Pseudoboletus parasiticus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pseudoboletus parasiticus
Boletus parasiticus on Scleroderma citrinum.jpg
Pseudoboletus parasiticus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Divisione Basidiomycota
Sottodivisione Agaricomycotina
Classe Agaricomycetes
Sottoclasse Agaricomycetidae
Ordine Boletales
Famiglia Boletaceae
Genere Pseudoboletus
Specie P. parasiticus
Nomenclatura binomiale
Pseudoboletus parasiticus
(Bull.) Šutara, 1991
Nomi comuni
  • (FR) Cèpe parasite, Bolet parasite
  • (DE) Parasitenröhrling, Schmarotzer-Röhrling
Caratteristiche morfologiche
Pseudoboletus parasiticus
Cappello semisferico disegno.png
Cappello semisferico
Pores icon.png
Imenio pori
Adnate gills icon2.svg
Lamelle adnate
Olive spore print icon.png
Sporata oliva
Bare stipe icon.png
Velo nudo
Immutabile icona.png
Carne immutabile
Parasitic ecology icon.png
Parassita
Foodlogo.svg
Commestibile

Pseudoboletus parasiticus (Bull.) Šutara, 1991[1], conosciuto anche con il binomio Xerocomus parasiticus, è un fungo basidiomicete ed è l'unica specie parassita di altri funghi della famiglia Boletaceae.
Cresce infatti come parassita su carpofori di Scleroderma citrinum e li rende praticamente "sterili", limitando in tal modo la riproduzione di questa specie che talvolta è addirittura infestante.

Descrizione della specie[modifica | modifica wikitesto]

Cappello[modifica | modifica wikitesto]

5–8 cm di diametro, convesso.

cuticola
colore da giallo-brunastro a oliva, asciutta, liscia, vellutata, screpolata a maturità
margine
involuto

Tubuli[modifica | modifica wikitesto]

Lunghi 6 mm, decorrenti, giallastri.

Pori[modifica | modifica wikitesto]

Grandi, larghi 1–2 mm, angolosi, giallo-olivastri.

Gambo[modifica | modifica wikitesto]

3-5 x 0,5-1,5 cm, spesso ricurvo e assottigliato alla base, asciutto, solido, fibrilloso, giallastro più o meno concolore al cappello.

Carne[modifica | modifica wikitesto]

Giallastra, soda, alquanto coriacea.

Microscopia[modifica | modifica wikitesto]

Spore
giallo-oliva in massa, lisce, ellissoidali, 12-18,5 x 3,5-5 µm

Reazioni chimiche[modifica | modifica wikitesto]

  • cappello: bruno arancio a rosso o rosso-brunastro con KOH o ammonio.
  • carne: arancio scuro (reazione istantanea) con KOH, verde oliva con sali di ferro.
  • superficie del gambo: arancio cinabro con KOH (reazione istantanea).

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Specie rara, è parassita di Scleroderma citrinum, su cui fruttifica in estate-autunno.

Commestibilità[modifica | modifica wikitesto]

Sconsigliato in quanto trattasi di specie molto rara e pertanto da proteggere. Oltre a ciò va ricordato che il predetto fungo che parassita è velenoso, anche se quest'ultimo non gli trasmette le tossine.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Sinonimi e binomi obsoleti[modifica | modifica wikitesto]

  • Boletus parasiticus Bull., Herb. Fr. (Paris) 10: tab. 451, fig. 1 (1790)
  • Boletus parasiticus Bull., Herb. Fr. (Paris) 10: tab. 451, fig. 1 (1790) f. parasiticus
  • Boletus parasiticus f. peylii Kavina, Mykologia (Prague): 96 (1925)
  • Boletus parasiticus Bull., Herb. Fr. (Paris) 10: tab. 451, fig. 1 (1790) var. parasiticus
  • Boletus parasiticus var. piperatoides J. Blum, Revue Mycol., Paris 34(2-3): 277 (1969)
  • Ceriomyces parasiticus (Bull.) Murrill, Mycologia 1(4): 148 (1909)
  • Suillus parasiticus (Bull.) Kuntze, Revis. gen. pl. (Leipzig) 3(2): 535 (1898)
  • Versipellis parasitica (Bull.) Quél., Enchir. fung. (Paris): 159 (1886)
  • Xerocomus parasiticus (Bull.) Quél., Fl. mycol. France (Paris): 418 (1888)
  • Xerocomus parasiticus (Bull.) Quél., Fl. mycol. France (Paris): 418 (1888) f. parasiticus
  • Xerocomus parasiticus f. piperatoides (J. Blum) R. Mazza, Boll. Gruppo Micol. 'G. Bresadola' (Trento) 41(1): 27 (1998)[2]

Filatelia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Pseudoboletus parasiticus, in Index Fungorum, CABI Bioscience.
  2. ^ Pseudoboletus parasiticus, su speciesfungorum.org. URL consultato il 26 luglio 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Micologia Portale Micologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di micologia