Punizioni corporali nelle scuole

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Disegno del 1888 che mostra due studenti puniti tramite bastonatura

Le punizioni corporali nelle scuole rappresentano ed includono tutte quei tipi di punizione ufficiale degli studenti, all'interno dell'istituzione scolastica di formazione anglosassone, da parte d'un insegnante per disciplinarne il comportamento: la punizione corporale didattica coinvolge lo studente macchiatosi di scorrettezze o manchevolezze più o meno "delittuose".

Viene eseguita generalmente seguendo un rituale cerimoniale metodico e premeditato dato dalla tradizione costituita[1]: la pena è solitamente somministrata sul fondoschiena o sulle mani[2], utilizzando un attrezzo appositamente pensato e creato a tale scopo: il numero di colpi può variare a seconda della gravità della colpa commessa. Gli oggetti usato posson esser una canna di rattan (caning), una pala di legno detta pagaia (paddle), la suola d'una scarpa da tennis o d'una ciabatta (slippering), un cinturino di cuoio (strapping), o infine un metro o righello di legno. È molto meno comune che le punizioni corporali scolastiche arrivino ad includere la sculacciata o schiaffi con la mano aperta, anche se questo metodo è utilizzabile con i bambini più piccoli delle scuole elementari.

Negli Stati Uniti e nel Regno Unito, così come in generale in tutto il mondo di lingua inglese, contemplare l'uso delle punizioni corporali, all'interno delle regole degli istituti educativi sia pubblici che privati, è stato storicamente ammesso ed accettato dalla dottrina del dritto comune in loco parentis; per cui la scuola ha gli stessi diritti su un minore della sua famiglia. Un insegnante assume il ruolo paterno a tutti gli effetti e, se costretto, ha tutti i diritti e il dovere di picchiare lo studente. In realtà nel Regno Unito le punizioni corporali sono state vietate con l'Education Act del 1996. L'unico caso in cui ad oggi è contemplata una forza ragionevole, sta nel pericolo immediato di infortunio dell'insegnante o in caso di rischio di danneggiamento della proprietà.

Nella maggior parte dei paesi in cui ancora al giorno d'oggi questo viene consentito, la punizione corporale nella scuola pubblica è disciplinata dai regolamenti ufficiali stabiliti dai governi o dalle autorità educative locali, che definiscono il tipo di colpe passibili di punizione, il numero massimo di colpi che possono esser somministrati così come l'attrezzo da utilizzare, quali membri del personale scolastico possano eseguir la punizione e se eventualmente prima i genitori debbano esserne informati e/o consultati. A seconda di come le norme sono state create, e di quanto vengono strettamente applicate, questo ha l'effetto di rendere la punizione strutturata come un'autentica e rigorosa cerimonia giudiziaria, valida a tutti gli effetti proprio come fosse una sentenza di tribunale.

I sostenitori delle punizioni corporali nelle scuole affermano che queste forniscano positivamente una risposta immediata all'indisciplina dello studente, molto più semplice ad esempio della sospensione[3]. Gli oppositori invece ritengono che esistono molti altri metodi disciplinari altrettanto, se non più, validi ed efficaci per correggere un eventuale comportamento sbagliato: alcuni di questi ultimi considerano le punizioni corporali equiparabili ad una vera e propria violenza e abuso sui minori[4][5] (abuso minorile). Il primo paese al mondo ad abolire le punizioni corporali fu la Polonia nel lontano 1783[6].

Campo di applicazione geografico[modifica | modifica wikitesto]

Legalità delle punizioni corporali in Europa
Legalità delle punizioni corporali negli Stati Uniti

     Punizioni corporali proibite sia a scuola che a casa

     Punizioni corporali proibite solo in ambito scolastico

     Punizioni corporali legali sia a scuola che a casa

Le punizioni corporali sono state utilizzate come metodo prevalente di disciplina all'interno delle scuole in ogni parte del mondo, ma negli ultimi decenni sono state bandite nella maggior parte dei paesi europei, oltre che in Canada, Giappone, Sudafrica, Nuova Zelanda e molte altre nazioni. Rimane comunque ancor oggi un certo numero di stati in Africa, nel Sud-est asiatico e in Medio Oriente che le ammettono da sempre (vedi paragrafi appositi, più sotto).

Negli Stati Uniti la corte suprema in una sentenza del 1977 ha dichiarato che le punizioni corporali nelle scuole non violano in alcun modo la Costituzione federale: il paddling (spanking) continua ad essere utilizzato in misura significativa in un certo numero di stati del Sud, anche se c'è stato un netto calo nella sua incidenza negli ultimi 20 anni (vedi paragrafo apposito, più sotto). In alcuni paesi asiatici ed africani in cui picchiare bambini e ragazzi a scuola è stato legalmente messo al bando, pertanto vietato, ciò è valido solo teoricamente in quanto è ancora un metodo molto usato nella pratica comune (vedi paragrafi appositi, più sotto).

