Redenzione (film 1952)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Redenzione
Titolo originale Redenzione
Paese di produzione Italia
Anno 1952
Durata 83 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Piero Caserini
Soggetto Decio Fittaioli
Sceneggiatura Decio Fittaioli
Luigi Bonelli
Produttore Ilio Lomi per Ideal Film
Fotografia Carlo Fiore
Montaggio Cesare Carlesi
Musiche Cesare Cesarini
Scenografia Ivo Battelli
Uberto Bonetti
Interpreti e personaggi

Redenzione è un film del 1952 diretto da Piero Caserini.

Curioso melodramma interpretato da Luisa Rossi e Juan de Landa che porta sullo schermo (a scopo lacrimevole e narrativo) la tematica della cecità infantile. Il finale riserva una scena madre (in tutti i sensi) molto potente. Il regista Piero Caserini, attore del muto, produttore e aiuto regista durante gli anni '40 passa alla regia con questa pellicola che anche l'ultimo, muore lo stesso anno di uscita del film.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film narra le vicende della giovane pastorella Nicuzza, sedotta e abbandonata, da un giovane conte. La ragazza rimane incinta e il conte non intende riconoscere il bambino. Nicuzza decide così di vendicarsi e uccide il conte il giorno del suo matrimonio con un'altra nobildonna.... Nicuzza viene incarcerata e da alla luce un bambino che manifesta fin da subito dei problemi alla vista...

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema