Recettore H4

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.png
Il titolo di questa pagina non è corretto per via delle caratteristiche del software MediaWiki. Il titolo corretto è Recettore H4.
Recettore H4
Gene
HUGO HRH4 AXOR35; BG26; GPCR105; GPRv53; H4; H4R; HH4R
Entrez 59340
Locus Chr. 18 - 22.06 q22.04 - 22.06
Proteina
OMIM 606792
UniProt Q9H3N8

Il recettore H4 è un recettore dell'istamina, un membro della superfamiglia dei recettori accoppiati a proteine G.[1][2][3]

Distribuzione nei tessuti[modifica | modifica wikitesto]

Il recettore H4 è altamente espresso nel midollo osseo e sui leucociti, e nei modelli sperimentali su topi di pleurite indotta da zymosan, regola il rilascio dei neutrofili dal midollo osseo e la loro successiva infiltrazione.[4]

È espresso anche in colon, fegato, polmoni, intestino tenue, milza, testicoli, timo, tonsille e trachea.[5]

Funzione[modifica | modifica wikitesto]

Il recettore dell'istamina H4 ha dimostrato di essere coinvolto nella mediazione del cambiamento di forma degli eosinofili e nella chemiotassi dei mastociti.[6] Quest'ultima avviene tramite la subunità βγ agente presso la fosfolipasi C, causando la polimerizzazione dell'actina e infine la chemiotassi.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

La struttura 3D del recettore H4 non è stata ancora definita a causa delle difficoltà relative alla cristallizzazione dei recettori accoppiati a proteine G. Sono stati fatti alcuni tentativi di sviluppo di modelli strutturali del recettore H4 per scopi diversi. Il primo modello di recettore H4[7] è stato costruito da modellazioni omologhe basate sulla struttura cristallina della rodopsina bovina.[8] Questo modello è stato utilizzato per l'interpretazione dei dati sulla mutagenesi sito-diretta, che hanno rivelato l'importanza cruciale dei residui Asp94 (3.32) e Glu182 (5.46) nell'attivazione del recettore H4 e nei suoi legami coi ligandi.

Un secondo modello strutturale del recettore H4 basato sulla rodopsina è stato utilizzato con successo per l'identificazione di nuovi ligandi di H4.[9]

I recenti progressi nella cristallizzazione, e in particolare la determinazione del complesso del recettore dell'istamina umana H1 con la doxepina,[10] probabilmente aumenteranno la qualità dei nuovi modelli strutturali del recettore H4.

Ligandi[modifica | modifica wikitesto]

Agonisti[modifica | modifica wikitesto]

Antagonisti[modifica | modifica wikitesto]

Potenziale terapeutico[modifica | modifica wikitesto]

Inibendo il recettore H4 si possono trattare asma e allergie.[11]

L'antagonista altamente selettivo di H4 VUF-6002 è attivo per via orale e inibisce l'attività sia dei mastociti che degli eosinofili in vivo,[12] ed ha effetti antinfiammatori e antiperalgesici.[13]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Oda T, Morikawa N, Saito Y, Masuho Y, Matsumoto S, Molecular cloning and characterization of a novel type of histamine receptor preferentially expressed in leukocytes, in J. Biol. Chem., vol. 275, nº 47, 2000, pp. 36781–6, DOI:10.1074/jbc.M006480200, PMID 10973974.
  2. ^ Nakamura T, Itadani H, Hidaka Y, Ohta M, Tanaka K, Molecular cloning and characterization of a new human histamine receptor, HH4R, in Biochem. Biophys. Res. Commun., vol. 279, nº 2, 2000, pp. 615–20, DOI:10.1006/bbrc.2000.4008, PMID 11118334.
  3. ^ Nguyen T, Shapiro DA, George SR, Setola V, Lee DK, Cheng R, Rauser L, Lee SP, Lynch KR, Roth BL, O'Dowd BF, Discovery of a novel member of the histamine receptor family (abstract), in Mol. Pharmacol., vol. 59, nº 3, 2001, pp. 427–33, PMID 11179435.
  4. ^ Takeshita K, Bacon KB, Gantner F, Critical role of L-selectin and histamine H4 receptor in zymosan-induced neutrophil recruitment from the bone marrow: comparison with carrageenan, in J. Pharmacol. Exp. Ther., vol. 310, nº 1, 2004, pp. 272–80, DOI:10.1124/jpet.103.063776, PMID 14996947.
  5. ^ Bioreagents.com: Histamine H4 Receptor
  6. ^ Hofstra CL, Desai PJ, Thurmond RL, Fung-Leung WP, Histamine H4 receptor mediates chemotaxis and calcium mobilization of mast cells, in J. Pharmacol. Exp. Ther., vol. 305, nº 3, 2003, pp. 1212–21, DOI:10.1124/jpet.102.046581, PMID 12626656.
  7. ^ Shin N, Coates E, Murgolo NJ, Morse KL, Bayne M, Strader CD, Monsma FJ, Molecular modeling and site-specific mutagenesis of the histamine-binding site of the histamine H4 receptor, in Mol. Pharmacol., vol. 62, nº 1, luglio 2002, pp. 38–47, PMID 12065753.
  8. ^ Palczewski K, Kumasaka T, Hori T, Behnke CA, Motoshima H, Fox BA, Le Trong I, Teller DC, Okada T, Stenkamp RE, Yamamoto M, Miyano M, Crystal structure of rhodopsin: A G protein-coupled receptor, in Science, vol. 289, nº 5480, agosto 2000, pp. 739–45, DOI:10.1126/science.289.5480.739, PMID 10926528.
  9. ^ Kiss R, Kiss B, Könczöl A, Szalai F, Jelinek I, László V, Noszál B, Falus A, Keseru GM, Discovery of novel human histamine H4 receptor ligands by large-scale structure-based virtual screening, in J. Med. Chem., vol. 51, nº 11, giugno 2008, pp. 3145–53, DOI:10.1021/jm7014777, PMID 18459760.
  10. ^ Shimamura T, Shiroishi M, Weyand S, Tsujimoto H, Winter G, Katritch V, Abagyan R, Cherezov V, Liu W, Han GW, Kobayashi T, Stevens RC, Iwata S, Structure of the human histamine H(1) receptor complex with doxepin, in Nature, vol. 475, nº 7354, giugno 2011, DOI:10.1038/nature10236, PMID 21697825.
  11. ^ InterPro: IPR008102 Histamine H4 receptor
  12. ^ Varga C, Horvath K, Berko A, Thurmond RL, Dunford PJ, Whittle BJ. Inhibitory effects of histamine H4 receptor antagonists on experimental colitis in the rat. European Journal of Pharmacology. 2005 Oct 17;522(1-3):130-8. PMID 16213481
  13. ^ Coruzzi G, Adami M, Guaita E, de Esch IJ, Leurs R. Antiinflammatory and antinociceptive effects of the selective histamine H4-receptor antagonists JNJ7777120 and VUF6002 in a rat model of carrageenan-induced acute inflammation.European Journal of Pharmacology. 2007 Jun 1;563(1-3):240-4. PMID 17382315

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]