Gran parte della cultura tradizionale che circonda la pratica delle punizioni corporali nelle scuole, soprattutto nel caso del mondo di lingua inglese, deriva in gran parte dal metodo disciplinare vigente nei secoli diciannovesimo e ventesimo all'interno dell'impero britannico, in particolare per quanto riguarda la fustigazione dei ragazzi adolescenti[7]. Vi è una vastissima letteratura al riguardo, sia popolare che scientifica[8][9]. La Gran Bretagna ne ha vietato la pratica nel 1987 per le scuole statali[10], e più recentemente anche per quelle private e/o religiose[11].

Molte scuole a Singapore e in Malaysia utilizzano la fustigazione (per i ragazzi), come punizione di routine ufficiale per cattiva condotta; questo vale anche per alcuni paesi africani e mediorientali (vedi paragrafi appositi, più sotto). In Corea del Sud gli studenti dei licei, sia maschi che femmine allo stesso modo, sono comunemente picchiati a colpi di canna (caning) come punizione di prassi (vedi paragrafo apposito, più sotto).

Nella maggior parte dell'Europa continentale, qualsiasi tipo di punizione corporale nelle scuola è stata del tutto bandita, da diversi decenni a questa parte. Come deliberata cerimonia formale, quasi giudiziaria, sembra esser stata molto più comune nei paesi del nord protestante di cultura germanica rispetto ai paesi cattolici del sud di cultura latina: la fustigazione è stata completamente abolita in Danimarca nel 1967 e in Germania nel 1983 (vedi paragrafi appositi, più sotto).

A seguito della rivoluzione del 1917 le punizioni corporali nelle scuole sono state vietate in tutti i territori della Russia e poi dell'Unione Sovietica, in quanto contrarie all'ideologia comunista[12]; vi son testimonianze di visitatori sovietici nelle scuole occidentali che esprimono tutto il loro sgomento di fronte alle frustate e bacchettate a cui erano costretti a sottostare i bambini e gli adolescenti dell'epoca tra i banchi di scuola[13]. In altri regimi comunisti se ne seguì presto l'esempio; in Corea del Nord questo tipo di pena rimane fuorilegge[14] e (in teoria) in Cina[15]. Nel frattempo, i comunisti di altri paesi, ad esempio in Gran Bretagna, si sono fatti promotori delle campagne contro le punizioni corporali nelle scuole, in quanto considerate chiaro sintomo della decadenza del sistema d'istruzione del mondo capitalista[16].

Giustificazioni e critica[modifica | modifica wikitesto]

Studente medievale frustato sul fondoschiena

I sostenitori delle punizioni corporali nelle scuole affermano, a sostegno della loro tesi, che non appena lo studente è stato punito può tornare in classe e continuare ad apprendere[17], a differenza della sospensione che lo rimuove dal processo educativo[18], anzi, peggio, gli dà libera vacanza[19].

Philip Berrigan, uno stimato prete cattolico, che ha insegnato alla St. Augustine High School di New Orleans, è un altro sostenitore accanito delle punizioni corporali: dice difatti, con ferma convinzione, che queste fanno risparmiare un sacco di tempo al personale che altrimenti sarebbe impegnato nella supervisione degli studenti puniti col fermo in classe o con la gestione della burocrazia riguardante le sospensioni dalla scuola[20] I genitori, da parte loro, troppo spesso lamentano il disagio derivante da sanzione come ad esempio la consegna del figlio il sabato a scuola: molto meglio e più comoda una veloce frustata[21]

Dall'altra parte della barricata, un argomento fatto spesso contro le punizioni corporali è che varie ricerche hanno più volte dimostrato l'inefficacia di queste come strumenti positivi per la gestione della disciplina ed il miglioramento del comportamento degli studenti: questi studi han collegato le punizioni corporali a successivi risvolti negativi psicologici (quand'anche non fisici) tra cui «l'aumento del comportamento aggressivo e distruttivo, la ribellione all'autorità con atti di vandalismo». Questo oltre a pessimi risultati educativi, tipo «risultati scolastici mediocri, scarsa capacità d'attenzione, maggior tasso d'abbandono, evasione e fobia scolastica»; infine «bassa autostima, ansia, disturbi somatici, depressione, tendenze suicide e odio e desiderio di vendetta nei confronti del corpo docente»[22].

Società mediche, pediatriche o psicologiche che si oppongono alle punizioni corporali nelle scuole sono: l'American Medical Association[23], l'American Academy of Pediatrics[24], la Society for Adolescent Medicine[25][26], l'American Psychological Association[27], il Royal College of Paediatrics and Child Health,[28][29], il Royal College of Psychiatrist[30][31], la Canadian Paediatric Society[32], e l'Australian Psycological Society[33]. Si oppone infine alle punizioni corporali nelle scuole anche la National Association of Secondary School Principals (l'associazione nazionale dei dirigenti scolastici statunitensi)[34].

