Quattro tatuaggi per un super guerriero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Quattro tatuaggi per un super guerriero
Quattro tatuaggi per un super guerriero.JPG
Titolo originaleTattooed Teenage Alien Fighters from Beverly Hills
PaeseStati Uniti
Anno1994
Formatoserie TV
Genereavventura, per ragazzi
Stagioni1
Episodi40
Durata27 minuti
Lingua originaleinglese
Rapporto4:3
Crediti
IdeatoreJim Fisher
Jim Staahl
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Produttore esecutivoAndy Heyward
Robby London
Casa di produzioneDIC Entertainment
Prima visione
Dal3 ottobre 1994
All'8 dicembre 1994
Rete televisivaUSA Network

Quattro tatuaggi per un super guerriero (Tattooed Teenage Alien Fighters from Beverly Hills) è una serie televisiva statunitense in 40 episodi andati in onda per la prima volta nel corso di una sola stagione nel 1994 sulla rete USA Network. La serie è un'imitazione a basso budget della serie per ragazzi Power Rangers. In Italia è andata in onda su Italia 1.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La serie è ambientata a Beverly Hills, in California. I quattro personaggi principali sono ragazzi selezionati da un alieno chiamato Nimbar per combattere i mostri inviati dal perfido imperatore Gorganus. Gorganus è intento a conquistare la Terra perché è il punto di riferimento per una rete di "portali della forza" in grado di facilitare la conquista della galassia. Nel primo episodio Nimbar recluta i quattro ragazzi e con un tocco del suo dito fa loro una serie di tatuaggi ognuno basato su una costellazione della sfera celeste: Laurie Foster assume i poteri dello Scorpione, Drew Vincent quelli del Centauro, Swinton Sawyer quelli di Apollo, Gordon Henley quelli del Toro.

Quando i loro tatuaggi lampeggiano significa che Nimbar ha bisogno di loro. Nimbar è il protettore supremo di questi portali e ha bisogno dei ragazzi che diventano guerrieri e sentinelle a difesa dei portali. I ragazzi possono utilizzare una sorta di piattaforme chiamate "transo disc" e trasformarsi in "sentinelle galattiche" con super poteri per riunificarsi poi in un'unica formazione denominata "Nitron". Come nella serie dei Power Rangers, i ragazzi sono tenuti a delle regole: non possono rivelare la loro identità di sentinelle galattiche a nessuno e non possono trasformarsi e lottare a meno che non siano costretti da Gorganus.

Nota: il tatuaggio di Drew non è il simbolo del centauro, ma del Sagittario. Analogamente, il simbolo di Swinton non è quello di Apollo, ma quello dell'Acquario. Probabilmente sono errori da parte dei creatori.

In un episodio, compare Zsa Zsa Gábor come guest star.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Swinton Sawyer (Apollo), interpretato da Rugg Williams, è il "cervellone" del gruppo, porta gli occhiali ed è afro-americano. Indossa un costume giallo e possiede il potere di Apollo. La sua è un'arma a doppia lama.
  • Gordon Henley (Toro), interpretato da Richard Nason. Si trasforma nel Toro, indossando un costume nero.
  • Laurie Foster (Scorpione), interpretata da Leslie Danon. Intelligente, sensibile e molto determinata, diviene il leader della squadra con la forza e i poteri dello Scorpione. La luce della sua armatura è di colore verde. La sua arma principale è la spada a lama sottile.
  • Drew Vincent (Centauro), interpretata da K. Jill Sorgen. È una ragazza intelligente che lavora in un bar che i ragazzi del gruppo sono soliti frequentare. Si trasforma in Centauro, con un costume viola. Utilizza un'ascia da battaglia come arma.
  • Nimbar, interpretato da Glenn Shadix (solo voce). Doppiato da Glenn Shadix nella versione originale, Nimbar è un blob gelatinoso con una grande intelligenza che raggruppa i ragazzi di volta in volta, li controlla, mantiene i loro poteri e apre portali di passaggio dalla Terra. Ha fallito in passato la protezione di un mondo dalle minacce di Gorganus e ora non si fermerà davanti a nulla pur di non relegare la Terra alla stessa sorte.
  • Imperatore Gorganus, interpretato da Ed Gilbert; è il cattivo della serie e acerrimo nemico di Nimbar, vuole conquistare l'intera galassia servendosi della Terra che intende poi distruggere quanto prima.
  • Lechner, interpretato da David L. Lander.

Mostri[modifica | modifica wikitesto]

  • Ninjabot: un mostro simile a un samurai che appare nel primo episodio. Armato di una katana che può sparare lampi di energia, è in grado di far scomparire le armi dei ragazzi guerrieri con colpi di spada ma viene distrutto dai ragazzi in formazione Nitron per la prima volta.
  • Slaygar, mostro dei rifiuti tossici: un mostro che appare nell'episodio Perceptions. È intento a spazzare via la razza umana avvelenando il pianeta con i fumi tossici che espira. L'inquinamento che produce danneggia i portali e solo Apollo è in grado di trasformarsi e combattere, con la consulenza di Nimbar che gli rivela che il punto debole di Slaygar è dietro l'orecchio ma Gorganus richiama Slaygar prima che potesse essere distrutto.
  • Neuragula, un mostro con due emisferi del cervello: uno controlla le emozioni, l'altro l'intelligenza. La sua capacità più distintiva è il suo stridio penetrante. Egli può sparare raggi laser e può assumere il controllo mentale delle sue vittime come si vede nell'episodio The Quitter.
  • Voldac: è un cavaliere elettrico in grado di produrre elettricità statica che distrugge i portali nell'episodio Switch; questo porta le menti delle sentinelle a trovarsi in corpi diversi. In battaglia la sua spada può sparare un fulmine che si rivela un'arma formidabile. Le sentinelle lo distruggono portandosi in formazione Nitron e tagliando una delle sue spalle, provocando così un corto circuito è facendo ritornare le loro menti nei cervelli originari.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Episodi Prima TV originale
Prima stagione 40 1994

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Leopoldo Damerini, Fabrizio Margaria, Dizionario dei telefilm, 1ª edizione, Garzanti, maggio 2001, ISBN 88-11-74000-2, ..

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione