Repubblica Socialista Sovietica Autonoma di Baschiria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Repubblica Socialista Sovietica Autonoma di Baschiria
repubblica autonoma
(RU) Башкирская Автономная Советская Социалистическая Республик
(BA) Башҡорт Автономиялы Совет Социалистик Республикаhы
Repubblica Socialista Sovietica Autonoma di Baschiria – Stemma Repubblica Socialista Sovietica Autonoma di Baschiria – Bandiera
Localizzazione
StatoUnione Sovietica Unione Sovietica
Repubblica sovieticaFlag of the Russian Soviet Federative Socialist Republic (1954–1991).svg Russa
Amministrazione
CapoluogoUfa
Data di istituzione23 marzo 1919
Data di soppressione1991
Territorio
Coordinate
del capoluogo
54°45′N 55°58′E / 54.75°N 55.966667°E54.75; 55.966667 (Repubblica Socialista Sovietica Autonoma di Baschiria)Coordinate: 54°45′N 55°58′E / 54.75°N 55.966667°E54.75; 55.966667 (Repubblica Socialista Sovietica Autonoma di Baschiria)
Superficie143 600 km²
Abitanti3 952 000 (1989)
Densità27,52 ab./km²
Altre informazioni
Linguerusso, baschiro
Fuso orarioUTC+5
Cartografia

La Repubblica Socialista Sovietica Autonoma di Baschiria (in russo: Башкирская Автономная Советская Социалистическая Республика?, traslitterato: Baškirskaja Avtonomnaja Sovetskaja Socialističeskaja Respublika; in baschiro: Башҡорт Автономиялы Совет Социалистик Республикаhы) è stata una repubblica socialista sovietica autonoma all'interno della RSS Russa, a sua volta parte dell'Unione Sovietica.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'annessione del territorio della parte europea del Bashkortostan alla Russia si è svolta sulla base di un trattato del 1557. La omonima Repubblica Autonoma fu fondata il 23 marzo 1919 con la firma dell'accordo tra il governo baschiro e il governo sovietico. Dopo la Rivoluzione d'ottobre (1917) fino al 1919 faceva parte del Governatorato di Ufa e fu la prima repubblica sovietica autonoma dell'URSS. In quell'anno i nazionalisti Baschiri presero il potere e proclamarono la repubblica indipendente. Dopo alcuni tentennamenti essi si schierarono al fianco dei bolscevichi, impegnati a combattere le forze controrivoluzionarie nella guerra civile russa. Nel 1920 scoppiò una rivolta anti russa tra i baschiri che vennero sconfitti e, per un terzo, massacrati dalle forze sovietiche. La repubblica venne soppressa e venne favorita l'immigrazione di contadini russi e tartari. Nel 1923 venne codificata la lingua baschira. Negli anni trenta, e poi ancora di più dopo la seconda guerra mondiale, si assistette ad un'opera di russificazione della Baschiria da parte delle autorità sovietiche.

Popolazione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1989 abitavano in Baschiria 3 952 000 persone: di essi il 40% era di etnia russa, il 25% baschira e il 25% tartara.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ordine di Lenin (x2) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Lenin (x2)
— 1935, 1975
Ordine della Rivoluzione d'ottobre - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Rivoluzione d'ottobre
— 21 marzo 1969
Ordine dell'Amicizia tra i popoli - nastrino per uniforme ordinaria Ordine dell'Amicizia tra i popoli
— 29 dicembre 1972

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Salvi Sergio, La disunione sovietica, Ponte alle Grazie, Firenze, 1990

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]