Le punizioni corporali nelle scuole paese per paese[modifica | modifica wikitesto]

Argentina[modifica | modifica wikitesto]

Abolite per la prima volta nel 1813, sono state nuovamente legalizzate nel 1817: le punizioni corporali nelle scuole rimangono in vigore fino al 1980. I metodi più utilizzati erano il Rebenque (il nome dato ad un tipo di frusta in uso tra i mandriani -gaucho delle pampas) e schiaffi in faccia con la mano[35][36]

Australia[modifica | modifica wikitesto]

Le punizioni corporali sono vietate per legge in tutti i tipi di scuole del Territorio di Sidney[37], del Nuovo Galles del Sud[38] e della Tasmania[39]. Nel territorio di Victoria è vietato nelle scuole statali ma non in quelle private, anche se il governo propende per una sua definitiva rimozione dai regolamenti[40]. Sono infine vietate nelle scuole statali in base ai regolamenti ministeriali o locali di politica educativa, benché siano lecite ancora nelle scuole private in Western Australia[41], Queensland[42] e South Australia; nel territorio del Nord non esiste attualmente alcuna proibizione legale[43][44].

Austria[modifica | modifica wikitesto]

Qualsiasi tipo di punizione corporale eseguita all'interno degli istituti scolastici è stata definitivamente abolita nel 1974[45].

Birmania[modifica | modifica wikitesto]

La fustigazione viene comunemente applicata dagli insegnanti come punizione in tutti i gradi di scuole, anche se delimitata dalle direttive emanate in proposito dal governo nei suoi confronti. La canna (caning) viene usata per colpire il sedere, i polpacci e i palmi delle mani degli studenti più riottosi; questo di fronte a tutta la classe: si possono tranquillamente lasciare segni e lividi[46]. A questa punizione s'abbinano anche le tirate d'orecchie, rimanere in ginocchio in un angolo a braccia incrociate o in piedi sopra il banco[47]: le ragioni più comuni che includono queste forme di pena sono il parlare in classe, il non aver fatto i compiti, errori commessi, assenze ingiustificate e cattivo comportamento[48].

Canada[modifica | modifica wikitesto]

Una sentenza della corte suprema del 2004 ha messo fuorilegge le punizioni corporali comminate a scuola[49]. Quand'era in vigore nelle scuole pubbliche, l'attrezzo solitamente usato era un cinturino di gomma o tela dura sulle mani[50], mentre in quelle private era spesso usato il paddle (spanking) o comminato il caning, rigorosamente sul posteriore dello studente[51][52]. In molte parti del paese la cinghia (strapping) non è più stata utilizzata nelle scuole pubbliche fin dagli anni settanta o anche prima: in Québec almeno dal 1960[53] e a Toronto è stato bandito dal 1971[2]. Tuttavia, alcune scuole di Alberta hanno continuato ad applicare lo strapping fino all'ultimo giorno prima del suo divieto avvenuto nel 2004[54].

Cina[modifica | modifica wikitesto]

Tutti i tipi e forme di punizioni corporali sono stati teoricamente vietati dopo la vittoria della rivoluzione comunista nel 1949. In pratica però gli studenti continuano ad essere presi a bastonate (caning) o a colpi di paddle (spanking) in molte scuole d'ogni ordine e grado[55][56].

Corea del Sud[57][modifica | modifica wikitesto]

La punizione corporale è lecita e largamente utilizzata in tutte le scuole sudcoreane di ogni ordine e grado; di solito prende la forma di una correzione disciplinare con l'uso di un vero e proprio bastone, somigliante ad una stecca da biliardo o bastone da hockey. Applicato sul sedere sopra i pantaloni dello studente, ma può anche essere somministrato sui polpacci o la parte anteriore o posteriore delle cosce.

Maschi e femmine indiscriminatamente sono spesso puniti in questo modo dagli insegnanti per qualsiasi manchevolezza commessa a scuola: le raccomandazioni governative sono che il bastone non deve essere spesso più di 1,5 cm in diametro e che il numero di colpi non può esser superiore a 10. Queste punizioni sono in genere eseguite all'interno della classe o in corridoio alla presenza di tutti gli altri compagni, e la procedura è generalmente meno formale e premeditata di quanto non sia ad esempio a Singapore.

È usanza comune infine per gli studenti ricevere le punizioni corporali tutti assieme, in gruppo[58].

Repubblica Ceca[modifica | modifica wikitesto]

La punizione corporale è bandita ai sensi dell'articolo 31 della legge sull'istruzione[59].

Egitto[modifica | modifica wikitesto]

Uno studio del 1998 ha rilevato che la punizione fisica è ampiamente utilizzata dagli insegnanti nelle scuole egiziane per punire comportamenti considerati inaccettabili: circa l'80% dei maschi e il 60% delle femmine sono stati puniti dagli insegnanti a colpi di bastone (caning), con la cinghia (strapping), col la suola di una scarpa (slippering), ma anche con schiaffi e calci. Tutti questi fanno parte dei metodi comuni di somministrazione delle punizioni; in certi casi sono state riportate contusioni e lesioni, ferite anche gravi e fratture (nei casi più estremi perdita di coscienza)[60].

Filippine[modifica | modifica wikitesto]

Le punizioni corporali sono vietate sia nelle scuole pubbliche che in quelle private[61].

Francia[modifica | modifica wikitesto]

L'uso sistematico di punizioni corporali è assente dalle scuole francesi praticamente sin dalla metà del XIX secolo[62]. Anche se non vi è alcun divieto giuridico esplicito riguardo ad esse[63], un insegnante nel 2008 è stato multato per aver schiaffeggiato un alunno[64]

Germania[modifica | modifica wikitesto]

Le punizioni corporali nelle scuole, storicamente molto diffuse, sono state via via bandite nei diversi Länder tramite diritto amministrativo, in tempi differenti, fino alla sua totale abolizione avvenuta nel 1983[65]; e a partire dal 1993 qualsiasi tipo di punizione fisica inflitta da un insegnante equivale ad un reato. In quell'anno è stata pubblicata una sentenza della corte di giustizia federale, che annulla i poteri precedenti sanciti dal diritto consuetudinario e fino ad allora sostenuto tramite sentenze d'alcune corti d'appello regionali: fino ad allora il "diritto di castigo" era una giustificazione porta a difesa dall'accusa di violenza fisica.

Giappone[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene legalmente proibite sin dal 1947, l'uso di punizioni corporali è stato riscontrato nelle scuole fino agli anni ottanta, quando una ricerca statistica ha evidenziato come il 60% degli insegnanti di scuola superiore le ritenesse necessarie, almeno per i casi più gravi di infrazione dei regolamenti, contro un 32% che le disapprovavano in qualsiasi circostanza[66].

Grecia[modifica | modifica wikitesto]

Le punizioni corporali nelle scuole elementari e medie sono state bandite nel 1998, mentre in quelle superiori nel 2005[67]

India[modifica | modifica wikitesto]

Le punizioni corporali nelle scuole sono ancora in uso nella maggior parte del subcontinente indiano. La corte suprema ha ufficialmente vietato il loro uso a partire dal 2000: 17 dei 28 stati dell'India teoricamente applicano il divieto, anche se in modo molto lassista[68]. Un certo numero d'organizzazioni sociali e culturali, tra cui Shankaracharya conducono campagne contro le fustigazioni degli alunni.

Irlanda[modifica | modifica wikitesto]

La punizione corporale è stata vietata dal regolamento didattico nel 1982, il suo uso è divenuto un vero e proprio reato a partire dal 1996[69].

Israele[modifica | modifica wikitesto]

Malesia[modifica | modifica wikitesto]

Immagine che ritrae il segno da bastonatura lasciato sulla mano di una studentessa malese

La fustigazione è una forma di disciplina molto comune nelle scuole malesi. Giuridicamente essa dovrebbe essere valida solo per gli studenti di sesso maschile, ma l'idea di renderla legittima anche nei confronti delle ragazze è stato argomento ancora recentemente dibattuto: si può usare la canna sul palmo della mano, ma tipicamente la fustigazione è eseguita sul fondoschiena dello studente, sopra i pantaloni[70].

Norvegia[modifica | modifica wikitesto]

Nuova Zelanda[modifica | modifica wikitesto]

Le punizioni corporali nelle scuole d'ogni ordine e grado sono state vietate a partire dal 1990: in sintesi è proibito a qualsiasi dipendente scolastico a cui venga assegnato la sorveglianza ed il controllo degli studenti, di praticar su di loro l'uso della forza come mezzo di correzione e punizione[71].

L'unica concessione è lasciata al diritto-dovere dei genitori di castigare anche con punizioni corporali i propri figli per motivi inerenti alla disciplina o ai risultati scolastici. Nel 2007 ad Auckland è stata scoperta una scuola religiosa cristiana che utilizzava questa scappatoia per disciplinare i propri studenti; venivano difatti chiamati a somministrar la punizione i genitori dell'alunno[72]. A seguito di questo fatto è stata chiusa anche questa possibilità durante lo stesso anno, quando è stato emanato un divieto generalizzato riguardante la fustigazione dei figli: Crimes (Substituted Section 59) Amendment Act 2007, ovvero l'"abolizione della forza come giustificazione per la disciplina"[73].

Paesi Bassi[modifica | modifica wikitesto]

Pakistan[modifica | modifica wikitesto]

L'uso delle punizioni corporali come mezzo per far rispettare la disciplina agli studenti non è molto comune nelle moderne istituzioni educative pakistane, anche se è ancora massicciamente in uso nelle zone rurali di campagna. La metodologia è stata aspramente criticata dagli attivisti di molte associazioni che si occupano di diritti dell'infanzia, i quali affermano che in molti casi il picchiare i bambini all'interno delle scuole hanno portato a veri e propri casi di abuso sia fisico che mentale.

