Repubblica di Užice

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Repubblica di Užice
Repubblica di Užice – Bandiera
Repubblica di Užice - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome ufficiale Ужичка Република
Lingue parlate Serbo-croato
Inno de facto Hej Slaveni
Capitale Užice
Dipendente da Flag of the Democratic Federal Yugoslavia.svg Esercito partigiano
Politica
Forma di governo Repubblica socialista partigiana
Presidente Dragojlo Dudić
Segretario Generale Josip Broz Tito
Organi deliberativi ASNOS
Nascita 24 settembre 1941
Causa Liberazione di Užice
Fine 1 dicembre 1941
Causa Conquista tedesca
Territorio e popolazione
Popolazione 300 00 cca nel
Economia
Valuta de facto Dinaro serbo
Religione e società
Religioni preminenti Chiesa ortodossa serba
Evoluzione storica
Preceduto da bandiera Serbia
Succeduto da bandiera Serbia
Questa voce è parte della serie
Grb Nemanjica mini transparent.png
Storia della Serbia



La Repubblica di Užice fu uno stato esistito per breve tempo durante la Seconda guerra mondiale in Serbia.

Nel 1941 Užice venne liberata dall'occupazione nazista dai Partigiani jugoslavi, che scelsero la città come capitale della "Repubblica di Užice". La Repubblica divenne un piccolo stato militare partigiano costituitosi nelle terre liberate nell'autunno del 1941 nella parte occidentale della Serbia, che era divenuta uno stato fantoccio governata dal generale Milan Nedić.

La Repubblica di Užice si estendeva in parte della Serbia occidentale e contava su una popolazione che superava le 300.000 persone. Era compresa tra la linea fra le città di Valjevo e Bajina Bašta a nord, il fiume Drina a ovest, la Zapadna Morava a est e il Sangiaccato a sud.

In questo periodo le fabbriche e le botteghe artigiane lavoravano soprattutto per soddisfare le esigenze militari. La ferrovia e le infrastrutture stradali erano funzionanti, mentre continuavano ad essere stampati giornali e libri.

Nel novembre 1941, la Wehrmacht rioccupò il territorio attorno alla città e gran parte dei partigiani furono costretti a fuggire verso la Bosnia ed Erzegovina, il Sangiaccato e il Montenegro.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]