Raffaele Tiscar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Raffaele Tiscar

Deputato della Repubblica italiana
Legislature XI
Gruppo
parlamentare
DC
Collegio Firenze-Pistoia
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Democrazia Cristiana
Titolo di studio Laurea in scienze politiche
Professione funzionario pubblico

Raffaele Tiscar (Bari, 4 giugno 1956) è un politico e funzionario italiano, deputato dal 1992 al 1994 e vice segretario generale della Presidenza del Consiglio dei ministri dal 2014.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Bari il 4 giugno 1956, è cresciuto fra Siena e Grosseto e si è laureato in scienze politiche all'Università degli Studi di Firenze.[1][2]

Membro della Democrazia Cristiana, è stato consigliere comunale di Firenze dal 1985 al 1990 e successivamente assessore alla Casa.[1][2] È membro di Comunione e Liberazione.[1][2]

Alle elezioni politiche del 1992 è candidato alla Camera dei deputati per la Democrazia Cristiana nella circoscrizione di Firenze-Pistoia: ottiene 10 418 preferenze e viene eletto.[3]

Ritiratosi dalla politica, ha lavorato nel settore dell'acqua e dei servizi: dal 1997 al 2001 è stato dirigente della Lyonnaise des eaux (gruppo Suez) e dal 2001 al 2003 della Thames Water (gruppo RWE), mentre dal 2005 al 2010 è stato direttore del Dipartimento Reti e servizi di pubblica utilità della Regione Lombardia.[1][2]

Dal maggio 2014, con il Governo Renzi è vice segretario generale della Presidenza del Consiglio dei ministri, presso cui si occupa di difesa, trasporti, energia e telecomunicazioni.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Goffredo Pistelli, Chi è l'uomo di cui Renzi si fida, Italia Oggi, 30 settembre 2014. URL consultato il 18 aprile 2016.
  2. ^ a b c d e Michele Sada, Il manager di Renzi: "Le paratie, Cometa e la mia vita a Como", La Provincia, 17 aprile 2016, p. 31.
  3. ^ Camera del 5 aprile 1992 - Circoscrizione FIRENZE-PISTOIA - DC, in Archivio Storico delle Elezioni, Ministero dell'Interno. URL consultato il 17 aprile 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]