Secondo poi un rapporto stilato ufficialmente la bastonatura è la ragione principale che causa gli abbandoni scolastici ed il fenomeno dei bambini di strada: trentacinquemila ex alunni delle scuole superiori dicono d'aver abbandonato il sistema d'istruzione pubblico perché sono stati ripetutamente e gravemente maltrattati a scuola[74].

Polonia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1783 la Polonia è stato il primo paese al mondo a proibire le punizioni corporali scolastiche[6]. Si presuppone che forse lo scrittore più influente sull'argomento sia stato il filosofo inglese John Locke, nel cui trattato "Alcune considerazioni in materia di istruzione" critica esplicitamente il ruolo preponderante e centrale dato alle punizioni corporali in materia d'istruzione: l'opera di Locke era molto influente e potrebbe benissimo aver contribuito ad influenzar i legislatori polacchi nella loro scelta e decisione di vietare la possibilità di picchiare i bambini nelle scuole dello Stato[75].

Regno Unito[modifica | modifica wikitesto]

Proibite in Gran Bretagna nel 1987: in tutte le scuole statali e anche in quelle private che usufruiscono di fondi statali[76]. Nelle altre scuole private sono state bandite tra il 1999 e il 2003[7]. Ancora nel 1993 alcune sentenze dichiaravano che dare ad un bambino di sette anni tre colpi di slippering con una scarpa da ginnastica sopra i pantaloni non poteva essere considerato un "trattamento degradante"[77].
Lo strumento utilizzato nelle scuole private d'Inghilterra e Galles era un bastone di rattan flessibile (vedi caning), applicato sia alle mani dello studente sia (questo soprattutto nel caso di ragazzi adolescenti) sul sedere sopra i pantaloni: anche lo slippering veniva ampiamente utilizzato, come metodo alternativo meno formale. In alcune città inglesi, al posto del caning veniva eseguito lo strapping[78].
In Scozia si usava invece una cinghia di cuoio detta Tawse, che veniva somministrata sulle palme delle mani: era questo il metodo universalmente conosciuto di punizione corporale all'interno degli istituti scolastici[79]; ma alcune scuole private continuarono ad utilizzar anche il bastone da caning[80].

Russia[modifica | modifica wikitesto]

Abolite fin dal 1917, a seguito della rivoluzione. L'attuale articolo 336 del codice del lavoro della federazione russa afferma che un insegnante che abbia utilizzato la frusta o il bastone anche una sola vola contro un allievo, debba esser immediatamente licenziato[12].

Singapore[modifica | modifica wikitesto]

Il caning è legale in tutte le scuole di Singapore solo per gli studenti di sesso maschile, una tale metodologia viene anzi incoraggiata dal governo al fine di mantenere una rigida disciplina[81]: può essere utilizzato solo un bastone fatto di rattan[82]. Questo deve essere somministrato in una cerimonia ufficiale dalla direzione della scuola dopo la deliberazione (spesso davanti agli altri studenti), mai dai singoli insegnanti in classe.
Nella maggior parte delle scuole secondarie, sia statali che private, ma anche in alcune scuole medie ed elementari, viene eseguita la fustigazione per punire la cattiva condotta dei ragazzi[83]. Nelle scuole superiori i colpi con la canna vanno sempre sferrati sul sedere sopra i pantaloni: il ministero dell'istruzione ha stabilito un numero massimo di sei colpi

Spagna[modifica | modifica wikitesto]

Abolite nel 1985[84]

Svezia[modifica | modifica wikitesto]

Qualsiasi forma di punizione fisica nelle scuole elementari è stata vietata da un'apposita ordinanza a partire dal 1958. Il suo uso da parte degli insegnanti ordinari nei licei era stato messo fuori legge nel 1928[85]

Sudafrica[modifica | modifica wikitesto]

L'uso di punizioni corporali nelle scuole è stato vietato da una legge apposita emanata nel 1996, la quale recita: "Nessuna persona può comminare punizioni corporali all'interno delle scuole agli studenti. Chiunque ne contravviene è colpevole di un reato e passibile di una condanna alla pena applicata per l'aggressione"[86].

Taiwan[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Punizioni corporali a Taiwan.

A partire dal 2006 le punizioni corporali all'interno del sistema scolastico sono illegali, anche se, pur sporadicamente, ancora applicate[87].

Thailandia[modifica | modifica wikitesto]

Le punizioni corporali nelle scuole sono illegali ai sensi del regolamento emanato dal ministero dell'istruzione nel 2005, ai sensi dell'articolo 65 della legge a protezione dei minori[88].

