Repubbliche socialiste sovietiche autonome

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Le Repubbliche socialiste sovietiche autonome, o RSSA (in russo: Автономные советские социалистические республики, АССР?, traslitterato: Avtonomnye sovetskie socialističeskie respubliki, ASSR) erano un tipo di suddivisione amministrativa all'interno dell'Unione Sovietica. Il loro status era inferiore a quello delle Repubbliche sovietiche e superiore ai distretti autonomi o ai circondari autonomi dell'Unione Sovietica.

Al contrario delle Repubbliche sovietiche, le Repubbliche autonome non avevano il diritto di separarsi dall'Unione.

RSS Azera[modifica | modifica wikitesto]

RSS Georgiana[modifica | modifica wikitesto]

RSFS Russa[modifica | modifica wikitesto]

La costituzione della RSFS Russa del 1978 riconosceva le seguenti sedici repubbliche:

Esistevano all'interno della RSFS Russa anche altre repubbliche autonome che per cause differenti vennero abolite o variate di status:

RSS Ucraina[modifica | modifica wikitesto]

RSS Uzbeka[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Salvi Sergio, La disunione sovietica, Ponte delle Grazie, Firenze, 1990.
Storia Portale Storia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia