Raffaello Nasini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Raffaello Nasini

Raffaello Nasini (Siena, 11 agosto 1854Roma, 29 marzo 1931) è stato un chimico italiano.

« Prontissimo a buggerare i suoi allievi più distratti, ricordo che una volta il povero Alberto Serri (allora studiava medicina, ma pensava alla bicicletta!) capitò sotto l'esame di Nasini. «Dica un po' lei, il carbonato di calcio è solubile nell'acqua?» E Alberto pronto: «Sissignore!» «Ecco allora torni a ottobre, quando l'Arno certo avrà sciolto il Ponte Solferino.» »

(ASTIANATTE, tratto da “Ritorno a Pisa” (pubblicazione speciale ALAP), Pisa, Giardini, 1968)

Dopo aver lavorato nel laboratorio di Cannizzaro a Roma e di Hans Heinrich Landolt a Berlino, fu, dal 1891 docente di chimica generale presso l'Università di Padova. Si trasferì in seguito all'Università di Pisa, aprendo una fondamentale serie di ricerche nell'ambito della chimica applicata. La sua opera contribuì alla formazione di una delle grandi scuole di ricerche della chimica nazionale.

Celebre in ambito universitario fu il suo discorso del 1906 in cui il Nasini egli augurò agli allievi di ispirarsi nella loro attività di studio ad alcuni valori tra cui “l'entusiasmo nel concepire il lavoro del Cannizzaro, la sua profonda meditazione nell'idearlo; la calma, il prudente scetticismo del Tassinari nell'eseguirlo; l'acume nel vagliare i resultati e nel trarre le deduzioni del Piria!”.

Morì a Roma il 29 marzo 1931.

A Raffaello Nasini è dedicato il premio della Società Chimica Italiana per i chimici al di sotto dei 40 anni che si siano distinti nello studio e sviluppo della chimica inorganica.

Carriera universitaria[modifica | modifica wikitesto]

  • Professore ordinario di Chimica generale alla Università di Padova (12 novembre 1891)
  • Rettore della Università di Padova (7 ottobre 1900-1902)
  • Professore ordinario di Chimica generale alla Università di Pisa (17 maggio 1906)
  • Professore onorario dell'Università di Padova (25 aprile 1922)
  • Direttore della Scuola di farmacia alla Università di Pisa (5 novembre 1923) (31 dicembre 1925-1929)

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

F. Mauro, R. Nasini, A. Piccini, Analisi chimica delle acque potabili della città di Roma, Roma, 1884.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

  • Onorificenza al Merito civile di Savoia
  • Laurea honoris causa delle Università di Glasgow e di Cambridge
  • Professore onorario dell'Università di Padova
  • Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia
  • Commendatore dell'Ordine dei S.S. Maurizio e Lazzaro

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

I SOFFIONI E I LAGONI DELLA TOSCANA E LA INDUSTRIA BORACIFERA, 1930 Roma Tipografia Editrice Italia

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Ulteriori informazioni nella scheda sul database dell'Archivio Storico del Senato, I Senatori d'Italia.

Controllo di autoritàVIAF: (EN89309365 · ISNI: (EN0000 0003 7457 8828 · SBN: IT\ICCU\RMSV\006634 · LCCN: (ENno2008132722 · GND: (DE116883723 · BAV: ADV11037962