Ucraina[modifica | modifica wikitesto]

Qualsiasi violenza fisica o mentale contro i bambini è vietato dalla costituzione del 1991 e dall'apposita legge riguardante l'educazione la quale stabilisce che gli studenti hanno il diritto "alla protezione da ogni forma di sfruttamento, violenza fisica e psicologica, da parte di insegnanti o d'altri che possano violarne i diritti o umiliare il loro onore e dignità"[89].

Uruguay[modifica | modifica wikitesto]

Una legge del 2008 mette al bando le punizioni fisiche sia da parte dei genitori che dei tutori[90].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ See e.g. Student/Parent Information Guide and Code of Conduct 2008-2009 Archiviato il 24 agosto 2009 in Internet Archive., Alexander City Schools, Alabama, USA, p.44.
  2. ^ a b "Toronto abolishes the strap", Globe and Mail, Toronto, 23 July 1971.
  3. ^ Richart, David et al. "Unintended Consequences: The Impact of 'Zero Tolerance' and Other Exclusionary Policies on Kentucky Students" Archiviato il 15 ottobre 2011 in Internet Archive.
  4. ^ Stein, M.T.; Perrin, E.L., Guidance for effective discipline. American Academy of Pediatrics. Committee on Psychosocial Aspects of Child and Family Health, in Pediatrics, vol. 101, 4 Pt 1, aprile 1998, pp. 723–8, PMID 9521967.
  5. ^ American Academy of Pediatrics. Committee on School Health, Corporal punishment in schools, in Pediatrics, vol. 106, 2 Pt 1, agosto 2000, p. 343, DOI:10.1542/peds.106.2.343, PMID 10920163.
  6. ^ a b untitled
  7. ^ a b United Kingdom: Corporal punishment in schools at World Corporal Punishment Research.
  8. ^ Quigly, Isabel (1984). The Heirs of Tom Brown: The English School Story. Oxford University Press. ISBN 0-19-281404-4
  9. ^ Chandos, John (1984). Boys Together: English Public Schools 1800-1864. London: Hutchinson, esp. chapter 11. ISBN 0-09-139240-3
  10. ^ Gould, Mark (9 January 2007). "Sparing the rod". The Guardian (London).
  11. ^ Brown, Colin (25 March 1998)."Last vestiges of caning swept away". The Independent (London).
  12. ^ a b Teitelbaum, Salomon M. "Parental Authority in the Soviet Union", in American Slavic and East European Review, Vol. 4, No. 3/4 (December 1945), pp. 54-69.
  13. ^ "Caning? It's not cricket, say the Russians at Rugby". Daily Mail (London). 22 November 1960.
  14. ^ "North Korean Defectors Face Huge Challenges". Radio Free Asia. 21 March 2007.
  15. ^ China State Report Archiviato il 27 febbraio 2012 in Internet Archive., GITEACPOC, February 2009.
  16. ^ Linehan, Thomas P. (2007). Communism in Britain, 1920-39: From the cradle to the grave, Manchester University Press. pp. 32 ff. ISBN 0-7190-7140-2
  17. ^ Eric Adelson, The Principal And The Paddle, in Newsweek (New York), 4 maggio 2009.
    «While suspensions take kids out of the classroom for days, paddling could be done in 15 minutes. "What are we here to do? Educate," Nixon says. "This way there's an immediate response, and the child is right back in the room learning."».
  18. ^ Uno studio commissionato in Kentucky ha rilevato che il progresso educativo degli studenti viene interrotto per colpa della sospensione, pertanto rimuovere gli studenti dalla suola in un momento in cui più possono aver bisogno di stabilità e orientamento nella loro vita, possono causargli l'impossibilità a tener il passo col corso di studi con gravi danni per la valutazione finale in pagella. Richart, David et al. "Unintended Consequences: The Impact of 'Zero Tolerance' and Other Exclusionary Policies on Kentucky Students" Archiviato il 15 ottobre 2011 in Internet Archive., relazione elaborata dall'istituto nazionale per i giovani e le famiglie dell'Università di Louisville, KY; centro per i diritti dei bambini di Covington, KY; e centro per la gioventù di Washington, D.C.
  19. ^ Chmelynski, Carol (5 December 1995). "Is paddling on its way back?". National School Boards Association.
  20. ^ "Sometimes we sent a student to the principal's office for a paddling, and I have seen a marvelous clearing of the air with a simple whack on the butt. The offending student realized without resorting to guilt or subterfuge, the seriousness of his transgression." Berrigan, Father Philip, quoted in Johnson, Allen Jr (31 December 2002). "The Aggressive Pacifist". Gambit (New Orleans).
