Proroga delle sessioni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La proroga delle sessioni era un particolare istituto concesso dallo Statuto albertino, disciplinato dall'articolo 9 in riferimento ai periodi dei lavori della Camera dei deputati interni alla legislatura (sessioni).

La proroga delle sessioni consentiva di bloccare i lavori all'interno del Parlamento senza però sciogliere la Camera dei deputati, che rimaneva in stato di sospensione.

Nel momento in cui si voleva far riprendere i lavori parlamentari, le Camere riprendevano la loro funzione.

Riferimenti normativi[modifica | modifica wikitesto]