserve
03 Calanche Piana.jpg
TipoNaturali
Criterio(vii) (viii) (x)
PericoloNon in pericolo
Riconosciuto dal1983
Scheda UNESCO(EN) Scheda
(FR) Scheda

La riserva naturale di Scandola (in francese: réserve naturelle de Scandola, in corso: rèserva naturale di Scandola) fa parte del parco naturale regionale della Corsica: venne istituita nel 1975 su di un'area di quasi 20 chilometri quadrati, metà in mare e metà sulla terraferma, e si trova nella parte centro-occidentale dell'isola francese della Corsica. Essa è stata la prima riserva naturale europea ad avere una parte protetta sul mare e una parte sulla terra; nel 1983 è stata inserita nell'elenco dei patrimoni dell'umanità dell'UNESCO, insieme ai calanchi di Piana e al golfo di Girolata.

Dal 1985 è insignita del diploma europeo delle aree protette.

La riserva naturale è composta da due settori: l'isoletta di Elpa Nera e la penisola di Scandola. Le pendici a strapiombo sul mare, alte anche 900 metri, contengono numerose grotte e sono affiancate da molte isolette e baie pressoché inaccessibili, come quella di Tuara.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bacar, H. "A survey of Existing and Potential Marine Parks and Reserves of the Mediterranean Region." 1977. IUCN/UNEP.
  • Gryn-Ambroes, P. Preliminary Annotated Lists of Existing and Potential Mediterranean Protected Areas. 1980. UNEP/IUCN.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]