  21. ^ U.S. Department of Education (August 2002). "A Closer Look at Drug and Violence Prevention Efforts in American Schools: Report on the Study on School Violence and Prevention". p. 51.
  22. ^ Poole, S.R.; Ushkow, M.C.; Nader, P.R., et al., The role of the pediatrician in abolishing corporal punishment in schools, in Pediatrics, vol. 88, nº 1, luglio 1991, pp. 162–7, PMID 2057255.
  23. ^ U.S. Organizations Opposed to School Corporal Punishment, The Center for Effective Discipline (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2012).
  24. ^ American Academy of Pediatrics, Committee on School Health, Corporal punishment in schools, in Pediatrics, vol. 73, nº 2, febbraio 1984, p. 258, PMID 6599942.
  25. ^ Corporal punishment in schools. A position paper of the Society for Adolescent Medicine, in J Adolesc Health, vol. 13, nº 3, maggio 1992, pp. 240–6, PMID 1498122.
  26. ^ Greydanus, D.E.; Pratt, H.D.; Spates, Richard C.; Blake-Dreher, A.E.; Greydanus-Gearhart, M.A.; Patel, D.R., Corporal punishment in schools: position paper of the Society for Adolescent Medicine (PDF), in J Adolesc Health, vol. 32, nº 5, maggio 2003, pp. 385–93, DOI:10.1016/S1054-139X(03)00042-9, PMID 12729988 (archiviato dall'url originale il 19 aprile 2009).
  27. ^ American Psychological Association (1975).Resolution on Corporal Punishment.
  28. ^ Advocacy, Royal College of Paediatrics and Child Health. URL consultato il 6 agosto 2008 (archiviato dall'url originale il 17 giugno 2008).
  29. ^ Lynch, M., Community pediatrics: role of physicians and organizations, in Pediatrics, vol. 112, 3 Part 2, settembre 2003, pp. 732–4, DOI:10.1542/peds.112.3.S1.732 (inattivo 2010-03-19), PMID 12949335.
  30. ^ Memorandum on the Use of Corporal Punishment in Schools, in Psychiatric Bulletin, vol. 2, nº 4, 1978, p. 62, DOI:10.1192/pb.2.4.62.
  31. ^ E. Hartwell, et al, Quality Network for In-patient CAMHS Service Standards 2005/2006 (PDF), su rcpsych.ac.uk, 1º ottobre 2005. URL consultato il 6 agosto 2008.
  32. ^ Psychosocial Paediatrics Committee, Canadian Paediatric Society, Effective discipline for children, in Paediatrics & Child Health, vol. 9, nº 1, 2004, pp. 37–41 (archiviato dall'url originale il 25 gennaio 2009).
  33. ^ Legislative assembly questions #0293 - Australian Psychological Society: Punishment and Behaviour Change, Parliament of New South Wales, 20 ottobre 1996. URL consultato il 6 agosto 2008 (archiviato dall'url originale il 3 maggio 2008).
  34. ^ Corporal punishment, National Association of Secondary School Principals, febbraio 2009 (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2010).
  35. ^ "Diálogo, premios y penitencias: cómo poner límites sin violencia". El Clarín (Buenos Aires). 17 December 2005. (ES)
  36. ^ "En Argentina, del golpe a la convivencia". El Clarín (Buenos Aires). 10 February 1999. (ES)
  37. ^ Education Act 2004 (ACT), s7(4).
  38. ^ Education Act 1990 (NSW), s47(h), and s3.
  39. ^ Education Act 1994 (Tas), s82A.
  40. ^ Education and Training Reform Act 2006 (Vic), s4.3.1, and Education and Training Reform Regulations 2007 (Vic), reg14.
  41. ^ School Education Regulations, s40, cf Criminal Code Act, s257.
  42. ^ Criminal Code Act (Qld), s280.
  43. ^ Criminal Code Act (NT), s11.
  44. ^ Australia State Report Archiviato il 26 luglio 2011 in Internet Archive., GITEACPOC.
  45. ^ Austria State Report Archiviato il 20 agosto 2008 in Internet Archive., GITEACPOC.
  46. ^ Myanmar Times & Business Reviews Archiviato il 24 marzo 2014 in Internet Archive.
  47. ^ Copia archiviata, su myanmar.gov.mm. URL consultato il 4 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 18 agosto 2007).
  48. ^ Copia archiviata, su myanmar.gov.mm. URL consultato il 22 settembre 2010 (archiviato dall'url originale il 25 aprile 2005).
  49. ^ "Supreme Court takes strap out of teachers' hands", Edmonton Journal, Alberta, 1 February 2004.
  50. ^ Moyers school supplies catalogue, 1971.
  51. ^ James FitzGerald, Old Boys: The Powerful Legacy of Upper Canada College, Macfarlane Walter & Ross, Toronto, 1994. ISBN 0-921912-74-9
  52. ^ Ted Byfield, "Do our new-found ideas on children maybe explain the fact we can't control them?", Alberta Report, Edmonton, 21 October 1996.
  53. ^ "Spanking still legal in Canada", Montreal Gazette, Quebec, 23 February 2005.
  54. ^ "Peace Wapiti scraps strap", Daily Herald-Tribune, Grande Prairie, Alberta, 19 November 2004.
  55. ^ Paul Wiseman, "Chinese schools try to unlearn brutality", USA Today, Washington D.C., 9 May 2000.
  56. ^ "New measures taken in schools to improve teacher-student relations", People's Daily, Beijing, 31 July 2005.
  57. ^ South Korea State Report Archiviato il 27 febbraio 2012 in Internet Archive., GITEACPOC.
  58. ^ Video clips of schoolboy discipline at World Corporal Punishment Research.
  59. ^ Czech Republic State Report Archiviato l'8 luglio 2009 in Internet Archive., GITEACPOC, June 2011.
  60. ^ Youssef RM, Attia MS, Kamel MI, Children experiencing violence. II: Prevalence and determinants of corporal punishment in schools, in Child Abuse Negl, vol. 22, nº 10, ottobre 1998, pp. 975–85, DOI:10.1016/S0145-2134(98)00084-2, PMID 9793720.
  61. ^ Philippines State Report Archiviato l'11 luglio 2009 in Internet Archive., GITEACPOC.
  62. ^ "The punishments in French schools are impositions and confinements."-- Matthew Arnold (1861) cited in Robert McCole Wilson, A Study of Attitudes Towards Corporal Punishment as an Educational Procedure From the Earliest Times to the Present, Nijmegen University, 1999, 4.3.
  63. ^ France State Report Archiviato il 20 novembre 2008 in Internet Archive., GITEACPOC.
  64. ^ "Teacher Fined, Praised for Slap", Time, New York, 14 August 2008.
  65. ^ "It's 40 years since corporal punishment got a general boot", translated from Saarbrücker Zeitung, 19 June 1987.
  66. ^ "Many Japanese Teachers Favor Corporal Punishment", Nichi Bei Times, San Francisco, 21 November 1987.
  67. ^ Greece State Report Archiviato l'8 settembre 2008 in Internet Archive., GITEACPOC, November 2006.
  68. ^ Nilanjana Bhowmick (2 May 2009). "Why India's Teachers Do Not Spare the Rod". Time (New York).
  69. ^ "Department code on discipline urged", Irish Times, Dublin, 9 April 1999.
  70. ^ School corporal punishment in Malaysia at World Corporal Punishment Research.
  71. ^ Education Act 1989 - New Zealand Legislation, New Zealand Parliamentary Counsel Office. URL consultato il 9 gennaio 2011.
  72. ^ School in corporal punishment spotlight, in Television New Zealand, 18 febbraio 2007. URL consultato il 9 gennaio 2011.
  73. ^ Anti-smacking bill becomes law, in New Zealand Herald (Auckland), NZPA, 16 maggio 2007. URL consultato il 12 maggio 2011.
  74. ^ PAKISTAN: Corporal punishment key reason for school dropouts, in IRIN Asia, 18 maggio 2008.
  75. ^ Newell, Peter (ed.). A Last Resort? Corporal Punishment in Schools, Penguin, London, 1972, p. 9. ISBN 0-14-080698-9
  76. ^ "Physical punishment law and attitudes", NSPCC factsheet, December 2009, su nspcc.org.uk. URL consultato il 7 maggio 2012 (archiviato dall'url originale l'8 luglio 2011).
  77. ^ ECtHR judgment in case 13134/87
  78. ^ Guide to LEAs' Corporal Punishment Regulations in England and Wales, Society of Teachers Opposed to Physical Punishment, Croydon, 1979.
  79. ^ "Rise and fall of the belt", Sunday Standard, Glasgow, 28 February 1982.
  80. ^ Ahmed, Kamal (27 April 2003). "He could talk his way out of things". The Observer (London).
  81. ^ Speech by Mr Tharman Shanmugaratnam, Acting Minister for Education. Archiviato il 25 gennaio 2009 in Internet Archive.
  82. ^ Regulation No 88 under the Schools Regulation Act 1957.
  83. ^ Singapore school handbooks on line at World Corporal Punishment Research.
  84. ^ Spain State Report Archiviato il 3 novembre 2008 in Internet Archive., GITEACPOC.
  85. ^ Changing concepts of Grammar School teacher authority in Sweden 1927-1965, Australian Association for Research in Education, 1997.
  86. ^ South African Schools Act, 1996, Chapter 2: Learners, Section 10: Prohibition of corporal punishment Archiviato il 27 agosto 2013 in Internet Archive.
  87. ^ "Taiwan corporal punishment banned", BBC News On Line, London, 29 December 2006.
  88. ^ "Legality of corporal punishment in Thailand" Archiviato il 13 agosto 2014 in Internet Archive., End Corporal Punishment, February 2009.
  89. ^ Ukraine. DETAILED COUNTRY REPORT Archiviato il 22 luglio 2011 in Internet Archive.. Last updated: February 2011.
  90. ^ Uruguay State Report Archiviato il 15 dicembre 2010 in Internet Archive., GITEACPOC, February 2008.
Istruzione Portale Istruzione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di istruzione